Sono accusati di aver procurato migliaia di documenti falsi, anche per terroristi e foreign fighters, sette cittadini dell’est europeo arrestati a Milano e in altre città della Lombardia. Tra loro, Turko Arsimekov (nella foto), ceceno di 35 anni arrestato a Varese a novembre e legato a una persona in collegamento con Kujtimi Fejzulai, l’attentatore che a Vienna il 2 novembre ha ucciso 4 persone. Il ceceno sarebbe stato a capo per anni di una centrale di documenti falsi smistati in tutta Europa.