Roma, 11 novembre 2021 - Continua a crescere l'epidemia di Covid in Italia, come evidenziano i dati del bollettino dell'11 novembre (qui quello aggiornato a oggi 12 novembre): i nuovi contagi hanno superato quota 8.500 e in molte Regioni torna lo spettro della zona gialla. E' boom di casi, infatti, in Veneto e Lombardia, dove si è superata la soglia dei mille nuovi positivi. Come ha sottolineato anche il rapporto della fondazione Gimbe, crescono del 37,7% i nuovi casi settimanali di Covid-19, del 14,8% i ricoveri in ospedale e del 9,4% le terapie intensive. Mentre gli attualmente positivi superano quota 100.000. "Per la terza settimana consecutiva - dichiara Nino Cartabellotta, presidente Gimbe - si conferma un incremento dei nuovi casi settimanali e una media giornaliera più che raddoppiata in meno di un mese, da 2.456 il 15 ottobre a 5.870 il 9 novembre". Crollano del 75% in tre settimane le prime dosi di vaccino e ancora 2,7 milioni sono gli over 50 da vaccinare. 

Covid, allarme Gimbe: salgono morti e terapie intensive /  Mappa Ecdc

Green pass, verso la stretta. L’ipotesi: darlo solo ai vaccinati

Covid, curva dei contagi sale ancora. Terza dose per tutti, ma quando?

La mappa dei contagi in Italia dell'11 novembre

Covid, 100 casi tra pellegrini Medjiugorje. Quasi tutti non vaccinati

Sommario

Il bollettino dell'11 novembre

Ancora in netto aumento la curva epidemica in Italia. I nuovi casi nelle 24 ore sono 8.569, contro i 7.891 di ieri: mai così tanti dall'8 maggio scorso. Con 595.812 tamponi, oltre centomila più di ieri, tanto che il tasso di positività cala leggermente all'1,4% (ieri 1,6%). In aumento anche il trend dei decessi, 67 oggi (ieri 60), per un totale di 132.618 vittime dall'inizio dell'epidemia. Frena invece la crescita delle terapie intensive, che segnano -1 (ieri +2) con 37 ingressi del giorno, scendendo a 422, mentre sono ancora in rialzo i ricoveri ordinari, +62 (ieri +11), 3.509 in tutto. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute. 

La regione con più casi odierni è il Veneto (+1.077), seguita dalla Lombardia (+1.066), tornate entrambe dopo mesi sopra quota mille, e poi Campania (+959), Lazio (+894) e Friuli Venezia Giulia (650). I contagi totali in Italia dall'inizio della pandemia sono 4.835.435. I guariti sono 4.569 (ieri 2.654) per un totale di 4.595.897. Ancora in rialzo il numero degli attualmente positivi, 4.061 in più (ieri +2.654), che salgono a 106.920. Di questi, sono in isolamento domiciliare 102.989 pazienti.

Terza dose, Speranza: "Dal primo dicembre a 40-60enni"

Le regioni / Veneto

In Veneto dopo mesi i contagi Covid tornano a sfondare la quota psicologica dei 1.000 casi giornalieri. Nelle ultime 24 ore sono state 1.077 le persone risultate positive ai tamponi. Si registrano anche 5 vittime. Numeri che confermano la nuova ondata in atto, e che non si vedevano dall'inverno scorso. Schizza verso l'alto il numero dei soggetti attualmente positivi, 14.224 (+615). L'andamento dei dati ospedalieri non mostra invece segni di criticità: i ricoverati con Covid nei reparti non critici, sono 269 (-4), quelli nelle terapia intensive 59 (+2).

Campania

Aumenta il tasso di contagio in Campania. Nelle ultime 24 ore sono 959 i positivi al Covid su 29.372 test esaminati. Ieri l'indice era pari al 2.97%, oggi è pari al 3,26%. Tre i decessi nelle ultime 48 ore e altre 3 deceduti in precedenza ma registrati ieri. Negli ospedali calano a 17 i ricoveri nelle terapie intensive (-3 rispetto a ieri); aumentano, invece, in degenza visto che sono 290 i posti letto occupati (+7 rispetto a ieri).

Lombardia

Nel pomeriggio Guido Bertolaso aveva anticipato la situazione contagi della Lombardia: "La regione è ancora bianca - aveva spiegato il coordinatore della campagna vaccinale anti-Covid -, non vi sono limitazioni particolari perchè siamo ancora su dati abbastanza buoni, ma vediamo che ogni giorno si stanno incrinando e ci stanno portando verso una situazione che potrebbe cambiare da bianca a gialla". E oggi i nuovi contagi in Regione hanno superato quota 1.000: sono 1.066 6 i morti. In totale, dall'inizio dell'epidemia, in regione ci sono stati 34.216 decessi. I tamponi processati sono stati 130.809, per un'indice di positività dello 0,8%. I pazienti Covid in terapia intensiva salgono a 45 (+3), mentre i ricoverati a 409 (+7). Nelle province lombarde la situazione è la seguente: nel Milanese 294 contagi, di cui 133 a Milano città; Bergamo: 66; Brescia: 134; Como: 79; Cremona: 40; Lecco: 24; Lodi: 20; Mantova: 47; Monza e Brianza: 106; Pavia: 41; Sondrio: 30; Varese: 129.

