La road map decisa nella cabina di regia prevede la riapertura dal 1 luglio delle attività di sale giochi, sale

scommesse, sale bingo e casinò. Non si erano arresi all’incertezza i 150mila addetti del gioco pubblico in concessione, addetti della distribuzione specializzata, delle sale bingo, scommesse, slot e case da gioco. "Veramente non ci sono più aggettivi per descrivere la cattiveria assoluta del mondo politico verso il settore del gioco pubblico. La data del primo luglio per la

riapertura delle sale scommesse è davvero una cosa fuori logica, senza senso se non quello di commettere l’ennesimo sopruso nei confronti delle stesse". Ad affermarlo è Maurizio Ughi di Giocare Italia ad Agimeg commentando la decisione della cabina di regia di

riaprire sale giochi, sale scommesse e sale bingo il 1° luglio dopo oltre 300 giorni di chiusura.