Roma, 27 gennaio 2021 - Torna a salire la curva epidemica. Il bollettino sul Coronavirus in Italia segna un aumento dei nuovi positivi ed è ancora elevato il numero dei morti. Intanto, resta caldo il tema vaccini su molti fronti, che sono aperti. "Vaccinato, cioè fatte entrambe le dosi, tutto il nostro personale sanitario e vaccinati i nostri fragili e i nostri anziani, a partire dagli over 80, sono necessarie le riaperture. E' un atto dovuto", ha sottolineato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. "In Italia - ha continuato -, al di là del problema sanitario, come in tutto il mondo, vi è un problema economico e sarà necessario, una volta protetti i nostri anziani, riaprire in sicurezza. Non significa buttare via mascherina distanze e quant'altro. Vivremo ancora separati ma è necessario dare garanzie di una serie di riaperture e questo passa da uno stretto monitoraggio sul virus e le varianti".

Coronavirus, il bollettino del 28 gennaio

Nodo approvvigionamenti. Oggi Bruxelles contesta le dichiarazioni del Ceo di AstraZeneca, Pascal Soriot, e chiede lo svincolo dalla clausola di segretezza per poter pubblicare il contratto. In particolare fonti Ue chiariscono che non è previsto che la produzione delle dosi per l'Europa debba essere limitata alla fabbrica in Belgio, ma può avvenire anche nel Regno Unito. L'ad Soriot aveva detto anche: "Con l'Ue nessun obbligo, precedenza a Londra perché il suo contratto era di tre mesi prima".

Ed emerge sempre di più la questione delle varianti del virus. Il Paese "si deve adeguare: deve avere una capacità di fuoco maggiore di sequenziare il virus SarsCov2, a fronte delle sue varianti, e capacita di monitoraggio anche ai fini di misure di contenimento", ha affermato il direttore della Prevenzione del ministero della salute Gianni Rezza alla presentazione del Consorzio per lo studio genetico di SarsCov2. "Già l'8 gennaio il ministero della Salute ha emanato una circolare e l'Istituto superiore di sanità ha iniziato la sorveglianza delle varianti di SarsCov2: ora - ha aggiunto - sta per essere emanata una nuova circolare che dovrebbe dare dettagli maggiori sul da farsi". La Francia, proprio per contenere la diffusione delle varianti, sta valutando un terzo lockdwon rigido. La Gran Bretagna bandisce viaggi da 22 Paesi.

Zone rosso scuro Italia: l'ira delle regioni a rischio. "Dati superati"

Covid, il bollettino del 27 gennaio

Sono 15.204 i test positivi al Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 467. Ieri i positivi erano stati 10.593 e i morti 541. Sono 293.770 i test per il Covid (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 257.034. Il tasso di positività è del 5,17% (ieri era del 4,1%, quindi in aumento di oltre l'1%). I ricoveri in terapia intensiva per il Covid-19 sono in calo di 20 unità nel saldo tra entrate e uscite rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 115. In totale in rianimazione ci sono 2.352 persone. Nei reparti ordinari sono invece ricoverati 21.161 pazienti, in calo di 194 unità. I casi totali da inizio epidemia sono ora 2.501.147, i morti 86.889. Gli attualmente positivi sono 477.969, con un calo di 4.448 rispetto a ieri. Sono invece 1.936.289 i pazienti dimessi o guariti, con un incremento nelle ultime 24 ore di 19.172 unità. In isolamento domiciliare ci sono 454.456 persone (-4.234 rispetto a ieri). Riguardo le Regioni, in Lombardia 2.293 nuovi casi, in Veneto 2.385 e nel Lazio 1.338.

I dati delle Regioni / Lombardia

I nuovi casi di positività al Coronavirus in Lombardia sono 2.293 (di cui 109 'debolmente positivi') a fronte di 44.809 (di cui 32.866 molecolari e 11.943 antigenici) tamponi effettuati per un rapporto del 5,1%. Si registrano 62 nuovi decessi. I nuovi guariti/dimessi da ieri sono 2.161 e le persone in terapia intensiva sono 377; 15 in meno di ieri. Sono 3.573 i pazienti attualmente ricoverati non in terapia intensiva, 47 in più di ieri. Da inizio pandemia sono stati eseguiti 5.525.624 tamponi. Nelle province i nuovi casi sono così suddivisi: Milano 489 di cui 228 a Milano città; Bergamo 79; Brescia 474; Como 177; Cremona 78; Lecco 70; Lodi 58; Mantova 164; Monza e Brianza 237; Pavia 115; Sondrio 52 e Varese 233. 

