Il pilota francese Pierre Cherpin (Ansa)
Il pilota francese Pierre Cherpin (Ansa)

Roma, 15 gennaio 2021 - Ancora una tragedia alla Dakar. La maledizione del durissimo raid motoristico nel deserto ha purtroppo ha colpito anche l'edizione 2021 della grande corsa quest'anno disputata nel deserto dell'Arabia Saudita.

È morto infatti il pilota francese 52enne Pierre Cherpin che, in sella a una Husqvarna, partecipava alla sua quarta Dakar. Cherpin era caduto il 10 gennaio scorso, in occasione della settima tappa, riportando gravi ferite alla testa. Dopo un primo intervento chirurgico a Gedda, Cherpin stamattina è stato trasportato d'urgenza a Lille in Francia per una nuova operazione, ma è morto durante il viaggio aereo, proprio nei minuti conclusivi dell'ultima tappa, con arrivo a Gedda.

Gli organizzatori in una nota spiegano nel dettaglio: "Il francese Cherpin era caduto durante la settima tappa da Ha'il a Sakaka, in Arabia Saudita, il 10 gennaio. È stato raggiunto in elicottero e trovato privo di sensi dai medici al chilometro 178, quindi trasportato all'ospedale di Sakaka, dove il referto medico ha rivelato un grave trauma cranico.  Dopo un intervento chirurgico d'urgenza, le sue condizioni sono rimaste stabili ed è stato trasportato in aereo da Sakka all'ospedale di Jeddah, da dove sarebbe stato trasferito in un ospedale a Lille, in Francia".

Questo era stato il quarto Rally Dakar di Cherpin che avevapartecipato per la prima volta nel 2009 in Sud America. 

La gara

Con un vantaggio di 15 minuti in classifica generale su Nasser al-Attiyah, Stephane Peterhansel è a solo una tappa, la speciale di 225 km, dalla vittoria numero 14 alla Dakar.