28 gen 2022

"Dagli anni di piombo a quelli del Covid Il disagio esistenziale dei giovani"

Vittorio Nocenzi (Banco) ripubblica un disco del 1976: "Ma i ragazzi di oggi non si siedono più attorno a un tavolo, chattano"

sandro neri
Cronaca
Il tastierista Vincenzo Nocenzi, 70 anni, è il fondatore del Banco del Mutuo Soccorso
Il tastierista Vincenzo Nocenzi, 70 anni, è il fondatore del Banco del Mutuo Soccorso
Il tastierista Vincenzo Nocenzi, 70 anni, è il fondatore del Banco del Mutuo Soccorso

di Sandro Neri   Il contesto, le vicende sullo sfondo sono diversi: la lotta armata, gli scontri nelle università occupate, la crisi delle ideologie allora; i No Vax in piazza, la violenza dei ragazzi delle periferie, i danni della Dad e del distanziamento sociale oggi. "Ma c’è un filo sottile che lega i giovani del 1976 a quelli di adesso: ed è il disagio esistenziale", osserva Vittorio Nocenzi, 70 anni, compiaciuto, nell’analizzare le nove tracce del disco, della singolare contemporaneità di ’Come in un’ultima cena’. L’album del Banco del Mutuo Soccorso, pubblicato originariamente nell’ottobre 1976, è da oggi di nuovo nei negozi in una stampa in vinile colorato a 180 grammi, ricavata dai master originali. "L’ultima cena, quella del Vangelo come quella dei protagonisti del nostro disco – precisa Nocenzi, che del Banco è fondatore, autore di musiche e testi (questi con Francesco Di Giacomo) e tastierista –, è sempre un momento di verità. Quello in cui questa va affrontata, senza procrastinare oltre il confronto. Noi l’abbiamo fatto 46 anni fa, con lealtà e realismo; oggi è tempo che i giovani facciano altrettanto. Con una difficoltà in più. Perché i ragazzi di oggi non si siedono intorno a un tavolo, come facevamo noi, ma si limitano a chattare". Chi erano i ragazzi seduti al tavolo allora? "Idealmente, noi sei del Banco. In rappresentanza, però, dei giovani della nostra generazione, incarnati da un normale ragazzo del nostro pubblico e dai suoi amici. Immaginiamo che li veda a cena per chiedere loro aiuto. Sta male, vive un disagio crescente, esistenziale, dovuto alla crisi dei valori in cui si era identificato e alle profonde trasformazioni sociali intorno a lui". L’album è la fotografia di un momento particolare della nostra storia recente. "Un momento di fuoco, di scontri violentissimi come quello all’Università La Sapienza ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?