Due scosse di terremoto sono state registrate in Adriatico intorno alle 15 di ieri. La prima di magnitudo 5.6 a una profondità di 5 chilometri, la successiva, magnitudo 4.1, a una profondità di dieci chilometri. Il sisma è stato avvertito chiaramente dalla popolazione in Abruzzo, Campania, Basilicata, Molise e Puglia. Entrambe le scosse sono state distintamente avvertite anche in Croazia e, In Italia, anche sul versante opposto (tirrenico) a Napoli, Caserta e Salerno. Non si sono registrati danni.