19 apr 2022

Covid Italia: oggi 27.214 nuovi casi, crescono ancora i ricoveri. Dati dalle regioni

I decessi sono 127. Salgono ancora i ricoveri (+274) e le rianimazioni (+11). Lombardia +2.329 casi, Veneto +2.022, Emilia-Romagna +1.751, Toscana +1.280, Marche +877.

Roma, 19 aprile 2022 -  Dopo il consueto calo delle festività (qui tutti i numeri del giorno di Pasquetta) tornano a crescere i nuovi casi giornalieri di Covid in Italia, ma sono equilibrati da un tasso di positività che scende al 15,6% (ieri 17,4%). Sale ancora il dato dei ricoveri: un balzo di +247 unità nei reparti ordinari. I pazienti in terapia intensiva sono 11 in più rispetto a ieri. 

Intanto i dati ottenuti da circa 4.000 campioni di acque reflue urbane prelevati in tutta Italia mostrano "due ondate osservate nel periodo di sei mesi: una più grande con un picco a gennaio e una più piccola a marzo". In particolare, secondo le rilevazioni del Sistema nazionale di Sorveglianza ambientale del Sars-CoV-2 coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità, "a marzo 2022, è stata segnalata una nuova ondata, ma meno significativa della precedente, andata di pari passo a un nuovo aumento dei contagi, forse associato alla variante Omicron BA.2".

Il bollettino del 19 aprile
Il bollettino del 19 aprile

Sommario

Secondo l'ultima rilevazione dell'Agenas, è stabile al 15% l'occupazione dei reparti di 'area non critica' da parte di pazienti Covid (un anno fa era al 36%). Ma, nelle ultime 24 ore, cresce in 10 regioni: Abruzzo (al 23%), Basilicata (26%), Calabria (29%), Emilia Romagna (15%), Marche (19%), Pa Trento (12%), Piemonte (11%), Toscana (14%), Valle d'Aosta (13%) e Veneto (11%). Stabile anche l'occupazione delle terapie intensive al 4% (un anno fa segnava il 36%) e nessuna supera oggi la soglia del 10%. 

E dovrebbe poi arrivare a breve una decisione del governo sull'utilizzo delle mascherine al chiuso. Per il sottosegretario alla Salute Andrea Costa il loro impiego dovrebbe passare a essere "una raccomandazione", ma gli esperti sono divisi. Per l'infettivologo Matteo Bassetti "la mascherina deve passare da essere un obbligo a essere un presidio utilizzato in modo appropriato quando però serve", "altrimenti è una misura oggi fuori dal tempo e dalla scienza". Dire addio a questo dispositivo di protezione da fine aprile appare invece una "scelta miope" a Massimo Galli, ex direttore di Malattie infettive all'ospedale Sacco di Milano. "Credo che le precauzioni vadano mantenute e un ragionamento si potrà fare sullo stop alle mascherine al chiuso quando i casi giornalieri torneranno sotto i 5mila casi al giorno. Il dispositivo di protezione non ha stagionalità, ma sotto questo dato avremmo maggiori garanzie di non incontrare così facilmente un positivo", dice Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).

Il bollettino Covid del 19 aprile

Sono 27.214 i nuovi contagi in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 18.380. Le vittime sono invece 127, in aumento rispetto alle 79 registrate ieri. Oggi sono stati effettuati 174.098 tamponi contro i 105.739 di ieri, scende dunque il tasso di positività, oggi al 15,6%. Sono 422 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 11 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 38. I ricoverati nei reparti ordinari tornano sopra quota 10mila: sono 10.214, ovvero 274 in più rispetto a ieri. I dimessi/guariti delle ultime 24 ore sono 35.763 (ieri 27.704) per un totale di 14.387.830. Gli attualmente positivi sono 8.564 in meno (ieri -9.195), 1.208.279 in tutto. Di questi 1.197.643 sono in isolamento domiciliare. Il numero totale dei casi dall'inizio della pandemia è 15.758.002.

