Roma, 17 dicembre 2020 - Nuovo bollettino sul Covid in Italia: gli aggiornamenti dalle Regioni e dal Ministero della Salute evidenziano una risalita dei casi di Coronavirus a fronte di un calo dei tamponi. Ma continuano a scendere ricoveri e terapie intensive. Ancora pesanti i numeri del Veneto. "I dati di questa settimana – dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – confermano il rallentamento del contagio, documentato dalla riduzione dell’incremento percentuale dei casi totali (6,4% vs 8,4% a livello nazionale, registrata anche in tutte le Regioni) e dal numero dei nuovi casi settimanali (- 17,1%). Tuttavia, la netta riduzione di oltre 88 mila casi testati (-16,1%) e il rapporto positivi/casi testati stabile finiscono per sovrastimare gli effetti delle misure di mitigazione". Intanto sempre più vicino il giro di vite per Natale e cresce l'attesa per il nuovo decreto.

Bollettino del 18 dicembre

Dpcm Natale e quando parla Conte: le ultime notizie e i tempi

Miozzo (Cts): "Scienziati allarmisti? Bisogna tornare in classe"

Sul fronte estero: Macron positivo, in isolamento i leader che lo hanno incontrato. Negli Usa, doppio record: 250mila casi e 3.700 morti in 24 ore.

Il bollettino del 17 dicembre

Oggi 18.236 nuovi contagi e 683 morti. I tamponi sono 185.320, il tasso di positività (sul totale dei tamponi) risale al 9,8%. Il rapporto tra positivi e casi testati è invece al 22,57%. Sono 2.855 i pazienti in terapia intensiva, in calo di 71 unità rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 183. Le persone ricoverate con sintomi nei reparti ordinari sono 26.427, in calo di 470 unità rispetto a ieri. In Veneto sono stati rilevati 4.402 casi, in Lombardia 2.730 e in Emilia Romagna 1.667. Gli attualmente positivi sono 635.343 (-10.363).

Vaccino Covid: si parte tra dubbi, intoppi e mancate autorizzazioni

Le Regioni / Veneto

"I positivi a Coronavirus in Veneto nelle ultime 24 ore sono 4.402 su 58mila tamponi eseguiti pari al 7,52%. I positivi da inizio dell'emergenza sanitaria sono 205.009, 95.779 gli attuali, 3.331 i ricoverati totali , 378 terapie intensive (+6)". E' il bollettino illustrato dal presidente del Veneto, Luca Zaia nel corso del punto stampa presso la Protezione Civile a Marghera. I morti sono 92. "Chiusura dei confini comunali dopo le 14 dal 19 dicembre e fino al 6 gennaio": è l'ordinanza che adotterà Zaia, in attesa che arrivi il provvedimento del Governo.

Lombardia

In Lombardia continuano a diminuire i ricoverati in terapia intensiva (-18) e nei reparti (-153). A fronte di 31.587 tamponi effettuati, oggi sono 2.730 i nuovi positivi, con un rapporto all'8,6%. I guariti sono 4.354, mentre i decessi 68. A livello provinciale Milano è l'area più colpita, con 817 contagi di cui 355 in città, Como segue con 311 casi, poi Brescia con 306, Varese con 283, Bergamo con 210. Dietro, Monza e Brianza conta 198 positivi, Mantova 172, Pavia 156, poi Lecco 70, Lodi e Cremona 52, mentre chiude Sondrio con 15 nuovi contagi. "Purtroppo per Zaia la situazione del Veneto è un po' peggiore della Lombardia. Credo che noi abbiamo dei buoni numeri quindi ci possiamo permettere di non restringere ulteriormente", ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine del Consiglio regionale, escludendo provvedimenti autonomi nel periodo natalizio rispetto a quelli del Governo

Emilia-Romagna

Aumenta la percentuale dei positivi e non cala il numero dei morti. L'aggiornamento in Emilia-Romagna dice che su 14.297 tamponi effettuati, 1.667 sono risultati positivi, di cui 822 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti ieri è dell'11,7%, mentre quella di due giorni fa era del 7%. Si registrano altri 78 decessi. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 47,4 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 404 nuovi casi, Modena 257, Reggio Emilia 255, Rimini 168, Parma 111, Piacenza 96, Ravenna 88, Ferrara 58. Poi i territori di Imola con 131 casi, Forlì 55 e Cesena 44. 

Lazio

Aumentano i nuovi positivi nel Lazio. "Oggi, su quasi 16mila tamponi, si registrano 1.597 casi", rende noto l'assessore alla Sanità regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 1.220 su quasi 16mila tamponi eseguiti. Cresce anche il numero dei decessi: sono 57, mentre ieri erano stati 40. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 4.177: "un record", sottolinea D'Amato. E del totale dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore 767 sono a Roma.

