24 gen 2022

Cuccioli di cane in gabbia trovati ad Aversa. Viaggio dell'orrore, "molti moriranno"

Trentanove cagnolini di razza barboncino e bulldog francese sequestrati dalla Finanza 

Caserta, 24 gennaio 2022 - Trentanove cuccioli di cane rinchiusi in tre piccole gabbie, tipo quelle utilizzate per i polli, stivate nel bagagliaio di una macchina, in condizioni inadeguate sia per mancanza d’igiene che per la presenza di ferri sporgenti e arrugginiti che esponevano i cani a sofferenza e grave pericolo. È la scena che si sono trovati davanti uomini della Guardia di Finanza di Aversa quando hanno fermato, all’altezza del casello autostradale di Marcianise, un uomo alla guida di una vettura, sulle cui tracce i finanzieri erano già da tempo.

Approfondisci:

La rinascita di Cenerino, il cucciolo di maremmano salvato dagli incendi in Sardegna

Il contrabbandiere 

I finanzieri tenevano d'occhio da tempo l'uomo, che ha contatti in Ungheria. Lo 'scambio', rivelano gli investigatori, avveniva al confine. Cuccioli di maltesi, bulldog  francesi, barboncini hanno affrontato un viaggio dell'orrore. Duemila chilometri stipati nelle gabbie, impilate una sull'altra, in condizioni igieniche disastrose, con escrementi ovunque. Molti di loro sono arrivati a destinazione in condizioni di salute pessime. Non tutti, è la previsione, riusciranno a salvarsi. Ora i cuccioli sono nelle mani di affidatari amerevoli.

Il mercato

Il mercato nero dei cuccioli è floridissimo. I prezzi: ogni cagnolino vale almeno 1.000-1.500 euro, ma i barboncini si vendono anche a 2.500 euro.

Le regole

Per ogni cucciolo, ricorda la Finanza, serve innanzitutto  la documentazione fiscale, per accertare l'acquisto e l'esatta origine. Poi il pedigree e il certificato veterinario, per provare  che l'animale è in salute. Ogni cane in auto dovrebbe viaggiare in una cuccia. In un doblò possono essere sistemati al massimo due cani. 

Le indagini

Dopo un tentativo per giustificare l’illecita detenzione dei cuccioli, l’uomo ha ammesso di averli presi in una località friulana da un ungherese, in precedenza contattato tramite il web, per venderli sul mercato nero, un guadagno stimato intorno ai centomila euro.  È stato denunciato alla procura di Santa Maria Capua Vetere per traffico illecito e maltrattamento di animali.

I cuccioli sono stati curati del personale veterinario dell’Asl di Aversa e affidati temporaneamente a volontari. Sono in corso indagini anche per ricostruire l’illecita rete di vendita.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?