Covid, la mappa dell'Italia del 18 marzo
Covid, la mappa dell'Italia del 18 marzo

Roma, 18 marzo 2021 - Aumentano i nuovi positivi nel bollettino sul Coronavirus in Italia, mentre il numero degli ospedalizzati ormai cresce da molti giorni. "Tutti i numeri della pandemia sono in aumento", evidenzia il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, nella settimana 10-16 marzo. "Rispetto alla settimana precedente - registra il rapporto - c'è un ulteriore incremento dei nuovi casi (157.677 contro 145.659) e dei decessi (2.522 contro 2.191). Continuano a salire i casi attualmente positivi (536.115 contro 478.883), le persone in isolamento domiciliare (506.761 contro 453.734), i ricoveri con sintomi (26.098 contro 22.393) e le terapie intensive (3.256 contro 2.756)".

Bollettino Covid del 19 marzo

"L'ulteriore incremento dei nuovi casi - afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - ha determinato nell'ultima settimana la netta espansione del bacino dei casi attualmente positivi, aumentato di oltre 57 mila unità". Rispetto alla settimana precedente, i casi attualmente positivi per 100mila abitanti crescono in 16 Regioni e in 15 si registra un incremento percentuale dei nuovi casi. Secondo la Fondazione Gimbe, "anche nelle terapie intensive, il cui tasso di saturazione nazionale oltrepassa la soglia critica attestandosi al 36%, l'occupazione da parte di pazienti Covid supera il 30% in 13 Regioni: in particolare, in 5 Regioni (Toscana, Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Molise) è sopra o uguale al 40% e in altre 5 è sopra al 50% (Emilia Romagna, Lombardia, Umbria, Marche, Provincia autonoma di Trento)".

E si alza il grido degli infermieri del Piemonte. "Gli ospedali sono al collasso, un nuovo incubo per infermieri e operatori sanitari ormai stremati", afferma Francesco Coppolella, segretario regionale del Nursind, secondo cui "nelle centrali operative gli interventi hanno superato di gran lunga quelli massimi previsti in contemporanea, nei pronto soccorso la situazione di sovraffollamento sta diventando ingestibile e la trasformazione dei reparti per recuperare posti letto Covid è in costante evoluzione". Con gli operatori "spremuti da un anno" - continua - l'auspicio è "in una vera e reale accelerazione dei vaccini che possa permetterci di non ricadere in questo incubo".

Vaccini, le interviste

Sul fronte vaccinazioni, anche i farmacisti potrebbero avere il via libera per effettuare le somministrazioni. "Noi abbiamo dato la nostra disponibilità - ha spiegato Marco Cossolo, presidente di Federfarma -. E abbiamo già 5.174 farmacisti formati ad hoc, possiamo cominciare subito". Intanto oggi l'Ema ha dato il via libera ad Astrazeneca, definendo il siero "sicuro ed efficace". Nella mattinata il premier Mario Draghi, intervenendo alla cerimonia per la giornata delle vittime del Covid a Bergamo, aveva assicurato che "qualunque" fosse stata la "decisione" dell'Agenzia Europea dei Medicinali, "la campagna vaccinale" sarebbe proseguita "con la stessa intensità, con gli stessi obiettivi".

Bassetti: "Un anno di allarmismo. Ora la gente non si fida più"

La pasionaria Ue: "Ursula si è piegata al potere di big pharma"

Il bollettino del 18 marzo

Secondo il bollettino diffuso dal ministero della Salute, oggi si registrano 24.935 casi e 423 morti, per un totale di 103.855 vittime da inizio epidemia. Sono 353.737 i tamponi molecolari e antigenici per il Coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Il tasso di positività è del 7%, in aumento di 0,8 punti rispetto a ieri quando era stato del 6,2%. Sono 3.333 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 16 più di ieri nel saldo tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 249 (ieri erano stati 324). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.694 persone, con un incremento di 177 unità nelle ultime 24 ore di unità. I casi totali da inizio epidemia sono 3.306.711, i morti 103.855. Ci sono in Italia 547.510 attualmente positivi, con un aumento rispetto a ieri di 8.502. Dall'inizio della pandemia sono invece 2.655.346 i guariti e i dimessi, con un incremento nelle ultime 24 ore di 15.976. In isolamento domiciliare ci sono invece 517.483 persone, 8.309 più di ieri. Riguardo le Regioni, si registrano in Lombardia 5.641 nuovi casi, Emilia Romagna 2.531 e in Piemonte 2.357.

Le regioni / Lombardia

Sono 5.641 i nuovi positivi in Lombardia, l'8,9% dei 63.197 tamponi processati nelle ultime 24 ore. I decessi sono 92, da inizio pandemia il conto dei morti sale a 29.551. Gli ingressi in terapia intensiva sono 58, con il totale dei pazienti ricoverati che sale a 786. Negli altri reparti dedicati al Covid sono occupati 6.744 persone. Dei nuovi casi di Coronavirus la maggior parte si concentra ancora una volta nella provincia di Milano, dove si registrano 1.450 contagi (ieri 1.050). Segue il Bresciano con 982 nuovi positivi. Questa la situazione dei contagi nelle altre province: Varese 541; Monza e Brianza 548; Como 351; Bergamo 341; Pavia 304; Mantova 381; Cremona 246; Lecco 154; Lodi 87; Sondrio 148.

