24 feb 2022

Di Maio duro, battibecco con Mosca Ma le sanzioni dividono il governo

Premier e ministro degli Esteri alzano le barricate contro Putin. Il Cremlino: "Strana idea di diplomazia"

antonella coppari
Cronaca
Luigi Di Maio, 35 anni, guida la Farnesina dal 5 settembre 2019
Luigi Di Maio, 35 anni, guida la Farnesina dal 5 settembre 2019
Luigi Di Maio, 35 anni, guida la Farnesina dal 5 settembre 2019

di Antonella Coppari Dialogare senza trattare. La contraddizione nella posizione italiana sulla crisi Ucraina è innegabile e non sfugge agli occhi del Cremlino. "Una strana idea di diplomazia", commenta sarcasticamente il ministero degli Esteri russo. Che impartisce una lezioncina: "La diplomazia è stata inventata solo per risolvere situazioni di conflitto e alleviare la tensione, e non per viaggi vuoti in giro per i Paesi ad assaggiare piatti esotici ai ricevimenti di gala. I partner occidentali devono imparare ad usarla come professione". Il bersaglio è il responsabile della Farnesina, Luigi Di Maio, che in Parlamento ha dato voce alla linea messa a punto con Draghi che, di fatto, congela la missione a Mosca: "Riteniamo che non possano esserci nuovi incontri bilaterali con i vertici russi finché non ci saranno segnali di allentamento della tensione, come peraltro deciso da alleati e partner europei". Chiaro il riferimento al segretario di Stato americano Antony Blinken e al ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian che hanno annullato i colloqui con l’omologo russo Sergej Lavrov. Ma confrontarsi senza parlarsi è complicato. Tanto che dal quartier generale del Pd, mettono le mani avanti: non significa che l’incontro tra il premier e Putin sia escluso, vedremo. Imbarazzata, la Farnesina replica al governo russo: "No alle provocazioni, l’Italia è impegnata a trovare soluzioni diplomatiche per scongiurare una guerra". Lo stato un po’ confusionale che emerge dal fatterello indica una situazione generale. Tanto dai dibattiti parlamentari quanto dalle dichiarazioni estemporanee dei leader si evince un certo imbarazzo dietro l’apparente compattezza sulla linea ufficiale. Tutti sono d’accordo nel considerare gravissime le mosse di Putin e nel ritenere adeguate e misurate le sanzioni. I distinguo però corrono sotto pelle. Il principale verte sul fatto che quelle sanzioni colpiranno sì lo zar, ma anche chi ha deciso di comminarle. Non allo stesso modo: ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?