12 feb 2022

Ucraina, la via italiana per evitare la guerra. "Dialogo con Mosca senza cedere"

Il Segretario generale della Farnesina Ettore Sequi: c’è spazio per trattare, fermezza ma anche porte aperte

alessandro farruggia
Cronaca
featured image
Le forze armate russe proseguono l'esercitazione in Bielorussia

"Sull’Ucraina serve fermezza sui principi ma apertura e disponibiltà al dialogo con Mosca". Così l’ambasciatore Ettore Sequi, Segretario Generale della Farnesina. Ambasciatore, sull’Ucraina siamo di fronte ad una prova di forza più o meno sceneggiata o a una minaccia reale? "Certamente non lo si può chiamare semplicemente uno show off. Ovviamente c’è grande preoccupazione. Situazioni di questo tipo sono sempre delicate perché c’è il rischio di escalation, di incidenti. Dal nostro punto di vista riteniamo che ci sia spazio per la diplomazia. La posizione comune è di rimanere fermi sui principi dell’integrità territoriale dell’Ucraina e del suo diritto di determinare il proprio destino in termini anche di alleanze, ma allo stesso tempo vogliamo mantenere la porta aperta al dialogo con la Russia. Dialogo e fermezza dei principi: questo è quanto ha detto giovedì il Ministro Di Maio all’omologo russo Lavrov". Ucraina, è New York la prima cittadina che rischia di essere invasa dai russi Ucraina-Russia: i motivi della crisi e perché gli Usa stanno alzando la tensione In un’intervista al nostro giornale l’ambasciatore Sergio Romano ha detto che per uscire dalla crisi bisogna arrivare alla neutralità dell’Ucraina, offrendo però a Kiev l’ingresso nell’Ue. Può essere per percorso credibile? "Ho letto l’intervista. Sergio Romano è sempre molto interessante. Questa proposta non è nuova, alla fine del 2014 ne parlò anche Kissinger. Ma su un punto bisogna essere chiari, non è che certe soluzioni possono essere costruite a tavolino, non possono essere imposte. Ogni Paese sovrano ha il diritto di poter decidere il proprio destino. La Svezia non è parte della Nato perché lo ha scelto. Lo stesso deve poter fare Kiev. E la Nato deve poter decidere sul proprio allargamento, senza imposizioni da fuori. Il poter scegliere la propria politica estera è una conquista degli ultimi 30 anni e va difesa". ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?