Lazio

Oggi nel Lazio "su 14.662 tamponi molecolari e 22.894 tamponi antigenici per un totale di 37.556 tamponi, si registrano 894 nuovi casi positivi (+98), 8 i decessi (+3), 535 i ricoverati (+14), 68 le terapie intensive (+6) e +441 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,3%. i casi a Roma città sono a quota 344". Lo sottolinea l'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato. 

Emilia Romagna

Sono 617 i nuovi casi di positività al Coronavirus individuati in Emilia-Romagna sulla base di circa 30mila tamponi messi a referto. Si contano ancora sette morti: si tratta di persone sopra gli ottanta anni, cinque nel Bolognese (uno dei quali a Imola), uno a Modena e uno a Rimini. Mentre il 95,7% dei circa 9mila casi attivi è in isolamento domiciliare crescono i ricoverati nei reparti Covid, che sono 363 (13 in più di ieri), mentre in terapia intensiva i pazienti sono 40, uno in meno di ieri. Dei nuovi positivi circa un terzo (222) sono asintomatici e la loro età media è di 41,1 anni. La situazione più preoccupante in termini di aumenti di contagi si registra nella provincia di Forlì-Cesena dove i nuovi positivi sono 123, un numero più alto in termini assoluti anche delle più popolose province di Modena (117) e Bologna (89, 26 dei quali nell'Imolese).

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 7.805 tamponi molecolari sono stati rilevati 609 nuovi contagi con una percentuale di positività del 7,8%. Sono inoltre 21.574 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 41 casi (0,19%). Nella giornata odierna si registrano 6 decessi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 19, mentre i pazienti in altri reparti risultano essere 127. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, evidenziando che "il rilevante aumento dei contagi di oggi registrato in Friuli Venezia Giulia si riflette in maniera marcata sugli isolamenti, mentre la domanda ospedaliera resta stabile. Una situazione che conferma l'efficacia del vaccino nell'evitare, in caso di contagio, l'insorgenza di sintomi così gravi da richiedere il ricovero".

Sicilia

In crescita i dati del contagio in Sicilia. I nuovi positivi, secondo il bollettino del Ministero della Salute, sono 604, in aumento rispetto ai 572 di ieri a fronte però di un numero superiore di tamponi processati, 26.251 e che determina un tasso di positività al 2,30%. Stabili i decessi a 9, 419 i guariti, balzo degli attualmente positivi di 188 unità toccando quota 8.859. E stabili anche i ricoveri nei reparti ordinari, 321 (+1), calano leggermente i degenti nelle terapie intensive, 47 (-3) con 1 nuovo ingresso. In isolamento domiciliare ci sono 8.491 persone.

Toscana

Sono 509 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Toscana su 36.741 test di cui 10.474 tamponi molecolari e 26.267 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 1,39% (4,8% sulle prime diagnosi). Questi i dati diffusi dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. Continua il trend di aumento dei contagi, che rispetto a ieri segnano un nuovo balzo (erano 418), a fronte però di un maggior numero di test (erano 26.625) e conseguentemente il tasso di positività scende (era 1,57%).

Alto Adige

In Alto Adige cresce la preoccupazione per la quarta ondata di Covid-19. I nuovi casi sono 425 su 1.644 tamponi molecolari processati nella giornata di ieri. Un dato analogo non si registrava da metà febbraio scorso quando la provincia di Bolzano aveva iniziato da pochi giorni il terzo lockdown. Nelle ultime 24 ore due le persone decedute per un totale di 1.211 vittime dall'11 marzo 2020, giorno del primo decesso collegato al coronavirus. Stabile la pressione sugli ospedali con 68 pazienti covid ricoverati nei normali reparti e 4 in terapia intensiva. Su 250.604 persone sottoposte a tampone molecolare, 83.239 sono risultate positive. I guariti totali sono 79.525 mentre continua a crescere il numero delle persone in quarantena che sono 4.986.

Piemonte

Oggi l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 376 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 173 dopo test antigenico), pari allo 0,6% di 58.391 tamponi eseguiti, di cui 52.189 antigenici. I ricoverati in terapia intensiva sono 23, negli altri reparti 243 (+17 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 5.036. I tamponi diagnostici finora processati sono 8.881.053 (+ 58.391 rispetto a ieri), di cui 2.414.739 risultati negativi. Quattro decessi di persone positive al test del Covid-19 (nessuno di oggi) sono stati comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte, il totale diventa quindi di 11.843. I pazienti guariti diventano complessivamente 375.253(+ 213 rispetto a ieri).