La regione con il maggior numero di casi è il Piemonte con 3.579 contagi seguito da Campania (+3.250), Lazio (+2.740), Lombardia (+2.329) e Puglia (+2.232).

Piemonte

Oggi è il Piemonte che registra il numero più alto di casi giornalieri (3.579) ma il tasso di positività è sotto la media nazionale (14,22%). Sono stati effettuati 25.166 tamponi. Si segnalano inoltre 3 decessi. Anche oggi cresce il numero dei ricoverati: dopo il +49 di ieri, oggi +39 nei reparti ordinari, dove il dato totale è salito a 771; in terapia intensiva un solo paziente in più, totale a 24. 

Campania

Sono 3.250 i nuovi casi di Covid-19 in Campania nelle ultime 24 ore, 3.087 positivi all'antigenico e 163 al molecolare. I test processati sono complessivamente 14.021 con un tasso di positività che sale ancora, oggi al 23,18% (ieri 22,88%). I deceduti sono 10 nelle ultime 48 ore; 10 le persone decedute in precedenza ma registrate ieri. Sono 45 i pazienti ricoverati in terapia intensiva (+7) e 698 nei reparti di degenza (+10).  

Lazio

Salgono casi e decessi nel Lazio: i nuovi casi di positività sono 2.740 (ieri 1.986), mentre i morti sono 13 (ieri 4). Oltre la metà dei casi è stata individuata a Roma città (1.472). Complessivamente sono stati effettuati 19.619 tamponi, così il rapporto tra positivi e tamponi scende da 14,5% a 13,9%. Sale il dato anche delle ospedalizzazioni, sono 8 in più rispetto a ieri nei reparti di degenza e 4 in più in rianimazione.

Lombardia

A fronte di 21.875 tamponi effettuati, sono 2.329 i nuovi positivi (10,6%) in Lombardia. I ricoverati in terapia intensiva sono 35 (-1), mentre quelli nei reparti ordinari sono 1.147 (+31). Si registrano 4 nuovi decessi.

Puglia

Sono 2.232 i nuovi casi di contagio da Coronavirus accertati in Puglia nelle ultime 24 ore su 14.597 test processati. Si tratta del 15,29% del totale. La gran parte dei nuovi casi di contagio è stata rilevata in provincia di Bari, dove si contano 818 nuove infezioni in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 101.670 di cui 607 ricoverati in area non critica e 35 in terapia intensiva. I morti registrati sono tre e fanno salire a 8.170 il totale dei decessi da inizio pandemia.

Veneto

In Veneto sale il numero dei contagi nelle ultime 24 ore: 2.022 contro i 1.673 di ieri. Lo rileva il bollettino regionale che segnala 1.598.078 di casi dall'inizio della pandemia. Si registrano anche 4 morti contro i 9 di ieri per un totale di 14.341. Scende il dato dei soggetti attualmente positivi, 74.012 contro i 75.610 di ieri. È sotto la soglia dei mille il numero dei ricoverati ospedalieri, con 903 malati Covid in area medica e 36 in terapia intensiva

Sicilia

In Sicilia si registrano 1.961 nuovi contagi Covid e 10 morti che fanno salire i casi totali a 1.058.718 e le vittime a 10.377. Gli attuali positivi sono 133.785 (+1.599); i guariti 914.556 (+469). I ricoverati con sintomi sono 934, 52 in terapia intensiva, 5 del giorno. I tamponi effettuati sono 10.944 con un tasso di positività al 17,9%. 

Emilia-Romagna

L'Emilia-Romagna registra un calo dei contagi rispetto agli ultimi giorni: sono 1.751 i nuovi casi sulla base di oltre 10.500 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Nelle terapie intensive ci sono tre pazienti in meno da ieri, per un totale di 33, mentre nei reparti Covid ci sono complessivamente 1.390 degenti, 54 in più da ieri. Cresce ancora il computo delle vittime: altri 14 i decessi segnalati oggi. 

