Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 apr 2022

Crescita sottozero e costi alle stelle Bankitalia: "Famiglie vulnerabili"

Il caro-energia tocca altri comparti, dalla casa alla cura della persona. Il Censis: il 13,3% dei lavoratori in povertà

30 apr 2022
claudia marin
Cronaca
Crescono i prezzi dei prodotti al consumo e cala il potere d’acquisto delle famiglie
Crescono i prezzi dei prodotti al consumo e cala il potere d’acquisto delle famiglie
Crescono i prezzi dei prodotti al consumo e cala il potere d’acquisto delle famiglie
Crescono i prezzi dei prodotti al consumo e cala il potere d’acquisto delle famiglie
Crescono i prezzi dei prodotti al consumo e cala il potere d’acquisto delle famiglie
Crescono i prezzi dei prodotti al consumo e cala il potere d’acquisto delle famiglie

di Claudia Marin Mario Draghi e Daniele Franco possono tirare un sospiro di sollievo e, di fronte al meno 0,2% del Pil nel primo trimestre dell’anno (rispetto a previsioni che andavano dal meno 0,5 a meno 1,3%), si sentono rafforzati, come hanno commentato con i collaboratori più stretti, anche nel poter resistere all’assalto dei partiti per fare nuovo extra-deficit: l’Italia ha una crescita acquisita del 2,2% "e non è detto che andrà persa – si fa sapere da Palazzo Chigi e Via XX Settembre – nei mesi a venire. Anzi". E, dunque, la parola d’ordine è aspettare e vedere. Dall’altra parte, però, non si allenta la morsa dell’inflazione che, sebbene ad aprile faccia registrare un primo rallentamento (dal 6,5 al 6,2 per cento), per effetto delle misure contro il caro-bollette, dopo ben 9 mesi di accelerazione, si mantiene su livelli elevati. Tanto più che il caro-energia si sta ora diffondendo ad altri comparti: l’effetto si vede tutto sul carrello della spesa che comprende appunto alimentari e prodotti per la cura della casa e della persona, con un incremento dal 5% di marzo al 6% di questo mese. Con un impatto sui salari che si somma alla perdita di 8,3 punti del potere d’acquisto degli stipendi degli ultimi dieci anni, come emerge dal Rapporto Censis-Ugl: tanto che i working poors, i lavoratori che vivono sotto la soglia di povertà, sono arrivati al 13,3% di operai e assimilati nel lavoro dipendente e al 7,6% dei lavoratori indipendenti. E, d’altra parte, anche l’ultima indagine di Bankitalia sulla stabilità finanziaria segnala che nel 2022 "è destinata a crescere la quota di nuclei vulnerabili ma i rischi per la stabilità finanziaria derivanti dal settore delle famiglie si mantengono limitati". Ben più rilevanti, nella mappa delle minacce alla tenuta economica del nostro Paese, sono, per gli ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?