Roma, 12 gennaio 2022 - È positivo, per quanto riguarda nuovi casi e ospedali, il bollettino trasmesso dal ministero della Salute (qui quello aggiornato a oggi 13 gennaio 2022). I contagi Covid in Italia calano, dopo il record di ieri, e tornano sotto i 200mila. Diminuiscono leggermente anche i tamponi effettuati che però sono sempre più di un milione. Male invece sul fronte dei morti: sono 313 (91 in Lombardia), record della quarta ondata e numero più alto dal 28 aprile, ma influiscono diversi recuperi dalle Regioni. Rallenta la crescita dei ricoveri ordinari, che negli ultimi giorni sono aumentati di 700 unità al giorno, e per la prima volta da tre settimane scendono, anche se leggermente, i pazienti in terapia intensiva, dove però si registrano 156 ingressi. Cresce, però, un certo scetticismo sui conteggi dei ricoveri e spunta il caso Lombardia

"Omicron è come un'influenza". Ora lo dicono anche i numeri: eccoli

Zona arancione, Lombardia: riconteggiare i ricoveri. Come può cambiare il bollettino Covid

Quarantena, Regioni e medici in pressing: "Senza sintomi? Isolamento breve"

Bollettino Covid del 12 gennaio: 196mila contagi e 313 morti

Quarantena Covid e isolamento: la durata. Quando fare il tampone

Sommario

Green pass: quando non serve. Quali sono i servizi essenziali

Secondo un report Fiaso (Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere) il 34% dei ricoverati Covid sarebbe entrato in ospedale per altri motivi: la positività al Coronavirus sarebbe emersa solo al momento del ricovero. Per l'infettivologo Matteo Bassetti anche il computo dei decessi sarebbe "falsato". La stessa Fiaso, tuttavia, oggi lancia un allarme sui posti letto: "In una settimana i ricoveri Covid è cresciuto del 32%, è la più veloce accelerazione registrata in due mesi". ''L'alto numero di contagi - precisa la Federazione - impone comunque provvedimenti che limitino la circolazione del virus e che incentivino ulteriormente le vaccinazioni e le somministrazioni di terze dosi''. 

Regole sport: stop gare con 35% positivi, tamponi e mascherine

Zona arancione: 8 regioni a rischio, anche la Lombardia

Bollettino Covid di oggi 12 gennaio 2022

Sono 196.224 i nuovi casi di Covid rilevati in Italia nelle ultime 24 ore contro i 220.532 (cifra record) di ieri. Con meno tamponi (1.190.567) sale leggermente il tasso di positività che passa al 16,5% (+0,4%). In aumento ancora i decessi, 313 (influenzati dai recuperi), ennesimo record della quarta ondata e numero più alto dal 28 aprile scorso. Il totale delle vittime sale a 139.872. In calo, dopo tre settimane, le terapie intensive: 8 in meno (ieri +71) con 156 ingressi del giorno, per un totale di 1.669. Crescono ancora, invece, i ricoveri ordinari: sono 242 in più (ieri +727), 17.309 in tutto. La regione con il maggior numero di casi odierni si conferma la Lombardia con 41.050 contagi, seguita da Campania (+27.034), Veneto (+19.811), Emilia Romagna (+18.631) e Piemonte (+17.147). I casi totali salgono a 7.971.068. I nuovi guariti sono 108.198 e gli attualmente positivi sono 2.222.060 (+87.921). Di questi, 2.203.082 pazienti sono in isolamento domiciliare.

Il bollettino record di ieri 11 gennaio 

Regioni / Lombardia

Con 223.167 tamponi effettuati sono 41.050 i nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in salita al 18,3% (ieri era 17,1%). È in calo il numero di ricoverati in terapia intensiva (-3, 253), mentre sono in crescita i pazienti nei reparti (+115, 3.317). Sono 91 i decessi, che portano il totale a 35.610 da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 12.065 i positivi segnalati a Milano (di cui 5.095 a Milano città), 4.026 a Bergamo, 5.880 a Brescia, 2.637 a Como, 1.395 a Cremona, 1.292 a Lecco, 994 a Lodi, 1.550 a Mantova, 3.597 a Monza e Brianza, 2.127 a Pavia, 735 a Sondrio e 3.337 a Varese.

Novità sul conteggio dei ricoveri. La Lombardia ha chiesto al ministero della Salute di non conteggiare come ricoveri dovuti al Coronavirus i pazienti ospedalizzati per altre patologie e poi risultati positivi. È quanto spiega in una nota la Direzione Generale Welfare per "dare una rappresentazione più realistica e oggettiva della pressione sugli ospedali causata dal Covid".

