Roma, 26 novembre 2021 - Indice Rt sostanzialmente stabile, ma cresce nettamente l'incidenza. Nuova settimana, nuovo monitoraggio della cabina di regia, riportato dell'Iss, che fa il punto sull'andamento della pandemia di Coronavirus in Italia (qui il bollettino con i dati di oggi). Stando ai numeri, rispetto a 7 giorni fa crescono i ricoveri e le terapie intensive e si registra un aumento dei "nuovi casi non associati a catene di trasmissione". In questa cornice, il Friuli Venezia Giulia è la Regione in cui tutti gli indicatori sono sopra la soglia e passerà in zona gialla dalla prossima settimana. Si attende, in giornata, l'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza. L'Alto Adige invece, avvertono gli esperti, è sulla soglia per il passaggio di fascia, ma ha già anticipato le restrizioni. Ma vediamo qui sotto tutti i dati a livello nazionale e regionale. 

Zona gialla, arancione e rossa: le nuove regole dal 6 dicembre

Sommario

Rt e incidenza

Rimane abbastanza stabile l'incide Rt in Italia, a 1,23 contro l'1,21 della settimana scorsa (e di quella precedente). Resta invece in netta crescita l'incidenza, salita da 98 casi per centomila abitanti a 125. Lo rileva il monitoraggio settimanale della Cabina di regia, riportato dall'Iss. "L'incidenza settimanale a livello nazionale continua ad aumentare - sottolinea l'Istituto Superiore di Sanità - 125 per 100mila abitanti (19/11/2021-25/11/2021) vs 98 per 100mila abitanti (12/11/2021-18/11/2021)". Nel periodo 3 novembre-16 novembre 2021, prosegue il report, "l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,23 (range 1,15 - 1,30), stabile rispetto alla settimana precedente e al di sopra della soglia epidemica. E' in leggero aumento e sopra la soglia epidemica l'indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt = 1,15 (1,11-1,19) al 16/11/2021 vs Rt = 1,09 (1,04-1,14) al 9/11/2021)".

Super Green pass: come si ottiene

Nell'ultima settimana è "in forte aumento il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (23.971 vs 15.773 della settimana precedente)", spiega la Cabina di regia. La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è stabile (34% vs 34% la scorsa settimana). Così come la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% vs 45%) e quella di casi diagnosticati attraverso attività di screening (21% vs 21%).

Stretta su autobus e treni. Gli albergatori in rivolta

Ricoveri e terapie intensive

Aumentano ancora anche i tassi di occupazione dei posti letto nelle aree mediche e nelle terapie intensive. Secondo il rilevamento settimanale della Cabina di regia, "il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 6,2% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 25 novembre) vs il 5,3% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 18/11). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale, invece, sale all'8,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 25 novembre) vs il 7,1% al 18/10".

Variante sudafricana: è allarme

Vaccino Covid, l'andamento delle terze dosi

Friuli in zona gialla

Friuli Venezia Giulia in zona gialla, l'Alto Adige in bilico, con le intensive proprio sulla soglia di rischio. Secondo gli indicatori decisionali in esame dalla cabina di regia, il Friuli ha ormai tutti e tre i parametri sopra soglia: l'incidenza, a 346,4 casi per centomila (contro la soglia di 50), l'occupazione dei reparti ordinari al 19,5% (la soglia è il 15%) e le terapie intensive al 16% (la soglia è il 10%). A tal proposito, in giornata dovrebbe arrivare l'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, per il passaggio in giallo, peraltro già anticipato ieri dalla giunta regionale: scatteranno già, in anticipo rispetto alla data del 6 dicembre, le nuove misure varate mercoledì per il Super Green pass.

Sul mercato resta vecchio siero. L’aggiornamento quando arriva?

Alto Adige, altri 16 Comuni in rosso

Sfiora il passaggio in giallo, ma si salva per questa settimana, l'Alto Adige dove sono state superate ampiamente le soglie dell'incidenza (458,9, la più alta in Italia) e dei ricoveri ordinari (16,2%), mentre il tasso di occupazione delle rianimazioni è esattamente al 10%, sulla soglia di rischio.

Si allunga invece l'elenco dei Comuni 'rossi'. L'ultima ordinanza del governatore Arno Kompatscher aggiunge oggi 16 amministrazioni alle 20 già interessate da norme più severe. Si tratta di Monguelfo-Tesido, Villandrio, Prato allo Stelvio, Laces, Lasa, Tirolo, Campo Tures, Selva dei Molini, Perca, San Martino in Passiria, Selva di Val Gardena, Fiè allo Sciliar, Valle Aurina, Cermes, Gais, Malles. Per questi Comuni le restrizioni inizieranno nella notte tra il 28 e il 29 novembre e resteranno in vigore fino al 5 dicembre almeno. 

Ema dà il via libera al vaccino Pfizer per gli under 12

Nessuna altra regione si avvicina ai limiti per il passaggio in giallo, con il tasso di ricoveri ordinari più alto che si registra in Valle d'Aosta (13,1%), Calabria (11,9%), Lombardia (11,2%) e Lazio (10,7%), con le terapie intensive ancora però abbastanza indietro rispetto al parametro del 10%.

Solo due Regioni, infatti, il Friuli Venezia Giulia e le Marche, registrano questa settimana valori sopra o sulla soglia riguardp le terapie intensive: il Friuli registra infatti un valore di occupazione pari al 16% e le Marche dell'11%.

Poliziotti e prof, scatta l’obbligo vaccinale