Letta ha proposto di dare una dote di 10mila euro a metà dei 18enni italiani, finanziandola con la tassa di successione delle famiglie con eredità

e donazioni superiori

ai 5 milioni di euro, che costituiscono l’1% del totale. La dote sarebbe assegnata in base all’Isee e destinata alla "generazione Covid", ovvero chi oggi ha tra i 13 e i 17 anni. Il denaro potrebbe essere speso per formazione e istruzione, piccola imprenditoria e lavoro, casa e alloggio. La tassa di successione, in generale, è il prelievo dello Stato sui patrimoni che vengono trasmessi agli eredi