Liguria

In Liguria sono stati registrati 358 nuovi casi di Coronavirus ed altri 2 decessi. Lo ha reso noto la Regione, sottolineando che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 3.905 tamponi molecolari e 11.794 tamponi antigenici rapidi ma che 117 nuovi casi positività risalgono al periodo compreso tra il 19 ottobre e l'8 novembre a causa di problemi tecnico informatici nella trasmissione dei dati. Al momento in tutto il territorio ligure sono 111 i pazienti Covid ricoverati in ospedale, uno meno di ieri, di cui 9 in terapia intensiva. Sono 3.177, invece, le persone attualmente positive, 229 più di ieri, e 2.498 quelle sottoposte a sorveglianza attiva.

Puglia

Oggi in Puglia sono stati registrati 21.580 test per l'infezione da Covid-19 e 262 casi positivi: 64 in provincia di Bari, 34 nella provincia di Barletta, Andria, Trani e 21 in quella di Brindisi, 39 in provincia di Foggia, 41 in provincia di Lecce, 60 in provincia di Taranto, 2 residenti fuori regione e una di provincia in via di definizione. Inoltre sono stati registrati 2 decessi. Attualmente sono 3.565 le persone positive, 155 sono ricoverate in area non critica e 19 in terapia intensiva. Complessivamente dall'inizio dell'emergenza i casi totali sono stati 275.150 a fronte di 4.399.207 test eseguiti, 264.727 sono le persone guarite e 6.858 quelle decedute.

Marche

Nelle Marche registrati 230 nuovi contagi con un tasso di incidenza positivi che si avvicina a quota 90. Il servizio Sanità della Regione comunica che un 80enne pesarese, con patologie pregresse, è morto a causa del Covid all'ospedale di Pesaro Marche Nord. Con questa nuova vittima il bilancio, da inizio emergenza, sale a 3.119 decessi: 1.746 uomini e 1.373 donne con un'età media di 82 anni che, nel 97,2% dei casi, presentavano patologie pregresse. La provincia di Pesaro Urbino resta quella più colpita dalla pandemia con 997 vittime, seguita da Ancona (992), Macerata (535), Fermo (309) ed Ascoli Piceno (250) mentre sono 36 le persone decedute che provenivano da fuori regione. I contagi oggi sono saliti a 117.941 (+230) di cui 11.887 dimessi/guariti (+210), 2.844 in isolamento domiciliare (+21) e 91 ricoverati (-2). Tra questi i pazienti in terapia intensiva scendono da 22 a 21 (otto a Pesaro Marche Nord, sette ad Ancona Torrette di cui due in pediatria, tre a Fermo e tre a San Benedetto del Tronto), quelli in semi intensiva passano da 25 a 23 (19 a Marche Nord, due a Macerata e due a San Benedetto del Tronto), mentre quelli in reparti non intensivi salgono da 46 a 47 (sette a Marche Nord di cui tre in ostetricia, 21 al Torrette di cui uno in ostetricia e 19 a Fermo).

Sardegna

Contagi in aumento in Sardegna, dove nelle ultime 24 ore si registrano 114 nuovi casi di positività al Covid (+12), sulla base di 1.940 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 8.515 test per un tasso di positività dell'1,3%. Dopo cinque giorni senza vittime, si registra il decesso di un uomo di 93 anni, residente nella Città Metropolitana di Cagliari. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 8 (2 in più rispetto a ieri), mentre quelli ricoverati in area medica sono 47 (- 3). I casi di isolamento domiciliare sono 1.647 (82 in più rispetto a ieri).

Umbria

Dopo giorni di crescita registrano un piccolo calo gli attualmente positivi al Covid in Umbria, 1.446, 26 in meno di mercoledì in base ai dati sul sito della Regione. Ancora in diminuzione i ricoverati negli ospedali, 40, uno in meno, sei dei quali, erano sette, in terapia intensiva. Nell'ultimo giorno non sono stati registrati altri morti per il virus. I nuovi casi sono stati invece 66 e 92 i guariti. Sono stati analizzati 2.237 tamponi e 9.089 test antigenici, per un tasso di positività pari allo 0,58 per cento (era 0,99 mercoledì).

Abruzzo

Sono 145 (di età compresa tra 2 e 87 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 84246.Il bilancio dei pazienti deceduti non registra alcun nuovo caso e resta fermo a 2566. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 79074 dimessi/guariti (+50 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 2606* (+95 rispetto a ieri).

Le altre regioni

In Basilicata 25 nuovi casi, in Molise 12 e in Trentino 75. Sono altri 202 i nuovi positivi in Calabria rilevati nelle ultime 24 ore, 21 in Valle D'Aosta