Più vaccini che cittadini a cui somministrarli. San Marino ha scorte abbondanti, soprattutto di Sputnik, ma in 9mila non hanno ancora prenotato la prima dose. Così il governo lancia l’appello a farlo entro aprile. Da lunedì i punti vaccinali rischiano di restare vuoti. All’appello mancano i cittadini tra i 18 e i 50 anni. "La campagna sta procedendo velocemente e i risultati si vedono: la curva dei contagi si è ridotta ed è calata la pressione sui reparti ospedalieri". Tra San Marino e il governo italiano continuano

i contatti per trovare un accordo per somministrare le dosi a migliaia di frontalieri italiani. Prima però serve il via libera di Ema e Aifa al vaccino Sputnik.