Un'immagine di Emanuela Orlandi a Piazza San Pietro (Ansa)
Un'immagine di Emanuela Orlandi a Piazza San Pietro (Ansa)

Città del Vaticano, 10 aprile 2019 - Una "svolta storica". Il fratello di Emanuela Orlandi commenta così la notizia appresa stamani secondo la quale il Vaticano ha autorizzato l'apertura delle indagini sulla scomparsa della cittadina vaticana nel lontano giugno 1983. La conferma arriva dall'avvocato della famiglia Orlandi Laura Sgrò: "Stiamo seguendo gli sviluppi delle indagini delle Autorità vaticane - sottolinea la legale - auspicando una piena collaborazione" e specificando che gli accertamenti sarebbero legati alle verifiche su una tomba del cimitero teutonico

"ACCERTAMENTI IN FASE OPERATIVA" - "Nei giorni scorsi - spiega l'avvocato Sgrò - il promotore di giustizia del Tribunale vaticano, Gian Piero Milano, a margine di un incontro pubblico, aveva dichiarato che il Vaticano si stava occupando della vicenda. Come legale dei familiari, ho chiesto informazioni e ho avuto conferme ufficiali del fatto che tramite il tribunale e tramite la gendarmeria vaticana sono state avviate le indagini. Posso dire - conclude la legale - che gli accertamenti sono già in una fase operativa".  

LA GIOIA DEL FRATELLO - "Nei mesi scorsi abbiamo incontrato, io e in alcune occasioni anche il mio avvocato Laura Sgrò, il segretario di Stato Pietro Parolin con il quale abbiamo parlato del caso di Emanuela e abbiamo presentato le nostre richieste", afferma il fratello Pietro Orlandi, che prosegue gioioso: "Dopo 35 anni il Vaticano sta finalmente indagando. Speriamo - prosegue - che sia arrivato finalmente il momento per giungere alla verità e dare giustizia a Emanuela". 

LE ULTIME NOTIZIE - Risalgono a marzo le ultime notizie sul caso di Emanuela Orlandi. In una strana lettera indirizzata all'avvocato di famiglia era stata inserita una foto di una tomba 'sospetta' del cimitero teutonico, camposanto custodito all'interno delle Mura vaticane. Nella missiva, inoltre, era stato scritto di "cercare dove indica l'angelo". L'enigma della lettera aveva riacceso la speranza della famiglia Orlandi, la quale aveva presentato formale istanza al segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, per riaprire quella tomba. La risposta del Vaticano era arrivata subito: "Le richieste rivolte verranno studiate", aveva detto il portavoce ad interim della Sala Stampa vaticana, Alessandro Gisotti.