Emilia Romagna

Tornano a crescere, in Emilia-Romagna, dopo alcuni giorni di flessione, i numeri del contagio al Coronavirus. E per il terzo giorno consecutivo si ritocca verso l'alto il record di ricoverati in terapia intensiva, ormai stabilmente al di sopra del numero massimo raggiunto durante la prima ondata. Nelle ultime 24 ore, in Regione, sono stati individuati 2.531 casi, sulla base di 37.765 tamponi messi a referto, e si contano anche 65 morti. Dei nuovi positivi, 1.109 sono asintomatici, individuati con le attività di screening e contact tracing. Superano i 70mila i casi attivi, il 94,4% dei quali in isolamento domiciliare. Ma crescono i ricoveri, sono 385 in terapia intensiva, quattro più di ieri, 3.551 negli altri reparti Covid (+15). Dei nuovi decessi, 33 sono in provincia di Bologna, sei a Modena e Rimini, cinque a Ravenna, quattro nelle province di Forlì-Cesena e Piacenza, tre a Parma, due a Reggio Emilia e Ferrara. In totale, dall'inizio dell'epidemia i morti sono 11.301. 

Campania

Sono 2.507 i nuovi casi di Coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania. Di questi, 284 sono stati identificati da test antigenici rapidi. Sono 619 i sintomatici. I tamponi analizzati oggi sono 26.207 (di cui 5.527 antigenici). In totale sono 313.273 i positivi registrati in Campania dall'inizio dell'emergenza coronavirus, i tamponi complessivamente analizzati sono 3.334.782 (di cui 175.804 antitetici). Nel bollettino diffuso oggi dall'Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti 13 nuovi decessi, 6 dei quali avvenuti nelle ultime 48 ore e 7 avvenuti in precedenza, ma registrati ieri. I decessi avvenuti in Regione dall'inizio della pandemia sono 4.830. I nuovi guariti sono 1.298; il totale dei guariti sale a 208.600. Sono 153 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 1.562 quelli ricoverati in reparti di degenza. 

Piemonte

In Piemonte sono 2.357 nuovi casi di positivi al Covid-19 (di cui 387 dopo test antigenico), pari al 8,9 % dei 26.369 tamponi eseguiti, di cui 14.783 antigenici. Dei 2.357 nuovi casi, gli asintomatici sono 807 (34,2%). Il totale dei casi positivi diventa quindi 286.054, di cui 23.760 Alessandria, 13.928 Asti, 9.250 Biella, 39.573 Cuneo, 22.166 Novara, 152.446 Torino, 10.712 Vercelli, 10.687 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.314 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 2.218 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 315, invariati rispetto a ieri, i ricoverati non in terapia intensiva sono 3.279 (-2 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 28.566 I tamponi diagnostici finora processati sono 3.418.805 (+26.369 rispetto a ieri), di cui 1.277.138 risultati negativi. Infine sono 45 i decessi di persone positive al test del Coronavirus, che portano il totale dei morti a 9.811.

Covid, nuova mappa di Bruxelles: anche il Piemonte in rosso scuro

Covid, un gatto positivo alla variante inglese in Piemonte

Puglia

Su 11.211 test per l'infezione da Covid-19, in Puglia sono stati registrati 2.082 casi positivi, con un tasso di positività del 18,6% (ieri 13,9%). I nuovi infetti sono così distribuiti: 1.048 in provincia di Bari, 141 in provincia di Brindisi, 115 nella provincia BAT, 253 in provincia di Foggia, 191 in provincia di Lecce, 321 in provincia di Taranto, 4 casi di residenti fuori regione, 9 casi di provincia di residenza non nota. I decessi sono stati 27, così distribuiti: 8 in provincia di Bari, 8 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 10 in provincia di Taranto. Attualmente sono 40.507 i casi positivi, 1.801 dei quali ricoverati in ospedale, e 126.314 i pugliesi guariti (1.366 più di ieri) sul totale di 171.215 cittadini contagiati dall'inizio della pandemia.

Lazio

"Nel Lazio su oltre 15 mila tamponi (-1.688) e oltre 20 mila antigenici per un totale di oltre 36 mila test, si registrano 1.963 casi positivi (+235), 23 decessi (+3) e +1.300 i guariti". A comunicarlo è l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato. "Aumentano i decessi - continua -, i casi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 12%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 5%. I casi a Roma città sono a quota 800". 

Veneto

Sono 1.761 i nuovi positivi in Veneto a fronte di 42mila tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (incidenza del 4,17%). Sale ancora il numero dei ricoveri totali, oggi 1.821, 14 in più rispetto a ieri. Le terapie intentisive crescono di 4 unità. Sono 36 i nuovi decessi nelle ultime 24 ore per un totale di 10.295 dall'inizio dell'emergenza ad oggi.