Campania

La Campania fa registrare oggi 27.034 casi di positività, a fronte di 118.028 test processati (64.401 antigenici e 53.627 molecolari), e 20 decessi (17 relativi alle ultime 48 ore e tre avvenuti in precedenza, ma registrati ieri). In discesa i ricoveri ospedalieri in terapia intensiva, sono 79, sei meno di ieri, mentre i ricoverati in posti letto di degenza sono 1.126, 25 più di ieri.

Veneto

Scende leggermente la curva dei nuovi contagi in Veneto, con 19.811 casi nelle ultime 24 ore, in diminuzione rispetto agli oltre 21 mila registrati ieri, con il totale oltre quota 800 mila (812.561). Il bollettino regionale segnala 9 vittime, e un totale di 12.621 morti dall'inizio della pandemia. Gli attualmente positivi sono 215.195, +9.496 rispetto a ieri. Forte il calo dei dati ospedalieri, con 1.566 ricoverati nei reparti (-114) e 210 (-5) nelle terapie intensive. 

Cacciari e terza dose, l'invito a farla citando Socrate. Polemica web: "Morì avvelenato"

Emilia-Romagna

Sono 18.631 i nuovi casi di positività al Coronavirus individuati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore su oltre 73mila tamponi registrati. A questi vanno aggiunti altri 1.145 casi, registrati ieri a Piacenza che non sono stati conteggiati per un problema di rilevamento. Si contano altri 19 morti fra cui tre persone sotto i 60 anni. I casi attivi continuano ad aumentare e sono 242.685, oltre il 5% dell'intera popolazione. Il 99%, però, è in isolamento domiciliare. In terapia intensiva ci sono 148 pazienti (101 dei quali non vaccinati), mentre negli altri reparti Covid i ricoverati sono sono 2.187, con un'età media di 68,9 anni.

Piemonte

Oggi la Regione Piemonte ha comunicato 17.147 nuovi casi, pari al 17,3% di 99.388 tamponi eseguiti, di cui 83.303 antigenici. Degli 17.147 nuovi casi gli asintomatici sono 12.361 (72,1%). I ricoverati in terapia intensiva sono 147 (-1 rispetto a ieri) mentre i pazienti in altri reparti 1.934 (+23). Le persone in isolamento domiciliare sono 154.733. Nel bollettino di oggi sono inseriti 16 decessi, nessuno di oggi. 

Toscana

In discesa il numero di nuovi casi in Toscana mentre il tasso dei tamponi positivi si mantiene stabile (lievemente più basso di ieri), pari al 18,48% (69,6% sulle prime diagnosi). I contagi registrati nelle 24 ore sono 13.341 su 72.195 test di cui 25.068 tamponi molecolari e 47.127 test rapidi. Purtroppo si registrano anche 34 deceduti: 19 maschi e 15 donne con un'età media di 80,5 anni. In costante aumento anche i ricoveri: complessivamente sono 1.276, 46 in più rispetto a ieri, di cui 123 in terapia intensiva, uno in più.

Sicilia

Lieve calo dei casi Covid in Sicilia. I nuovi contagiati sono 13.048 a fronte di un numero superiore di tamponi processati, 62.875, tant'è che il tasso di positività scende al 20,75%. Nelle ultime 24 ore si registrano 35 morti. Gli attualmente positivi sono 140.923. Tra questi i ricoverati nei reparti ordinari sono 1.275 (+56), quelli in terapia intensiva 165 (+2) con 16 nuovi ingressi. In isolamento domiciliare ci sono invece 139.482 persone.

Lazio

"Oggi nel Lazio su 29.612 tamponi molecolari e 79.927 tamponi antigenici per un totale di 109.539 tamponi, si registrano 12.027 casi positivi (-761). Sono 15 i decessi (-28), 1.629 i ricoverati (+56), 202 le terapie intensive (+6) e 4.993 i nuovi guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 10,9%. I casi a Roma città sono a quota 5.063". Lo ha reso noto Alessio D'Amato, assessore alla Sanità. 

