Lei è una monaca convinta no vax, lui, il fratello, un medico in pensione che al siero anti Covid crede al punto da essere uno dei vaccinatori volontari del sistema sanitario. La loro però non è rimasta una disputa di famiglia, perché il medico, sapendo che anche le altre 5 suore del monastero di Montegalda (Vicenza) sono contrarie all’iniezione, ha denunciato la cosa al vescovo della diocesi di Padova. La Diocesi ha risposto oggi all’appello: "Per quanto riguarda i vaccini, ci appelliamo alla responsabilità personale di ciascuno".