26 feb 2021

Draghi striglia i big dei vaccini: basta scuse. Ecco dove si possono produrre in Italia

Il ministro Giorgetti: pronti a finanzarie un polo pubblico-privato. Ma servono i bioreattori e molti mesi di preparazione

rita bartolomei
Cronaca

L’obiettivo: produrre vaccini in Italia. E infatti nell’esordio al Consiglio Europeo, vertice straordinario in videoconferenza, il premier Mario Draghi usa parole severe e chiede cose precise: accelerare anche producendo in casa, mentre "le aziende che non rispettano gli impegni non dovrebbero essere scusate". Tanto che l’ex numero uno della Bce ha proposto un blocco delle esportazioni per impedire di vendere le dosi all’estero se non bastano quelle della Ue. "Massima disponibilità di strumenti normativi e mezzi finanziari", ci mette la faccia ieri a metà pomeriggio il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, dopo due ore di incontro con il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi. Che porge la mano: "Siamo pronti a collaborare". AstraZeneca: caos regioni: 9 dosi su 10 in frigo E si lavora a costruire un polo nazionale pubblico-privato, per dare una svolta, sognando l’indipendenza. Quindi lo Stato punta su un’industria d’eccellenza che però fino ad oggi su questo mercato globale era rimasta piuttosto ai margini. Si parla di riconversione ma anche di nuovi stabilimenti. Ma a quell’ora abbiamo già la certezza di essere rimasti molto indietro. Pfizer fa sapere di aver individuato e avviato trattative con 11 aziende che hanno stabilimenti in Europa per ampliare la produzione del vaccino, la mappa porta soprattutto in Germania e in Svizzera. Nel frattempo dalle stanze del Mise la discussione esce raddrizzata e incanalata sull’unica vera domanda, trovare i siti produttivi, dopo aver discettato per settimane di brevetti e licenze, inutilmente Scaccabarozzi metteva in guardia: non è quello il problema. Indice Rt Italia a 0.99. Il dato Regione per regione Il problema ad esempio è il tempo. Ci vogliono mesi per prepararsi. Ci vogliono più bioreattori, e il governo valuta di aumentarne il numero. Quindi oggi su cosa possiamo contare? I punti di questa mappa virtuale sono sempre gli stessi. Fanno rotta su ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?