Una pattuglia dei carabinieri
Una pattuglia dei carabinieri

Trento, 22 febbraio 2021 - Nuovo caso di femminicidio. Nelle campagne di Maso Saracini nella zona di Cortesano, una piccola frazione a nord nel comune di Trento, un imprenditore agricolo, Lorenzo Cattoni, ha ucciso l'ex moglie, Deborah Saltori, con un'accetta, colpendola ripetutamente nella zona della carotide. L'uomo di 39 anni ha poi tentato il suicidio e ora è in gravissime condizioni, con un polmone perforato, all'ospedale 'Santa Chiara'.

Agli arresti domiciliari a casa dei genitori nel comune di Nave San Rocco, Lorenzo Cattoni poteva assentarsi dall'abitazione per motivi lavorativi e in passato aveva già ricevuto due ammonimenti dal questore di Trento: l'accusa era stata quella di violenza domestica, anche nei confronti di una presente compagna. Cattoni pochi mesi fa era stato tratto in arresto dalla squadra mobile di Trento perché aveva usato violenza, sia fisica che psicologica, nei confronti di Deborah Saltori, madre di quattro figli minori, di cui tre avuti da una precedente relazione sentimentale.

Sul posto ci sono gli agenti della squadra mobile, coordinati dal vicequestore Tommaso Niglio ed il pubblico ministero Carmine Russo.