"La strada giusta? Militarizzare. Santo cielo, la gestione delle emergenze non è democratica. Qualcuno si deve assumere la responsabilità. L’ho già detto tante volte, è il mio auspicio. Nella campagna vaccinale bisogna coinvolgere in modo forte la protezione civile con esercito, difesa, polizia di Stato, carabinieri... Un sistema organizzato, strutturato, con una possibilità di controllo sul territorio che solo loro hanno. Queste strutture difficilmente autorizzerebbero il vaccino alla moglie dell’assessore o alla cugina dello zio. Uno scandalo, se è vero che nella prima fase ci sono stati quasi 400mila intrufolati. Mi posso immaginare cosa succede dopo domani, con la campagna destinata al popolo". Agostino Miozzo, uomo della Protezione civile e coordinatore del comitato tecnico...

"La strada giusta? Militarizzare. Santo cielo, la gestione delle emergenze non è democratica. Qualcuno si deve assumere la responsabilità. L’ho già detto tante volte, è il mio auspicio. Nella campagna vaccinale bisogna coinvolgere in modo forte la protezione civile con esercito, difesa, polizia di Stato, carabinieri... Un sistema organizzato, strutturato, con una possibilità di controllo sul territorio che solo loro hanno. Queste strutture difficilmente autorizzerebbero il vaccino alla moglie dell’assessore o alla cugina dello zio. Uno scandalo, se è vero che nella prima fase ci sono stati quasi 400mila intrufolati. Mi posso immaginare cosa succede dopo domani, con la campagna destinata al popolo".

Agostino Miozzo, uomo della Protezione civile e coordinatore del comitato tecnico scientifico, dà voce a quello che tanti pensano. Oggi che la poltrona del commissario all’emergenza Domenico Arcuri è in bilico, legata al destino del suo sponsor principale, Giuseppe Conte, il malcontento per la dis-organizzazione del piano vaccini viene allo scoperto. E disegna un ’partito’ trasversale, dai medici ai tecnici. Non pare un caso che Walter Ricciardi, l’uomo più ascoltato dal ministro della Salute, Roberto Speranza, insista su quella stessa immagine, "campagna militare", evocando addirittura lo sbarco in Normandia, e "un generale che gestisca a livello nazionale il piano".

Covid, bollettino di oggi 1 febbraio. Dati Coronavirus Italia e regioni

Solo che i numeri ci riportano alla realtà. Un milione e 900mila gli italiani vaccinati in un mese – la categoria non sanitaria curiosamente cala di oltre 40mila unità tra il 22 gennaio e il 31 –, 297 i centri, 2.500-3.000 i vaccinatori in campo, mentre quando dovremo iniziare a fare sul serio abbiamo soldi per pagarne 15mila.

Fabrizio Pregliasco, virologo che fa opinione e presidente di Anpas, è diretto: "Siamo a disposizione ma finora formalmente non siamo stati coinvolti. Come mai? Immagino che ancora non abbiano deciso come fare. Evidentemente non hanno nemmeno ben chiaro quale sia la nostra forza. Noi siamo disponibili con i nostri mezzi, con le nostre ambulanze. Ma anche come supporto logistico, dovendo piazzare come immagino centri un po’ grossi. Siamo presenti in tutta Italia, abbiamo 1.100 sedi". Per dare un’idea: il solo sistema della Protezione civile – dentro anche Croce Rossa e Misericordie – può contare su 300mila volontari qualificati attivi. Solo quelli di Anpas sono 100mila, tutti del settore sanitario.

Perché è stata sprecata questa energia? Pregliasco corregge in parte: "Noi siamo già intervenuti sull’emergenza". Ma questa dei vaccini è la prova regina. "Sicuramente è la scommessa per recuperare anche l’economia – riconosce –. Ma l’aspetto sanitario è in capo alle Regioni". Eppure la decisione sul vostro coinvolgimento è politica. "Sicuramente – replica –. Diciamo che c’è stata un po’ di ambivalenza. Fin dall’inizio ci hanno chiesto attività sanitarie. Come la prova della temperatura negli aeroporti, lì proprio non sapevano come fare. Ma poi si è disquisito sulla tipologia dell’attività, perché quella sanitaria esula dal campo della Protezione civile". E nel frattempo, siamo affogati nell’emergenza.

"Non bisogna aspettare le strutture petalose, qui ci servono protezione civile, fiere, palazzetti dello sport, palestre, discoteche, che così possono avere anche un ristoro", traccia la direzione Carlo Palermo, segretario di Anaao-Assomed, il più potente sindacato medico. "Ci vogliono grandi centri, vedi quel che hanno fatto Israele e Germania – insiste –. Così possiamo concentrare il maggior numero di vaccini in un tempo ristretto. Entro settembre, dobbiamo arrivare a 45 milioni di italiani. Basta farne 400mila al giorno". Ricorda Palermo: "L’arruolamento è stato affidato a 5 agenzie interinali italiane che hanno avuto globalmente una disponibilità di circa 25mila operatori, quindi abbiamo 10mila persone in più di quelle finanziate, 3mila medici e 12mila infermieri". Tutto il resto è da vedere.