16 gen 2022

Fatima e quel tragico volo "La lanciavo per gioco"

La bimba di 3 anni è sfuggita alla presa del patrigno. "Ho nella testa quel tonfo". Mohssine Azhar, in cella, è accusato di omicidio volontario con dolo eventuale

Fatima, la bimba morta dopo una. caduta da 12 metri, aveva 3 anni
Fatima, la bimba morta dopo una. caduta da 12 metri, aveva 3 anni
Fatima, la bimba morta dopo una. caduta da 12 metri, aveva 3 anni

"Giocavo con Fatima sul balcone di casa. La lanciavo in aria e poi la riprendevo, con Lucia, la mamma, che ci guardava da sotto. Non so come sia potuto accadere". A raccontarlo al gip di Torino Agostino Pasquariello durante l’interrogatorio di garanzia è Mohssine Azhar, il 32enne fermato per la morte della bambina di 3 anni precipitata da un palazzo del centro di Torino e deceduta in ospedale per le gravi lesioni riportate. L’uomo di fronte al giudice ha anche ammesso di avere bevuto qualche bicchiere e di aver assunto hashish la sera di giovedì, ma ha ribadito di "non avere perso lucidità" se non quando si è reso conto che la bimba era caduta giù nel cortile interno del palazzo facendo un volo di 12 metri. Il giovane ha ammesso le proprie responsabilità, ribadendo però come si sia trattato solo di una tragica fatalità, senza alcuna volontà di arrecare la morte della piccola, nata da una precedente relazione della compagna. A confermare lo stato di postrazione del marocchino – che proprio giovedì mattina era stato condannato a 8 mesi per detenzione di droga – il suo avvocato: "Azhar non si dà pace" dice il suo legale Alessandro Sena, che ha incontrato il suo assistito nel carcere delle Vallette. "Adesso che è solo sta metabolizzando la tragedia ed è sconvolto. Non dimentichiamoci che ha saputo della morte della bimba, a cui voleva bene come a una figlia, pochi minuti prima di essere interrogato in procura venerdì mattina". L’uomo è accusato di omicidio volontario con dolo eventuale, ma la procura non ha ancora formulato l’imputazione per l’udienza di convalida del fermo che dovrebbe tenersi domani. Anche ieri sono continuate le visite e la deposizione di mazzi di fiori all’ingresso del palazzo. "Abbiamo sentito e letto quanto accaduto e siamo rimasti molto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?