Toscana

Sono 1.280 i nuovi casi di Coronavirus nelle 24 ore in Toscana su 8.504 test (2.098 tamponi molecolari e 6.406 test rapidi). Il tasso dei nuovi positivi è 15,05% (65,7% sulle prime diagnosi). Sono invece 27 i decessi. Gli attualmente positivi sono oggi 49.770. I ricoverati sono 758 (23 in più rispetto a ieri), di cui 29 in terapia intensiva (stabili). 

Sardegna

In Sardegna si registrano oggi 983 ulteriori casi confermati di positività al Covid (di cui 857 diagnosticati da antigenico). Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 2.947 tamponi (tasso di positività: 33,36%). Stabile il numero dei pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva (21, stesso dato di ieri), cresce invece quello dei pazienti in area medica, che oggi sono complessivamente 330 (+7 rispetto a ieri). Inoltre, sono 29.594 i casi di isolamento domiciliare (-266). Si registrano 5 decessi.

Marche

Nelle Marche prosegue la discesa del tasso di incidenza, ora 654,59 su 100mila abitanti (ieri era 773,08). I nuovi positivi sono 877, pari al 41,5% dei 2.112 tamponi diagnostici analizzati su 2.2437 tamponi totali. Sono 7 le vittime, portando così il numero totale dei decessi da inizio pandemia a 3.806. Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva si attesta al 2,8%, quello in area medica al 18,5%. 

Abruzzo

Sono 874 (di età compresa tra 1 e 100 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza - al netto dei riallineamenti - a 349.038. Dei positivi odierni, 821 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi e sale a 3.169. Gli attualmente positivi sono 47.380, -540 rispetto a ieri. Sono 326 i pazienti (+6 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in area medica; 9 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 47.045 (-546 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 962 tamponi molecolari e 4.103 test antigenici. Il tasso di positività è pari a 17,25%.

Calabria

Sono 849 (ieri erano 759), i contagi riscontrati in Calabria nelle ultime 24 ore su 4.353 tamponi. Il tasso di positività cala dal 22,12% al 19,5%. Torna in alto il dato dei decessi, otto, che portano il totale delle vittime dall'esordio della pandemia a 2.436. Aumentano di un'unità i ricoveri nei reparti di cura (301) e quelli in terapia intensiva (18). I guariti sono in totale 249.268 (+1.124), mentre gli attualmente positivi 82.711 (-283) e gli isolati a domicilio 82.392 (-285). Ad oggi il totale delle persone risultate positive al Coronavirus sono 334.415. 

Le altre regioni

In Liguria si registrano 726 nuovi casi su 4.410 test effettuati (16,46%). Due i decessi segnalati oggi, ma avvenuti il 16 e il 18 aprile. Sono 453 i positivi al Covid in Basilicata su 1.814 tamponi effettuati. Nella stessa giornata si registrano 222 guariti e nessun decesso. Ancora un giorno senza nuovi morti per il Covid anche in Umbria, mentre si registrano 438 nuovi positivi. Sale il dato dei ricoverati (+3), stabile quello delle terapie intensive. Sono stati analizzati 2.435 tra tamponi molecolari e test antigenici, con un tasso di positività del 19,98% (era stato 34,3% lunedì). In Friuli Venezia Giulia oggi sono stati individuati 237 nuovi contagi su 3.031 tamponi effettuati (7,82%). Si registrano 4 decessi. In Alto Adige sono 202 i nuovi casi su 1.728 tamponi processati e nessuna persona è deceduta. Nelle giornate di festa i ricoveri di pazienti Covid nei reparti ordinari sono aumentati da 28 a 34, di cui 2 in terapia intensiva. Il Trentino registra 170 nuove infezioni, il Molise 228 casi, la Valle d'Aosta 33. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?