Roma, 5 gennaio 2021 - Crescono ancora i contagi da Coronavirus in Italia, così come il numero dei morti (649 contro i 348 di ieri). E' questa la fotografia che emerge dal bollettino odierno del Ministero della Salute. 

Fronte vaccini. "Ci sono differenze regionali significative" ma "siamo a oltre 179mila persone vaccinate, un numero tutt'altro che irrilevante. In 48 ore abbiamo vaccinato 95.000 persone", ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Cts, ad Agorà, su Rai 3. "Siamo partiti il 31 dicembre ed è troppo presto per fare bilanci negativi - ha aggiunto - Ma le differenze vanno colmate". "La macchina organizzativa sta accelerando e, nel giro di poche settimane, viaggerà a pieno ritmo", riferiscono fonti di Palazzo Chigi, sottolineando come i numeri siano già adesso "soddisfacenti, perché pongono il nostro Paese al secondo posto nel continente per quantità di dosi somministrate" dietro la Germania. Intanto sono in arrivo, a bordo dei tir nei vari hub vaccinali di tutta Italia, le altre 470mila dosi del vaccino della Pfizer Biontech. Germania e Russia valutano l'ipotesi di produrre insieme i sieri. E il vaccino italiano ReiThera ha concluso la fase 1 di sperimentazione e si è dimostrato sicuro ed efficace, ha riferito il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito, spiegando che il prodotto non ha registrato eventi avversi e ha permesso di produrre il picco di anticorpi in 4 settimane, con una sola dose.

Decreto: cosa si può fare giorno per giorno. Il calendario

Vaccinati in Italia: i dati ufficiali in tempo reale

Vaccini Covid, il governo ha sbagliato siringhe

Fronte restrizioni in Italia. Scuole superiori riaperte dall'11 gennaio, weekend del 9-10 "arancione" per tutta l'Italia mentre negli altri giorni vigerà una fascia "gialla rafforzata" con lo stop agli spostamenti tra le Regioni: sono le misure alle quali il Consiglio dei ministri ha dato il via libera, in vigore dal 7 al 15 gennaio.

Il bollettino del 5 gennaio

Tornano a salire i casi di Covid: dai 10.800 di ieri i contagi balzano a 15.378, su 135.106 tamponi effettuati. L'indice di positività (rapporto tamponi/positivi) scende all'11,3% (ieri era al 13,8%). Aumentano anche i decessi: 649 nelle ultime 24 ore (il totale è ora di 76.329). Si registrano anche 16.023 guariti mentre gli attualmente positivi si riducono di 1.297 unità a 569.161. Lieve calo per le terapie intensive, 10 meno di ieri (quando erano calate di 4 unita'), 2.569 in tutto, mentre prosegue il trend di aumento dei ricoveri ordinari, +78 (ieri +242), per un totale di 23.395. Restano in isolamento domiciliare 543.197 pazienti (-1.365).

La tabella

Le regioni / Veneto

Dati ancora molto pesanti in Veneto: il report odierno della Regione riferisce di 3.151 contagi e altri 175 morti. Il totale degli infetti da inizio epidemia sale a 270.097, quello delle vittime a 6.988 (ieri erano 6.813). Sostanzialmente stabile la pressione sugli ospedali: i pazienti Covid nei reparti non critici salgono a 3.066 (+7), mentre scende a 391 (-9) il numero dei malati in terapia intensiva. Gli attuali positivi in regione sono 94.228 (-728).

Emilia Romagna

Sono 1.506 i nuovi casi di positività identificati in Emilia Romagna su un totale di 15.795 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Un numero in calo che fa scendere anche l'indice di positività al 9,5%. Aumentano invece i decessi: 64 quelli segnalati nel rapporto diffuso oggi dalla Regione dopo i 54 di ieri. Il bilancio delle vittime da inizio pandemia supera così quota 8.000: sono infatti 8.005, a fronte di 181.089 casi di positività registrati complessivamente. Dei nuovi contagiati, 773 sono asintomatici individuati con le attività di contact tracing e screening regionali. L'eta' media dei nuovi positivi odierni è 48,8 anni. Le persone guarite sono 647 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 115.907. I casi attivi attualmente sono 57.177 (+795). 

Lombardia

Sono 1.338 i nuovi casi positivi in Lombardia nelle ultime 24 ore, di cui 49 'debolmente positivi'. Secondo i dati diffusi dalla Regione, sono 12.790 i tamponi effettuati, con un rapporto fra nuovi positivi e tamponi eseguiti del 10,4%. Da ieri sono morte 62 persone, per un totale complessivo dall'inizio della pandemia di 25.406. Aumentano poi i ricoverati negli ospedali: sono 3.344, +117 unità nelle ultime 24 ore. i ricoverati in terapia intensiva sono 475, in calo di 9 unità rispetto a ieri. I guariti e i dimessi sono stati 1.646.

Lazio

Nel Lazio oggi su oltre 13mila tamponi (+3.373) si registrano 1.719 casi positivi (+385), 72 i decessi (+49) e 1.416 guariti. Aumentano i casi, i decessi e i ricoveri, mentre diminuiscono le terapie intensive. "Il rapporto tra positivi e tamponi èal 13% ma se consideriamo anche gli antigenici, la percentuale scende al 4,6%. I casi a Roma città tornano a quota 700", spiega l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, per il quale "la curva tende ad aumentare e bisogna mantenere il massimo rigore". 

