Sul caso indaga la Mobile (Ansa)
Sul caso indaga la Mobile (Ansa)

Roma, 22 maggio 2019 - Una ragazza ha denunciato di essere stata violentata da tre persone in una discoteca di Roma, nella zona del piazzale dello Stadio Olimpico, il 'Factory', nota meta della movida romana. L'episodio sarebbe successo nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 4. La ragazza, una studentessa 21enne etiope che vive nella capitale, si è presentata il lacrime alla direzione del locale dicendo di essere stata aggredita e abusata da tre soggetti, prima di essere soccorsa da alcuni presenti: è stata portata in ospedale per gli accertamenti del caso, che hanno confermato ferite compatibili con la violenza denunciata.

LE INDAGINI - ​Un ripostiglio, un locale annesso alla discoteca: la violenza sarebbe stata consumata in uno spazio angusto, secondo gli inquirenti, che stanno ripercorrendo tutta la serata della ragazza. "Il dato certo - hanno spiegato da piazzale Clodio - è che la ragazza avrebbe conosciuto un ragazzo all'interno della sala da ballo e poi l'avrebbe seguito all'esterno".  Una volta usciti, i due sarebbero stati raggiunti da due suoi amici. A quel punto sarebbe scattata la violenza di gruppo: non viene escluso che la giovane sia stata anche picchiata. Gli investigatori hanno appurato che nella zona non ci sono telecamere di sicurezza - si complicano, quindi, le ricerche dei presunti responsabili -, ma stanno vagliando le registrazioni dei circuiti di videosorveglianza ad ampio raggio, che potrebbero aver ripreso i tre responsabili negli istanti successivi. La procura di Roma ha aperto un'indagine per violenza sessuale di gruppo, coordinata dal procuratore aggiunto Maria Monteleone. A essere ascoltati dagli investigori sono stati anche alcuni ragazzi presenti alla serata.

IL RACCONTO DELLA RAGAZZA - "Mi ha invitato a ballare, poi siamo usciti e mi ha violentata". Così la giovane etiope ha raccontato agli agenti quanto accaduto la notte tra sabato e domenica, quando una serata in discoteca con gli amici si è trasformate per lei in un incubo. La 21enne, che studia e vive a Roma da qualche anno con la famiglia, ha spiegato che la sera di sabato si era recata con alcuni amici in un locale in piazzale dello Stadio Olimpico, dove un giovane le si è avvicinato e l'ha invitata a ballare. Lei ha acconsentito, e quando la serata stava volgendo al termine, i due sono usciti insieme dal locale. Poco dopo, sarebbe cominciato l'incubo: il ragazzo l'avrebbe spinta in un punto appartato, prima di lanciarlese addosso e dell'arrivo dei due amici. 

I TITOLARI DELLA DISCOTECA - A soccorrere la ragazza sono stati i titolari della discoteca stessa, secondo quanto riferiscono: "La ragazza è stata stuprata fuori (ma dalle indagini risulterebbe che il fatto sia avvenuto all'interno dello stesso locale, ndr), quando è rientrata in lacrime io e mio fratello l'abbiamo soccorsa - ha detto una dei proprietari -. Piangeva disperata, non riusciva a parlare. L'abbiamo fatta sedere e le abbiamo dato un bicchiere d'acqua, prima di chiamare 118 e polizia".