Veneto

Salgono ancora i contagi da Covid in Veneto, che nelle ultime 24 ore sono stati altri 2.385 rispetto ai 746 registrati ieri, ma il dato risente del nuovo sistema di calcolo, che da ora include anche tutti i soggetti positivi al solo test rapido, senza necessità di conferma al molecolare. Il dato di 2.385 nuovi positivi sconta così gli oltre 1.200 positivi già inseriti nel bollettino di ieri sera, come ha spiegato il presidente della Regione Luca Zaia nel corso del punto stampa. I decessi nelle ultime 24 ore sono stati altri 62: le vittime complessive da inizio dell'epidemia salgono a 8.757. Scende la pressione sugli ospedali: nelle aree non critiche  sono 2.185 (-45), nelle terapie intensive si trovano oggi 290 persone (-7).

Lazio

"Oggi su oltre 12 mila tamponi nel Lazio (+2.530) e quasi 16 mila antigenici per un totale di oltre 28 mila test, si registrano 1.338 casi positivi (+299), 62 i decessi (+19) e +2.505 i guariti. Diminuiscono i ricoveri e sono stabili le terapie intensive, mentre aumentano i casi e i decessi. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 4%. I casi a Roma città sono a quota 600". A dirlo l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

Puglia

Oggi in Puglia sono stati registrati 11.802 test per l'infezione da Covid-19 e 1.233 risultati positivi. Sono stati registrati 30 decessi. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.276.613 test, 62.204 sono i pazienti guariti, 53.443 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 118.739.

Campania

Sono 1.178 i nuovi positivi al Coronavirus in Campania, di cui 84 casi identificati da test antigenico rapido, 1.390 guariti e 26 decessi, di cui 9 nelle ultime 48 ore e 17 deceduti in precedenza, ma registrati ieri. Gli asintomatici sono 1.037 e i sintomatici 57, riferiti ai soli positivi al tampone molecolare. A comunicarlo l'Unità di crisi regionale.

Sicilia

Sono 996 i nuovi positivi al Covid 19 in Sicilia su 29.270 tamponi processati. Nell'isola sono 1.407 le persone dimesse o guarite e 38 i morti. Attualmente in Sicilia ci sono 47.030 positivi - 449 in meno di ieri - e di questi 1.421 sono ricoverati in regime ordinario, 232 in Terapia intensiva e 45.377 sono in isolamento domiciliare.

Emilia-Romagna

L'Emilia-Romagna, ancora sotto i 1.000 positivi: i nuovi casi sono infatti 923 in più rispetto a ieri, su un totale di 23.751 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (14.159 molecolari e 9.592 tamponi rapidi). La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri scende quindi al 3,9%. Sono 451 gli asintomatici. La situazione dei contagi nelle province vede Reggio Emilia con 132 nuovi casi, poi Ravenna (116) e Bologna (104). Seguono Rimini (93), Ferrara (89), Piacenza (84), Forli' (69), Cesena (67), il Circondario Imolese (60). Infine, Modena (55) e Parma (54). I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 48.106 (-1.033 rispetto a ieri). In calo anche i decessi, 38 in regione. Diminuiscono anche gli ammalati ricoverati in ospedale. I pazienti in terapia intensiva sono 210 (-10 rispetto a ieri), 2.281 quelli negli altri reparti Covid (-12).

Piemonte

 Il Piemonte ha comunicato 821 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 170 dopo test antigenico), pari al 4% dei 20.654 tamponi eseguiti, di cui 12.981 antigenici. Il totale dei casi positivi diventa quindi di 223.854. I ricoverati in terapia intensiva sono 163, numero invariato rispetto a ieri, i ricoverati non in terapia intensiva sono 2280 (- 57 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 9.941. I tamponi diagnostici finora processati sono 2.420.788 (+ 20.654 rispetto a ieri), di cui 1.010.433 risultati negativi. Sono 51 i decessi di persone positive al test del Covid-19. 

Alto Adige

Due decessi, 548 nuovi casi e 12.309 altoatesini in quarantena. I laboratori dell'azienda nelle ultime 24 ore hanno effettuato 3282 tamponi pcr, registrando 272 nuovi casi. A questi vanno aggiunti 276 test antigenici positivi su 4954. Nei normali reparti ospedalieri si trovano 217 pazienti (ieri 225), nelle cliniche private 161 (dato invariato rispetto a ieri) e in terapia intensiva 32 pazienti (ieri 30).

Toscana

In Toscana sono 502 in più rispetto a ieri i casi totali (495 confermati con tampone molecolare e 7 da test rapido antigenico). Oggi sono stati eseguiti 10.398 tamponi molecolari e 6.582 tamponi antigenici rapidi, di questi il 3% è risultato positivo. Sono invece 6.902 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 7,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 8.405, -0,2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 779 (6 in meno rispetto a ieri), di cui 103 in terapia intensiva (stabili). Si registrano 12 nuovi vittime: 4 uomini e 8 donne con un'età media di 84,4 anni.

