L’icona degli stivaletti Dr. Martens ha mosso i primi passi alla borsa di Londra in grande stile, con un’ipo che valuta la società oltre 4 miliardi di euro. Il titolo Dr. Martens il 29 gennaio ha aperto in rialzo del 13% dopo la fissazione del prezzo dell’offerta al massimo del range indicativo, 370 pence, che ha consentito di raccogliere quasi 1,3 miliardi di sterline e comporta una capitalizzazione di mercato di 3,7 miliardi, quasi 4,2 miliardi di euro. La quotazione di Dr. Martens rappresenta una vittoria per l’azionista di maggioranza, il fondo di private equity Permira, che ha comprato la società nel 2014 per 380 milioni di euro. Dr. (‘Doc’) Martens, marchio inscindibile del movimento punk, è stato fondato nel 1960. Attualmente vende oltre 11 milioni di paia all’anno in oltre 60 Paesi con un fatturato annuo di 672 milioni di sterline. Dr. Martens ha sofferto di un calo di popolarità all’inizio degli anni 2000 ed è andata vicino al fallimento nel 2003. La produzione è stata delocalizzata in Cina, causando la soppressione di 1.000 posti di lavoro in Gran Bretagna. Poi l’acquisto nel 2014 di Permira.