ROMA

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, lascia per un giorno le tensioni della politica e dal palcoscenico di 90° minuto invade il campo sportivo. Mentre l’Italia e il mondo piangono Pablito, campione del mondo dell’82, Di Maio lancia l’idea di un ‘triangolare della pace’, nel nome di Maradona, che veda in campo Agentina, Inghilterra e Italia, allo stadio di Napoli, la sua città. "Sono cresciuto con il mito di Diego", fa sapere. "Ne ho parlato con il ministro dello Sport Spadafora, è d’accordo", ha aggiunto poi Di Maio. Ricordando l’incontro a Messico ‘86, ha osservato che "quella partita era sentita, c’era tensione tra Argentina e Inghilterra"; mentre il triangolare "potrebbe essere la testimonianza che lo sport riesce a fare azioni diplomatiche dove la politica e la diplomazia non arrivano. Porteremo avanti l’idea nei prossimi mesi, ricordando Diego a Napoli metteremo insieme tre nazionali importantissime". "Bellissima proposta", ha subito rilanciato il titolare dello Sport. Poi su Rossi, Di Maio ha dichiarato: "Credo sia importante ricordarlo. Intitolargli lo stadio Olimpico? È un’idea che mi sembra bellissima, ma dovranno decidere le due società, Lazio e Roma". L’ospitata a 90° minuto ha avuto una coda polemica. Perplesso il senatore di FI Maurizio Gasparri: "Cosa c’entra Di Maio con la splendida immagine di Paolo Rossi non si capisce proprio".