Daniele Belardinelli, il tifoso dell'Inter morto negli scontri prepartita (Ansa)
Daniele Belardinelli, il tifoso dell'Inter morto negli scontri prepartita (Ansa)

Milano, 29 dicembre 2018 - Si sfoga su Facebook e chiede rispetto per il suo dolore la mamma di Daniele Belardinelli, il tifoso morto durante la guerriglia prima di Inter-Napoli fuori da San Siro. Nel giorno dei nuovi scontri tra ultrà (peraltro in autostrada), la donna rompe il silenzio. "Mio figlio è morto da un giorno, nessuno può avere idea di cosa posso provare, è indescrivibile. Vi prego basta. Daniele deve riposare in pace", inizia la madre del 35enne. 

"Sono la mamma di quel ragazzo che è morto negli scontri tra ultras, leggo che era un delinquente, i telegiornali lo dicono, i social lo dicono - continua il post -, ma io sono sua madre, quella che l'ha tenuto tra le braccia con amore e visto crescere". "Sono quella che lo sgridava per ogni sbaglio, ma anche quella che ha avuto i suoi abbracci e i suoi buongiorno al cellulare", prosegue la madre del 35enne tifoso interista.

"Daniele era un figlio affettuoso e un uomo generoso, solare e sorridente e non il figlio che descrivete", ricorda. E conclude: "Non lo giustifico ma vi chiedo da madre di lasciarlo in pace da adesso, che sia ricordato come io lo ricordo fuori dal mondo del calcio, figlio, padre, marito e fratello dolcissimo".

LE INDAGINI - Intanto uno dei tre tifosi arrestati ha fatto il nome di uno degli ispiratori dell'attacco alla carovana dei Van dei tifosi napoletani nel giorno di Santo Stefano. L'uomo sta rispondendo alle domande del gip di Milano Guido Salvini nel carcere di San Vittore e avrebbe indicato uno del leader della Curva dell'Inter. Il suo avvocato è stato costretto a rinunciare al mandato in quanto l'altro ultrà indicato era già un suo assistito.