2 mar 2022

Federica Farinella, la modella e i 3 dubbi del criminologo: "Perché non credo al suicidio"

"Fare il funerale domani non significa rinunciare alla ricerca della verità". La ragazza sparì 21 anni fa

rita bartolomei
Cronaca
featured image
Federica Farinella e il luogo del ritrovamento delle ossa

Torino, 2 marzo 2022 - Federica Farinella, la morte e il mistero. Il funerale 21 anni dalla scomparsa, domani 3 marzo. I resti della ragazza, ritrovati tra la fine del 2020 e il 2021 a seicento metri in linea d'aria dalla casa di campagna a Camerano Casasco da dove sparì, nel settembre 2001, avranno finalmente una sepoltura. "Una tomba sulla quale portare un fiore", ha detto commosso il papà Francesco. Aggiungendo però subito dopo: "Se sarà necessario, i resti saranno riesumati". Anche se la procura di Asti ha messo la parola fine alla storia con una parola: suicidio. "Fare il funerale per noi non significa mettere la parola fine alla verità", gli fa eco Fabrizio Pace, criminologo che lavora con Penelope, l'associazione nata per aiutare le famiglie degli scomparsi, Francesco Farinella è stato il presidente piemontese.

 

Federica Farinella
Federica Farinella

 

Approfondisci:

Federica Farinella, trovate altre ossa. Il criminologo: "Appartengono a lei"

Allora, omicidio o suicidio? Ecco i tre dubbi del criminologo.

Sommario

"Una mano misteriosa"


Dopo il primo ritrovamento casuale delle ossa da parte di un cacciatore, a ottobre 2020, la squadra di Penelope ha iniziato ricerche autonome che hanno portato alla scoperta di altri resti, in due momenti diversi. "Ma - svela il criminologo - qualcuno si è introdotto in quell'area e ha pulito tutto. Noi ne avevamo parlato sui giornali, quindi la notizia era nota. Questo è un elemento chiave, mi fa pensare che qualcuno aveva a che fare con quel luogo ed era necessario cancellare le prove". Quel luogo, insiste Pace, "è molto impervio, ci si arriva difficilmente. La vegetazione è molto intricata, i boschi abbandonati, è difficile anche orientarsi. Chi è andato lì, questa è la mia conclusione, ha a che fare con quel luogo".

Approfondisci:

Federica Farinella, il mistero della modella scomparsa: il funerale 21 anni dopo

Le sostanze psicotrope

"Non mi convince un altro aspetto: nelle disponibilità della ragazza c’erano tantissimi farmaci. Sono ancora conservati nella sua stanza, che è rimasta intatta dal giorno della scomparsa. Li prendeva per curare una depressione. E mentre ricordo questo non vorrei si pensasse a un automatismo, depressione uguale suicidio. Sono blister di plastica, avremmo dovuti trovarne tracce nel luogo dei resti. Invece niente". Il ragionamento del criminologo è: se Federica avesse voluto suicidarsi, avrebbe portato quelle medicine con sé.

Infradito sparite

Terzo punto oscuro: "Federica è sparita in infradito, short e maglietta. Le ciabattine non sono mai state ritrovate. Come poteva avventurarsi in quel luogo impervio così? E mi chiedo anche: possibile che questa ragazza non avesse addosso nemmeno una catenina, un anello, nulla. Ho cercato ovunque nel boschetto, anche con l'aiuto di un metal detector. Non abbiamo trovato nulla". 

Tra tante domande, una certezza. Dopo il coinvolgimento nelle indagini del celebre entomologo Stefano Vanin - capace di 'far palrare' gli insetti nei casi più difficili da risolvere - "oggi sappiamo che il corpo di Federica è sempre rimasto in quel luogo. Per me un posto perfetto per nascondere un cadavere. Spero che un giorno si possa arrivare all'esumazione delle ossa".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?