Liguria

Sono 5.984 i nuovi positivi scoperti in Liguria a fronte di 8.333 tamponi molecolari e 25.909 antigenici rapidi effettuati nelle ultime 24 ore. Scendono leggermente i ricoveri: negli ospedali ci sono 727 pazienti, 2 in meno di ieri, di cui 40 in terapia intensiva (32 non vaccinati). Il report registra anche 9 decessi avvenuti tra il 4 gennaio e ieri; le vittime del virus, da inizio emergenza, salgono dunque a 4.685.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati complessivamente 4.651 contagi: 1.541 su 12.587 tamponi molecolari, con una percentuale di positività del 12,24%, e 3.110 su 18.347 test rapidi antigenici realizzati (16,95%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 40 di cui 35 non vaccinate mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti scendono a 351. Per quanto riguarda l'andamento della diffusione del virus tra la popolazione la fascia d'età più colpita è quella da 0 a 19 anni (17,63%).

Puglia

Oggi in Puglia sono stati registrati 3.993 nuovi casi di Covid (ieri erano oltre 7mila), su 86.037. Nessun decesso nelle ultime 24 ore. Attualmente sono 65.772 le persone positive, 490 sono ricoverate in area non critica e 51 in terapia intensiva. 

Abruzzo

Sono 3.912 i nuovi positivi individuati oggi in Abruzzo, l'11,04% di 7.088 tamponi molecolari e 28.345 test antigenici. Il bilancio dei deceduti registra 7 casi e sale a 2.680 da inizio pandemia. Gli attualmente positivi sono 57.620 (+3238 rispetto a ieri): 338 pazienti (come ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica, 35 (+3) in terapia intensiva, mentre gli altri 57.247 (+3235 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare.

Umbria

Registrati nell'ultimo giorno 2.680 nuovi casi con una flessione rispetto a ieri, ma sale il tasso di positività sul totale del 13,99% a fronte di un minor numero di tamponi. Salgono a 222, dieci i più di martedì, i ricoverati Covid negli ospedali dell'Umbria dove restano stabili a 14 i posti occupati in terapia intensiva. Segnalati altri tre morti ma dopo tempo scendono in un giorno infrasettimanale gli attualmente positivi, 34.324, 299 in meno, con un record di 2.976 guariti. 

Pediatri: 268 under 19 in rianimazione, 68 bambini con meno di 3 anni

Marche

Balzo nelle Marche dell'epidemia: nelle ultime 24 ore sono stati individuati 2.393 casi di Covid, 1.127 dei quali nella sola provincia di Ancona, con 12.509 tamponi processati nel percorso per le nuove diagnosi e un tasso di positività. Sono 326 (+16) i pazienti assistiti negli ospedali: 58 (+1) in terapia intensiva, 61 (+6) in semi intensiva e 207 (+9) nei reparti ordinari. Sono state registrate anche 4 vittime, tutte affette da patologie pregresse.

Alto Adige

Dopo l'impennata dei contagi registrata ieri (oltre 3mila), cala il numero dei nuovi positivi al Covid in Alto Adige (anche per effetto del minor numero di tamponi, in particolare rapidi, eseguiti), ma aumenta l'incidenza settimanale che è ora di 2.330 su 100.000 abitanti. Le nuove infezioni sono 2.312. Non vengono segnalati nuovi decessi. Cala il numero dei pazienti ricoverati nelle strutture pubbliche: 17 (uno in meno) vengono assistiti in terapia intensiva e 73 (4 in meno) normali reparti ospedalieri. 

Calabria

Aumentano ancora i contagi in Calabria dove si registrano anche 9 decessi. Sono 2.288 i nuovi positivi, cento più di ieri, con 13.581 tamponi eseguiti e il tasso che dal 15,64% risale al 16,85%. Il totale delle vittime dall'inizio della pandemia è di 1.687. Frena il trend dei ricoveri: diminuiscono di 16 ii pazienti nei reparti ordinari (394 in totale), mentre restano stabili le terapie intensive, 38. Gli attualmente positivi sono 30.861 (+1.229) e gli isolati a domicilio 30.429 (+1.245).

Trentino

Nelle ultime 24 ore si registrano altri tre decessi per Covid in Trentino: si tratta di due uomini e una donna di età compresa fra i 60 ed i 93 anni con patologie pregresse. Sono stati individuati 2.278 nuovi casi a fronte di 1.503 tamponi molecolari 11.647 test antigenici. La fasca di età più interessata dai contagi è quella tra i 19 e i 39 anni. Le persone ricoverate in ospedale sono 157, di cui 27 in rianimazione. Ieri ci sono stati 27 nuovi ricoveri a fronte di 17 dimissioni.

Le altre regioni

Una vittima e 1.307 nuovi positivi in Sardegna. Crescono i casi registrati in Basilicata: 919, un centinaio più di ieri, su un totale di 2.745 tamponi molecolari. In Molise 798 contagi. Un decesso e 622 nuovi casi in Valle D'Aosta.