Toscana

"I nuovi casi registrati in Toscana sono 1.513 su 24.764 test di cui 15.302 tamponi molecolari e 9.462 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è del 6,11% sul totale dei tamponi e del 13,2% sulle prime diagnosi". Sono i numeri diffusi dal presidente della Regione, Eugenio Giani, che anticipa i dati giornalieri. Gli attualmente positivi sono oggi 25.338, +1,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.700 (6 in più rispetto a ieri), di cui 246 in terapia intensiva (5 in più). Sono 25 i nuovi decessi.

Marche

Nelle Marche sono stati testati 6.168 tamponi: 3.493 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.017 nello screening con percorso Antigenico) e 2.675 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 23,5%). I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 820 (111 in provincia di Macerata, 319 in provincia di Ancona, 230 in provincia di Pesaro-Urbino, 86 in provincia di Fermo, 44 in provincia di Ascoli Piceno e 30 fuori regione). Questi casi comprendono 89 soggetti sintomatici.

Sicilia

Balzo di positivi al Covid in Sicilia con 789 nuovi casi e 14 vittime. Il totale dei contagiati sale a 163.499, quello dei deceduti 4.397. Dei nuovi casi 225 sono della provincia di Palermo, 202 di quella di Catania. Gli attuali positivi sono 15.461, 496 in più; i guariti 143.641, +279. Sono 731 i ricoverati con sintomi, 117 in terapia intensiva, 5 del giorno; è pari a 26.163 l'incremento dei tamponi effettuati. 

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 8.525 tamponi molecolari sono stati rilevati 724 nuovi contagi, con una percentuale di positività dell'8,49%. Sono inoltre 3.915 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 334 casi (8,53%). I decessi registrati sono 19; i ricoveri nelle terapie intensive sono 77, mentre quelli in altri reparti risultano essere 545. I decessi complessivamente ammontano a 3.076. I totalmente guariti sono 67.952, i clinicamente guariti 2.707, mentre quelli in isolamento oggi risultano essere 14.904. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 89.261 persone.

Abruzzo

In Abruzzo rispetto a ieri si registrano 462 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 95 anni), mentre il bilancio dei pazienti deceduti registra 9 nuovi casi e sale a 1.943 (di età compresa tra 31 e 92 anni). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 48.342 dimessi/guariti (+1.026 rispetto a ieri). 

Liguria

In Liguria sono stati registrati 324 nuovi casi di Coronavirus ed altri 11 decessi. Lo ha reso noto la Regione, sottolineando che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 3.850 tamponi molecolari, ai quali si aggiungono altri 3.190 tamponi antigenici rapidi. Le vittime avevano un'età compresa tra i 63 e i 94 anni. Al momento, in tutto il territorio ligure, sono 631 i pazienti Covid ricoverati in ospedale, 6 meno di ieri, di cui 64 in terapia intensiva. Sono 6.334, invece, le persone attualmente positive, 77 più di ieri, e 5.658 quelle sottoposte a sorveglianza attiva.

Alto Adige

In Alto Adige è pesante il bilancio dei decessi. Nella giornata di ieri le persone morte sono state 7 per un dato complessivo di 1.099 vittime dall'11 marzo 2020, il giorno del primo decesso riconducibile al coronavirus in provincia di Bolzano. I nuovi casi sono 165 su 11.355 tamponi processati. Le positività emerse sono 97 su 1.397 tamponi molecolari esaminati e 68 su 9.958 test rapidi effettuati. Prosegue lentamente il calo dei pazienti covid ricoverati in ospedale: 135 sono ricoverati nei normali reparti, 34 quelli in terapia intensiva, 129 quelli nelle strutture convenzionate e 108 quelli in isolamento in strutture appositamente allestite.

Sardegna

Con i nuovi 121 casi Covid di oggi (ieri erano 92), la Sardegna corre sul filo del rasoio della fascia bianca. In totale sono stati eseguiti 889.758 tamponi, per un incremento complessivo di 3.631 test rispetto al dato precedente con un tasso di positività che sale al 3% (0,7% la rilevazione precedente). Si registra un nuovo decesso (1.201 in tutto). Sono invece 170 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+7), mentre sono 28 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 12.615. I guariti sono complessivamente 28.646 (+126), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell'Isola sono attualmente 185. Sul territorio, dei 42.845 casi positivi complessivamente accertati, 10.538 (+54) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.807 (+16) nel Sud Sardegna, 3.536 (+2) a Oristano, 8.436 (+12) a Nuoro, 13.528 (+37) a Sassari.

Le altre Regioni

Sono 179 i nuovi casi in Basilicata, le vittime 4. In Molise 82 casi e 5 decessi. In Valle d'Aosta 37 nuovi contagi e nessun decesso. Anche in Calabria 404 nuovi casi.

Sardegna, stretta seconde case: stop non residenti