Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 giu 2022
30 giu 2022

Da oggi negozi obbligati ad accettare il Pos. Ma i tabaccai chiedono di essere esentati

Sanzione di 30 euro più il 4% dell’incasso per chi non si adegua

30 giu 2022

Scatta da oggi l’obbligo dei Pos e le sanzioni per commercianti, artigiani e professionisti che non consentiranno ai clienti di pagare con carte e bancomat. La novità trova il plauso dei consumatori, mentre sono evidenti le preoccupazioni delle associazioni di settore e in particolare i tabaccai chiedono un esonero. "La lotta all’evasione fiscale, tramite l’obbligo di accettazione di pagamenti con carta e bancomat, è un controsenso nel caso delle tabaccherie che sono, infatti, concessionarie dello Stato", afferma Assotabaccai.

Un tema che sembra far breccia nel governo tanto che in parlamento è stato accolto un ordine del giorno nel quale si è impegnato a prevedere un credito d’imposta del 100% sui maggiori costi , a fronte dell’utilizzo della carta per acquisti di pochi centesimi. L’obbligo è accompagnato da una sanzione di 30 euro , al quale si aggiunge un 4% dell’importo del valore della transazione rifiutata . In caso di rifiuto di un pagamento di 100 euro tramite il Pos, il commerciante andrebbe incontro ad una sanzione da 34 euro (30 euro di ammenda fissa e 4 euro per quella variabile).

Obbligo Pos: cosa succede se c'è un rifiuto

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?