Dpcm di Natale: le nuove Faq del governo
Dpcm di Natale: le nuove Faq del governo

Roma, 6 dicembre 2020 - Nella  battaglia al Coronavirus, dopo la firma del nuovo Dpcm (qui Pdf e allegati) che ha sancito la linea dura del governo in vista delle vacanze di Natale e Capodanno, mezza Italia è tornata gialla. Ma appare evidente che non è ancora il momento di abbassare la guardia, perché resta alto il rischio di una terza ondata del virus maledetto, anche se dall'ultimo bollettino Covid, la curva dei contagi frena ancora, per fortuna.

Dpcm Natale e spostamenti: le deroghe

Covid: bollettino del 6 dicembre

Intanto sono apparse nella notte, sul sito del governo, le nuove Faq relative al nuovo Dpcm del 3 dicembre, ma chi volesse consultare specificatamente le nuove regole per i giorni di festa - Natale, Capodanno, Epifania - rischia di rimanere deluso: le domande-risposte proposte non prevedono infatti quesiti come "In quanti possiamo stare a tavola per il cenone della vigilia?", che in molti si stanno chiedendo.
Il fatto è che, come è emerso dalla conferenza stampa di Conte di spiegazione del Dpcm, che "in un sistema libero e democratico non possiamo entrare nelle case dei cittadini con stringenti limitazioni, ma solo una forte raccomandazione: non ricevere a casa persone non conviventi, soprattutto in queste occasioni" del Natale e Capodanno. E aveva aggiunto: "La cautela è essenziale per proteggere i nostri cari, in particolare i più anziani".

Cosa si può fare a Natale e Capodanno? Domande e risposte

In ultima analisi, insomma, l'andamento 'sociale' di queste feste è demandato alla sensibilità dei cittadini. Appena ieri  il ministro della Salute Roberto Speranza la metteva così: "Sarebbe bello dire 'togliamo ogni limitazione, ognuno può tornare alla propria normalità'. Ma non diremmo la verità e ci troveremmo a pagare un prezzo enorme". 

La circolare del Viminale sugli spostamenti

Spostamenti tra regioni prima del 21 dicembre: cosa si può fare

Autocertificazione: cosa serve per spostarsi a Natale

Quanto agli spostamenti, forse esiste il rischio di ripetere l'esodo di massa da Nord a Sud intorno al 20 dicembre come quello vissuto nella notte tra il 7 e l'8 marzo (cosa che preoccupava il governatore lombardo Attilio Fontana), ma anche qui: dipenderà solo da noi.

Tornando alle nuove Faq - col sistema delle domande e risposte su ogni aspetto delle nuove regole - ribadiscono che nessuno è condannato a restare solo a Natale. Alla domanda "Posso andare ad assistere un parente o un amico non autosufficienti?" la risposta è: "Sì, è una condizione di necessità e quindi non sono previsti limiti orari", ricordando anche però che "sono categorie più vulnerabili e quindi cercate di proteggerle dai contatti il più possibile".