22 apr 2022

Errori nei quiz, graduatorie da rifare Il grande flop del concorso della scuola

Dopo i ricorsi, il ministero ammette gli sbagli e la commissione cambia le modalità di punteggio. Gli svarioni sulla Costituzione e su un test di Fisica. I sindacati avvertono: "Ci sono molte altre sviste"

giulia prosperetti
Cronaca

di Giulia Prosperetti Dopo oltre un mese dall’inizio delle prove scritte, e un rimpallo di responsabilità tra il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e l’ex titolare del dicastero Lucia Azzolina, il ‘mea culpa’ è finalmente arrivato. Investito fin dai primissimi giorni dalla polemiche, il concorso ordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado, definito da candidati e sindacati un ‘terno al lotto’, ha mostrato con evidenza tutti i suoi limiti. E per i bocciati, pari, in alcune commissioni, al 90%, si riaccende la speranza della tanto agognata immissione in ruolo. In seguito alla segnalazione inviata dalla Flc Cgil al ministero dell’Istruzione di diversi quesiti errati presenti nei test a crocette computer based sono arrivate le prime risposte. "La Commissione nazionale – ha annunciato il sindacato – ha riconosciuto che due quesiti non contengono alcuna risposta corretta tra le 4 opzioni proposte. Pertanto, ai fini del calcolo del punteggio, verranno riconosciuti a ciascun candidato due punti per qualsiasi risposta, anche nel caso di risposta non data". Dalla Costituzione alla Fisica, gli errori contenuti nel quizzone che ha messo in crisi i candidati sono eclatanti. ‘Cosa riconosce l’articolo 34 della Costituzione’ veniva chiesto nel test sottoposto alla classe ‘ADMM’ (sostegno scuola secondaria I grado), ma la risposta ritenuta esatta ‘la libertà d’insegnamento’ si riferisce all’articolo 33. E nessuna delle altre 3 opzioni (‘il ruolo degli istituti comprensivi nell’ambito territoriale’; ‘le modalità organizzative degli istituti paritari’; ‘l’autonomia delle istituzioni scolastiche’) conteneva la definizione corretta. Non è andata meglio ai candidati della A060 (Tecnologia nella scuola secondaria di I grado) ai quali è stato chiesto di effettuare calcoli dai risultati impossibili. ‘Se si immerge un solido avente massa 0,1 kg in un recipiente contenente 100 cm3 di acqua, – recitava la domanda – il livello di questo cresce e il volume totale del liquido ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?