30 gen 2022

Divisi sul vaccino alla figlia Decide il giudice. Nel 2023

Bologna, contenzioso tra i genitori di una 13enne. L’udienza fissata tra un anno. Il paradosso: a quel punto non servirà più. Il padre: "Temo per la sua salute"

nicola bianchi
Cronaca

di Nicola Bianchi Segnatevi questa data: 24 febbraio 2023. Solo allora i giudici della Corte d’Appello decideranno sulla sorte vaccinale anti-Covid di una ragazza tredicenne. Tra un anno e 24 giorni. Scelta assurda per il padre perché aspettare tanto "potrebbe avere gravissime conseguenze per la salute di mia figlia e rendere addirittura vano il presente giudizio". Una ’guerra’ familiare sulla pelle della tredicenne, in affido condiviso tra gli ex mai sposati, andata a cozzare contro le maglie di una giustizia-lumaca, sempre più alle prese con problemi di organico, incapace di decidere ora, in piena crisi pandemica. Siamo a Bologna, dove la percentuale complessiva degli immunizzati è vicina al 90%: lui vaccinato, lei convinta ’no vax’ e accusata di aver "suggestionato" la figlia, inizialmente favorevole all’immunizzazione, e di "averle fatto il lavaggio del cervello" dopo "otto mesi vissuti esclusivamente con lei". Nemmeno l’invito della pediatra è servito a qualcosa, così il padre ha optato per le vie legali, presentando il 28 settembre 2021 ricorso in tribunale attraverso l’avvocato Lorenzo Casanova. "L’opposizione materna alla vaccinazione – scriveranno il 2 novembre i giudici della prima sezione civile del tribunale felsineo – si fonda essenzialmente su tre rilievi: il rifiuto espresso dalla minore di sottoporsi all’inoculazione del vaccino; la non conoscenza, allo stato, degli effetti collaterali; il grave rischio a cui sarebbe inutilmente sottoposta la ragazzina, trattandosi di un vaccino ancora in fase sperimentale". Per questo "è imprescindibile valorizzare la volontà della tredicenne", sentita quello stesso giorno e per Ctu e giudici apparsa "matura, serena, senza incertezze nel manifestare la volontà di non ricevere il vaccino, sia perché non particolarmente interessata alla vita sociale, sia perché spaventata dagli effetti dello stesso". A 13 anni, insomma, "deve ritenersi pienamente capace di discernimento, in grado di manifestare opinioni in merito e ciò che le sembra più opportuno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?