Marche

Nelle Marche sono stati individuati nelle ultime 24 ore 466 nuovi casi, il 23,1% rispetto ai 2.014 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi. Il giorno precedente, i positivi erano stati 291, il 20,4% dei 1.427 test effettuati. I contagi sono stati individuati 79 in provincia di Macerata, 177 in provincia di Ancona, 98 in quella di Pesaro-Urbino, 54 nel Fermano, 42 nel Piceno e 16 fuori regione. Questi casi comprendono 56 soggetti sintomatici. Sempre ieri, sono stati effettuati 1.287 test antigenici e riscontrati 39 casi di positività (3%), che saranno sottoposti al tampone molecolare, e 2.151 nel percorso guariti, che fanno salire il rapporto positivi/testati al 14,1% rispetto al 7,9% del giorno precedente.

Umbria

L'Umbira segnala 415 nuovi casi e 5 morti nell'ultima giornata, con 5.129 attualmente positivi, 40 in meno di ieri. Nell'ultimo giorno sono stati eseguiti 4.530 tamponi molecolari e 3.494 test antigenici, con un tasso di positività del 5,17%. Invariati nell'ultimo giorno i ricoverati in ospedale, 384, 50 dei quali in terapia intensiva.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 6.719 tamponi molecolari sono stati rilevati 360 nuovi contagi con una percentuale di positività del 5,36%. Sono inoltre 4.349 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 224 casi (5,15%). I decessi registrati sono 25 ai quali si aggiunge uno avvenuto il 27 dicembre 2020. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 61 e quelli in altri reparti a 646.I decessi complessivamente ammontano a 2.325. I totalmente guariti sono 50.287, i clinicamente guariti salgono a 1.520, mentre scendono le persone in isolamento che oggi risultano essere 10.685. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 65.524 persone.

Abruzzo

Rispetto a ieri in Abruzzo si registrano 344 nuovi casi. Sei morti nelle ultime 24 ore e sale a 1.441 il totale da inizio empidemia. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 29.933 dimessi/guariti (+308 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 10.076 (+29 rispetto a ieri). Ospedalizzati: 402 pazienti (-13 rispetto a ieri) sono ricoverati in terapia non intensiva; 40 (-2 rispetto a ieri con 1 nuovo ricovero) in terapia intensiva, mentre gli altri 9.634 (+44 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Liguria

Sono altri 20 i decessi di persone positive al Coronavirus in Liguria, secondo l'ultimo bollettino diffuso dalla Regione. Le vittime, da inizio emergenza, sono salite a 3.278. Ricoveri invece in calo: ad oggi negli ospedali liguri ci sono 659 pazienti covid, 23 in meno di ieri. Di questi, 68 sono in terapia intensiva. Sono altri 268 i casi di positivita' registrati; in un giorno effettuati 4.123 tamponi molecolari, 804.996 da inizio emergenza. Effettuati anche 3.015 tamponi antigenici rapidi, 29.483 dal 14 gennaio scorso. Dei 74.030 vaccini consegnati, ne sono stati somministrati 49.969, pari al 67%. 

Calabria

"In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 479.987 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 506.929 (allo stesso soggetto possono essere effettuati piu' test). Le persone risultate positive al Covid sono 31.774 (+263 rispetto a ieri), quelle negative 448.213". Lo rende noto la Regionenel bollettino quotidiano dei dati relativi al Coronavirus: dall'inizio dell'emergenza i decessi sono 578 (+1 rispetto a ieri), i guariti sono 21.823 (+735 rispetto a ieri), i ricoveri sono 296 (-6 rispetto a ieri).

Sardegna

Nelle ultime 24 ore in Sardegna si sono registrati 251 nuovi casi di Covid e 7 decessi. Sono 37.647 i positivi complessivamente accertati nell'isola dall'inizio dell'emergenza e 962 i morti. In totale sono stati eseguiti 564.745 tamponi di cui 6.877 antigenici rapidi, per un incremento complessivo di 4.403 test rispetto al dato precedente. Il rapporto casi positivi-numero dei tamponi eseguiti è del 5,7%. Sono 471 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+3 rispetto al dato di ieri) e 43 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 15.994. I guariti sono complessivamente 19.749 (+564), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell'Isola sono attualmente 388. Sul territorio, dei 37.647 casi positivi complessivamente accertati.

Basilicata

La task force regionale della Basilicata comunica che ieri sono stati processati 781 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 76 (e fra questi 73 residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono guarite 84 persone.

Valle d'Aosta

Sono 17 i nuovi casi di contagio in Valle d'Aosta, 28 sono guariti e un decesso. Il totale dei positivi è di 270 persone: 43 ricoverati, 4 in terapia intensiva; 223 in isolamento domiciliare.

Le altre notizie

Covid Mosca, via le restrizioni. La capitale russa torna (quasi) alla normalità

A messa torna il 'segno della pace'. Ma con lo sguardo