Puglia

Sono 1.073 i nuovi casi di Covid registrati in Puglia, a fronte di 10.728 test per l'infezione effettuati. I casi sono così suddivisi: 523 in provincia di Bari, 59 in provincia di Brindisi, 115 nella Bat, 90 in provincia di Foggia, 160 Lecce, 135 Taranto, 2 residenti fuori regione. 11 casi di provincia non nota sono stati attribuiti e riclassificati. Sono stati registrati 43 decessi: 12 in provincia di Bari, 9 nella Bat, 1 in provincia di Brindisi, 14 Foggia, 3 Lecce, 4 Taranto.

Campania

In Campania, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 927 positivi al Coronavirus, 2.530 guariti e 48 decessi, di cui 37 nelle ultime 48 ore e 24 deceduti in precedenza, ma registrati ieri. Gli asintomatici sono 865 e i sintomatici 62. A comunicarlo l'Unità di crisi regionale. Il totale dei contagi da Covid-19, da inizio pandemia, sale a 177.527, i morti sono 2.472 e le guarigioni 88.502. I tamponi processati complessivamente 1.860.023 di cui 15.130 eseguiti ieri. Il report posti letto su base regionale riporta 656 posti letto di terapia intensiva disponibili, di cui 119 occupati mentre i posti letto di degenza disponibili, tra posti letto Covid e offerta privata 3.160, di cui 1.656 occupati.

Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia oggi sono stati rilevati 707 nuovi contagi (il 7,22 per cento dei 9.794 tamponi eseguiti) e 26 decessi da Covid-19, a cui si aggiunge un ulteriore decesso avvenuto il 12 dicembre. Sono 57 le persone ricoverate in terapia intensiva, mentre calano quelle in altri reparti che si attestano a 630. Diminuiscono anche le persone in isolamento, che risultano essere 12.534.

Toscana

In Toscana sono 636 i positivi in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 114.246 unità. I nuovi casi sono lo 0,6% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 636 casi odierni è di 45 anni circa. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.757.598, 11.545 in più rispetto a ieri, di cui il 5,5% positivo. Sono invece 4.188 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 15,2% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 5.204 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 14.260, -5,2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.261 (42 in meno rispetto a ieri), di cui 199 in terapia intensiva (3 in meno). Oggi si registrano 63 nuovi decessi.

Toscana zona gialla, è ufficiale: l'Rt è crollato a 0.68, i dati del Cts

Marche

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 4.824 tamponi: 3.279 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1449 nello screening con percorso Antigenico) e 1.545 nel percorso guariti. I positivi sono 467 nel percorso nuove diagnosi (114 in provincia di Macerata, 109 in provincia di Ancona, 146 in provincia di Pesaro-Urbino, 60 in provincia di Fermo, 28 in provincia di Ascoli Piceno e 10 da fuori regione). Questi casi comprendono 66 soggetti sintomatici.

Liguria

In Liguria sono stati registrati 416 nuovi contagi e altri 19 morti. Nell'ultima giornata sono stati effettuati 4.333 tamponi. Le vittime avevano un'età compresa tra i 52 e i 97 anni. Al momento in tutto il territorio ligure sono 815 i pazienti Covid ricoverati in ospedale, 11 meno di ieri, di cui 69 in terapia intensiva. Sono 7.702, invece, le persone attualmente positive, 350 meno di ieri, e 6.585 quelle sottoposte a sorveglianza attiva.

Alto Adige

In Alto Adige nelle ultime 24 ore sono stati 328 i nuovi casi di Covid-19. I decessi sono stati 5 per un totale di 673 da inizio pandemia. L'azienda sanitaria scinde il dato: 287 casi sono emersi dall'analisi di 1.986 tamponi Pcr e 41 dai 1.365 test eseguiti ieri. Prosegue il lieve calo dei ricoveri. Attualmente sono 190 i pazienti Covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri (13 in meno rispetto a ieri) e 22 in terapia intensiva (dato stabile). I pazienti infetti ricoverati nelle strutture private convenzionate sono 146. Risale sopra quota 6.000 (6.180) il numero delle persone in isolamento domiciliare.

Sardegna

Altri 11 morti oggi in Sardegna, dove il totale delle vittime arriva a 634: sono sette uomini e 4 donne fra i 59 e i 97 anni, che risiedevano nel Sassarese (sei), nel Sud Sardegna (due), nella Città metropolitana di Cagliari (due) e nel Nuorese (una). I nuovi casi segnalati dall'Unità di crisi regionale sono 268, che portano a 27.410 quelli accertati da marzo.

Abruzzo

Rispetto a ieri ina Abruzzo si registrano 246 nuovi casi in più. I morti sono 18 e il bilancio sale a 1.102. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 18.347 dimessi/guariti (+787 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 13.425 (-561 rispetto a ieri).