Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
10 giu 2022

"Monti impervi, boschi fitti e canaloni. Trovare quell’elicottero è un’impresa"

Frassinoro, il presidente del parco in cui si concentrano le ricerche. "Nessuno ha sentito rumori dal cielo"

10 giu 2022
walter bellisi
Cronaca
Le ricerche del veivolo. In alto, Giovanni Battista Pasini, sindaco di Lama Mocogno
Corrado Levorin, 33 anni, era ai comandi dell’elicottero Agusta Koala
Le ricerche del veivolo. In alto, Giovanni Battista Pasini, sindaco di Lama Mocogno
Corrado Levorin, 33 anni, era ai comandi dell’elicottero Agusta Koala

Pievepelago, 11 giugno 2022 - «La morfologia del territorio dove da giovedì sono in corso le ricerche dell’elicottero decollato da Lucca e scomparso probabilmente nella zona del crinale che unisce l’Emilia e la Toscana, non aiuta le squadre di soccorso formate da elicotteri, droni e uomini". Giovanni Battista Pasini, presidente dell’Ente Parchi Emilia Centrale, del quale fa parte il Parco regionale del Frignano, un’area naturale protetta con una superficie di 15mila ettari di cui 9mila sopra i mille metri sul livello del mare, a ridosso del crinale, che comprende la zona dove sono concentrate le ricerche del velivolo scomparso con le sette persone a bordo, chiarisce: "È la zona più alta di quell’area di Appennino modenese, molto ampia e impervia, con montagne che salgono a 1500-1600 metri, pendii scoscesi attraversati da corsi d’acqua, canaloni molto incisi, profondi. É scarsamente abitata e attraversata da poche strade, da pochi sentieri e piste forestali". Quindi le difficoltà non mancano ai soccorritori? "Quel territorio è difficile da perlustrare visivamente, perché coperto da bosco ad alto fusto molto fitto. Se l’elicottero che si sta cercando è nascosto dalle fronde degli alberi diventa difficile scorgerlo". È molto ampia la parte del parco interessata dalle ricerche? "Il parco copre l’intera zona nella quale si sta cercando l’elicottero, che va da San Pellegrino in Alpe a Piandelagotti di Frassinoro e a Sant’Anna Pelago, la parte più caratteristica dal punto di vista paesaggistico, ma anche la più impervia. É difficile stabilirne l’estensione da prendere in considerazione nelle ricerche, perché ogni cella telefonica copre tre chilometri di raggio, che in montagna possono corrispondere a un chilometro o a 5 o 6 chilometri. Una volta c’erano molte radure lassù, molti prati a pascolo, mentre ora quei pendii sono quasi interamente coperti da faggeti e da qualche abetaia. La vegetazione copre il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?