Piemonte

Oggi l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1.146 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 252 dopo test antigenico), pari al 6,7 % dei 17.191 tamponi eseguiti, di cui 10.240 antigenici. Dei 1.146 nuovi casi gli asintomatici sono 531, pari al 46,3%. Le vittime odierne sono 55, con il totale che è ora pari a 8.043 deceduti positivi.  I ricoverati in terapia intensiva sono 187 (+4 rispetto a ieri), non in terapia intensiva 2.847 (+ 28 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 18.630, mentre i tamponi diagnostici finora processati sono 2.063.557 (+ 17.191 rispetto a ieri),

Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia oggi sono stati rilevati 1.131 nuovi contagi su 9.594 tamponi (pari all'11,8%), di cui 2.489 test rapidi antigenici. I decessi registrati sono 20, a cui si aggiungono 21 morti pregresse afferenti al periodo tra il 16 novembre e il 22 dicembre 2020. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 59 mentre quelli in altri reparti ammontano a 657. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia sono in tutto 54.891. I decessi complessivamente ammontano a 1.772. I totalmente guariti aumentano a 37.688, i clinicamente guariti salgono a 1.016, mentre le persone in isolamento sono 11.078.

Marche

Nelle Marche sono stati individuati nelle ultime 24 ore 458 nuovi casi: il 28,6% rispetto ai 1.598 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi; il giorno precedente, i positivi erano stati 355, il 43,5% rispetto agli 815 test effettuati. Il totale dei positivi dall'inizio della crisi pandemica è salito così a 43.787.I nuovi positivi sono stati 92 in provincia di Macerata, 106 in provincia di Ancona, 127 in quella di Pesaro-Urbino, 52 nel Fermano, 64 nel Piceno e 17 fuori regione. Questi casi comprendono 57 soggetti sintomatici.

Toscana

Sono 337 i nuovi positivi in più rispetto a ieri in Toscana, su un totale, da inizio epidemia, pari a 122.420 unità. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.917.959, 7.923 in più rispetto a ieri, di cui il 4,3% positivo. Sono invece 2.584 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 13% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 6.359 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 9.655, -3,2% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 999 (19 in meno rispetto a ieri, meno 1,9%), 139 in terapia intensiva (2 in meno rispetto a ieri, meno 1,4%). Oggi si registrano 18 nuovi decessi: 8 uomini e 10 donne con un'età media di 82,8 anni.

Alto Adige

In Alto Adige sono 555 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore. L'azienda sanitaria provinciale scinde le positività, 148 sono quelle emerse da 1.408 tamponi Pcr esaminati e 407 quelli su 4.840 test antigenici eseguiti sempre nella giornata di ieri. I decessi avvenuti ieri sono stati 2 per un totale di 758. Torna ad aumentare la pressione sugli ospedali. I pazienti Covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 203, mentre quelli che necessitano delle cure della terapia intensiva sono 27 (nei giorni scorsi erano scesi anche a 22). I pazienti infetti ricoverati nelle strutture private convenzionate sono 150.

Puglia

Oggi in Puglia sono stati registrati, a fronte di 10.273 test per l'infezione da Covid-19, 1.081 casi positivi (386 in provincia di Bari). Sono stati, inoltre, registrati 14 decessi: 6 in provincia di Bari, uno in provincia di Brindisi, 2 in provincia di Foggia, 5 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.075.382 test, 39.235 sono i pazienti guariti e 53.580 sono i casi attualmente positivi.

Sicilia

La Sicilia è oggi la terza regione per ncremento di casi di Coronavirus in Italia. Sono 1.576 i nuovi positivi, in crescita rispetto alla giornata di ieri quando si erano contati 1.391 nuovi contagi. Eseguiti 9.537 tamponi, numero che determina il rapporto tamponi/positivi al 16,5%. Leggero incremento dei decessi, 36 (+2). Nell'Isola si registrano 692 guariti e un incremento di 848 attualmente positivi determinando il numero complessivo di 37.426. Prosegue intanto il trend in crescita dei ricoveri (+17) con un numero complessivo che si attesta a 1.198. In 190 sono curati nelle terapie intensive: 17 i nuovi ingressi nelle rianimazioni. Infine in isolamento domiciliare si trovano in 36.038.

Campania

Sono 688 i nuovi positivi al Covid-19 registrati oggi in Campania e sono frutto di 7.425 tamponi effettuati. I casi si dividono in 648 asintomatici e 40 sintomatici. Ci sono poi anche 1.792 guariti e 33 deceduti.  Il totale dei positivi sale così a 193.853, quello dei tamponi a 2.079.610. Da inizio pandemia i decessi sono stati 2.975, le guarigioni 114.518. Il bollettino aggiorna anche la situazione dei posti letto: quelli di terapia intensiva disponibili sono 656, quelli occupati 97. I posti letto di degenza disponibili, tra Covid e offerta privata, sono 3.160, quelli occupati 1.372.

Abruzzo

Sono invece 213 i nuovi casi (di età compresa tra 9 mesi e 97 anni) in Abruzzo. Il totale dei contagi sale così a 36.287. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 12 nuovi casi e sale a 1.252 (di età compresa tra 73 e 100 anni).