Roma, 1 aprile 2021 - Tutta l'Italia in zona rossa o arancione (ecco cosa può cambiare, domani, venerdì) dal 7 al 30 aprile. Ma con la possibilità di allentamenti nelle regioni in cui i dati miglioreranno. La scuola torna in presenza fino alla prima media in zona rossa. Spostamenti ancora vietati tra le regioni se non per motivi di lavoro, salute o necessità cvon l'obbligo dell'autocertificazioneBar e ristoranti chiusi (possibili solo asporto e consegna a domicilio) così come cinema, teatri e musei. Sospensione per i sanitari non vax. 

Zona rossa e arancione: cosa cambia dal 6 aprile

image

Autocertificazione per Pasqua: il modulo in Pdf

La mappa dell'Europa: in rosso scuro 7 regioni e 2 province italiane

Autocertificazione falsa: reato o no? Cosa si rischia e il nodo multe

Mercoledì 31 marzo il consiglio dei ministri ha dato l'ok al nuovo Decreto Covid che sostituirà il decreto 2 marzo a partire appunto da mercoledì 7 aprile. Stasera il decreto legge è stato firmato dal presidente Mattarella e pubblicato in Gazzetta Ufficiale: è in vigore. L'impianto delle restrizioni resta sostanzialmente inalterato. La mediazione tra i rigoristi (Speranza e Franceschini) e aperturisti (Salvini) ha prodotto questo risultato: "In ragione dell’andamento dell’epidemia, nonché dello stato di attuazione del Piano strategico nazionale, con particolare riferimento alle persone anziane e alle persone fragili, con deliberazione del Consiglio dei ministri - si legge nella bozza del decreto - sono possibili determinazioni in deroga al primo periodo e possono essere modificate le misure stabilite dal provvedimento".

Seconde case: dove si può andare a Pasqua

Nulla di più è peraltro specificato nel decreto su come declinare in concreto i due parametri - andamento dell'epidemia e attuazione della campagna vaccinale -, cosa che lascia una discrezionalità nelle decisioni al governo. Si può ipotizzare che se una regione avrà dati da zona gialla e un andamento soddisfacente della campagna vaccinale potrebbe godere di un allentamento delle restrizioni per alcune attività: quindi, ad esempio bar e ristoranti aperti per pranzo. E riapertura di musei e cinema. E quando ci sarà questo check in? Il decreto non specifica una data precisa, ma la prima rivalutazione potrebbe esserci dopo due settimane e quindi il attorno al 20 aprile.

1) Visite a parenti e amici

Fino al 30 aprile nelle zone rosse non sarà consentito andare a trovare parenti o amici una volta al giorno e in massimo due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi) come invece sarà permesso nel weekend di Pasqua, quando tutta Italia sarà in rosso. In zona arancione possibile nel territorio comunale una sola volta al giorno.

Seconde case

Confermata la possibilità di andare nelle seconde case anche in zona rossa con i soliti limiti (qui vi spieghiamo quali sono), a meno che non ci siano ordinanze regionali che lo vietino (qui vi spieghiamo dove adesso non si può andare: la mappa - Liguria - Puglia)

2) Coprifuoco

Nessuna modifica per quanto riguarda il coprifuoco serale, che scatterà alle 22 su tutto il territorio nazionale nelle zone rosse e arancioni. Non si potrà quindi uscire di casa fino alle 5 del mattino se non per validi motivi, che dovranno sempre essere dimostrabili.

3) Scuola

Scuola in presenza fino alla prima media anche in zona rossa. Le Regioni non potranno derogare e sarà quindi impossibile usufruire della didattica a distanza. In zona arancione, lezioni in presenza fino alla terza media.

4) Tempo libero

Chi vive in zona rossa o arancione può oltrepassare i confini del proprio comune, se sta correndo o andando in bicicletta, purché il punto di partenza e di arrivo coincidano. In zona rossa possibile fare una passeggiata nei pressi della propria abitazione sempre con la mascherina.

5) Concorsi pubblici

Dal 3 maggio 2021 è consentito lo svolgimento delle procedure selettive in presenza dei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni nel rispetto delle linee guida validate dal Cts.

6) Ordini professionali

Slittano di cinque mesi le elezioni per i consigli nazionali degli ordini professionali. Il voto, secondo il dl approvato ieri dal Consiglio dei ministri, dovrà svolgersi tassativamente entro questo termine.

7) Laguna di Venezia

Un concorso di idee per realizzare punti di attracco per le navi da crociera fuori dalle acque protette di Venezia. L’idea è quella di rilanciare il turismo, proteggendo la laguna. Sono stati stanziati 2,2 milioni per il 2021.

8) Palestre e piscine

Niente da fare anche per palestre e piscine: restano chiuse fino al 30 aprile.

9) Negozi

In zona rossa i negozi sono chiusi ad eccezione delle peraltro tante deroghe previste dall'allegato 23 (qui vi diciamo quali sono: l'elenco in Pdf).