9 feb 2022

Caos M5s, Di Maio rimanda lo showdown. Le voci: sapeva di Conte

Tra i contiani c’è chi pensa che fosse al corrente dell’imminente decisione del tribunale di Napoli. Dopo le dimissioni, l’incontro con l’ex sindaca Raggi per rilanciare la sua popolarità presso la base

antonella coppari
Cronaca
Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio (35 anni), ex capo politico del M5s
Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio (35 anni), ex capo politico del M5s

Roma, 9 febbraio 2022 - Per qualcuno sta fermo sulla riva del fiume aspettando speranzoso di veder passare il ’cadavere’ dell’avvocato Conte. Per altri, invece, briga e trama per dare una mano all’impetuosa corrente, e proprio questo sarebbe il motivo dell’incontro della settimana scorsa con Virginia Raggi, la pentastellata fornita della dote che manca al ministro degli Esteri: un’immensa popolarità presso la base militante. Nella ridda di voci, lui, Luigi Di Maio, resta muto. Imperscrutabile come la sfinge. Non si presenta neppure all’assemblea del gruppo alla Camera. Di certo, a levare le tende abbandonando il movimento Cinquestelle non ci pensa per niente. La tentazione non l’ha sfiorato neppure prima della decisione-bomba, quando i centristi facevano a gara per sedurlo, figurarsi ora che Conte è nei guai fino al collo. Ipotesi per ipotesi, va per la maggiore, soprattutto negli ambienti dell’ex premier, quella secondo cui il ministro napoletano sarebbe stato al corrente del verdetto del tribunale di Napoli in anticipo e per questo avrebbe bruciato i tempi dimettendosi dal comitato di garanzia. Non è certamente solo una voce quello secondo cui Di Maio in questo momento, attende gli eventi. E quelli nessuno può prevederli. Determinante è la posizione di Beppe Grillo. Comunque vadano le cose, Conte uscirà ulteriormente ammaccato dall’incresciosa vicenda. Lo statuto nelle cui spire è stretto fino quasi a soffocare in fondo lo ha scritto lui, e questo fa sganasciare i dimaiani. La leadership non c’è e non è nemmeno chiaro se e quando si formerà. Nel caos dei pentastellati l’unico punto fermo è ancora il capo fondatore, Beppe Grillo, ed è probabile che proprio su di lui conti Di Maio. Che l’Elevato nutra fiducia limitata nell’avvocato del popolo, che pure a suo tempo aveva promosso ad Elevato in seconda, è noto: l’intervento di ieri non smentisce, anzi rincara. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?