2 mar 2022

Decine di coltellate Barista ucciso a Chicago

Diego Damis, 41 anni, perugino, massacrato mentre tornava dal lavoro. Si segue la pista passionale anche se la vittima è stata trovata senza portafogli

Diego Damis, 41anni, originario di Perugia, è stato accoltellato a Chicago
Diego Damis, 41anni, originario di Perugia, è stato accoltellato a Chicago
Diego Damis, 41anni, originario di Perugia, è stato accoltellato a Chicago

Colpito con decine di coltellate e lasciato morire a terra ad Hyde Park. È finita così la vita di Diego Damis, 41 anni, barista perugino che dal 2015 si era trasferito a Chicago dove lavorava al The Cove Lounge. La brutale aggressione è avvenuta alle prime ore del mattino di venerdì scorso nell’isolato 4900 di South Greenwood, mentre la vittima tornava a casa dopo il lavoro. Inutile la corsa dei soccorritori al Chicago Medical Center. Forse Damis è stato vittima di una rapina, ma non si esclude anche una pista passionale. Le indagini sono in corso e al momento non ci sarebbero persone fermate. Gli amici e i conoscenti di quello che tutti ricordano come una persona speciale sempre attenta ai più fragili, stanno facendo appelli sui social a chiunque abbia visto qualcosa che possa aiutare la polizia a individuare i colpevoli. "Non sappiamo cosa sia successo a Diego – dice disperata la sorella Laura –. A noi è stato detto il minimo indispensabile... è un dolore immenso. È troppo crudele morire così". Laura è sconvolta e non riesce a capacitarsi di quanto sia successo. Spiega di essere in partenza per gli Stati Uniti da Perugia con un altro fratello, Andrea. Secondo i familiari Diego è stato trovato senza più il portafogli addosso. "È stato massacrato senza un motivo – ripete in lacrime la sorella –, perché un portafoglio non può essere la ragione per uccidere in questo modo una persona". Il pensiero della giovane donna va al ricordo di quel fratello così buono. "È impossibile raccontare Diego in poche parole – dice –, perché aveva infinite sfaccettature: era un’anima gentile e generosa, era introverso, un po’ impacciato, bravissimo a giocare a scacchi ma anche a dipingere e a cucinare. Leggeva tanto, sapeva la Divina Commedia a memoria, era sempre sorridente ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?