Roma, 9 novembre 2021 - Crescono contagi e morti nel nuovo bollettino di ministero della Salute e Protezione Civile sull'andamento del Covid in Italia. Gli ultimi dati evidenziano un'impennata di casi in Veneto, mentre gli attualmente positivi nel nostro Paese tornano a superare quota 100mila. Confermato anche il trend in crescita dei ricoveri, dopo il boom registrato ieri

Covid, tutti i dati del 10 novembre

Che Natale sarà? Dubbi sul Pass, corsa alla terza dose 

Manifestazioni no Green pass, stretta del Viminale: "Vietati tutti i cortei"

Bollettino Covid 9 novembre

Sommario 

Sempre sul fronte ospedaliero in mattinata sono arrivati i dati Agenas: dopo settimane di stabilità torna a risalire in Italia la percentuale di posti di rianimazione occupati da pazienti Covid, che passa dal 4 al 5%. Due sole regioni superano la soglia d'allerta: il Friuli Venezia Giulia e le Marche entrambe all'11%. Resta stabile al 6% invece a livello nazionale l'occupazione dei posti letto nei reparti ospedalieri di area medica, che però cresce in ben 7 regioni. L'Alto Adige registra il tasso più elevato, ma resta comunque sotto la soglia d'allerta del 15%. 

Singapore, il governo: niente più cure per chi non si vaccina

"Non ne siamo fuori e la situazione presenta ampi margini di incertezza ma la situazione non è paragonabile con quella dello scorso anno", ha detto Massimo Galli su Rai3 commentando il quadro attuale. Merito ce l'hanno i vaccini che adesso sono concentrati sulla terza dose, che secondo le ultime dichiarazioni degli esperti potrebbe proteggere per anni. La situazione è peggiore in molti stati anche europei: la Germania oggi ha registrato un record di incidenza settimanale e altre 169 vittime, e Russia e Ucraina che hanno registrato nuovi record di morti (rispettivamente 1.211 e 833). 

Il bollettino Covid di oggi 9 novembre 

Sono 6.032 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 4.197. Sono invece 68 le vittime in un giorno, un picco per le ultime settimane. Ieri erano stati 38. Il  tasso di positività è allo  0,9% (-0,8%).  I tamponi sono stati 645mila (circa 400mila in più rispetto a ieri).   Gli attualmente contagiati risalgono oltre quota 100mila (100.205, +1.430) dei quali 3.436 ricoverati nei reparti ordinari (+74) e 421 in terapia intensiva (+6). Restano in isolamento domiciliare 96mila pazienti mentre sono 4.613 le persone dimesse o guarite.

Regioni / Veneto

Salgono decisamente i contagi Covid in Veneto, che nelle ultime 24 ore registra 883 nuovi positivi, e 7 decessi. Aumenta la pressione ospedaliera: sono in crescita i ricoverati in area non critica, oggi a 261 (+4), e salgono anche i pazienti in terapia intensiva a 58 (+6).

Lombardia

I nuovi positivi in Lombardia sono 849, con 144.283 tamponi effettuati. Il tasso di positività è allo 0,5%. In aumento i ricoverati in terapia intensiva (+1, 47) e nei reparti (+31, 379). Sono 4 i decessi che portano il totale a 34.205 i morti da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 270 i positivi segnalati a Milano (di cui 121 a Milano città), 46 a Bergamo, 102 a Brescia, 29 a Como, 26 a Cremona, 23 a Lecco, 29 a Lodi, 34 a Mantova, 85 a Monza, 35 a Pavia, 10 a Sondrio e 111 a Varese. 

Lazio 

Oggi  in Lazio 773 casi e 12 decessi, come ha reso noto l'assessore Alessio D'Amato. I ricoverati sono 523 (+13), 61 nelle terapie intensive, e +694 i guariti. "Con il virus non si scherza- sottolinea l'assessore regionale alla Sanità -. Ieri un decesso a Rieti di un uomo di 55 anni non vaccinato, oggi si registrano altri due uomini di 56 e 69 anni non vaccinati. In totale 8 su 12 decessi nelle ultime 24 ore sono di persone non vaccinate e 4 non avevano completato il percorso vaccinale. Rinnovo l’appello a non abbassare la guardia". 

Sicilia

I nuovi positivi scoperti nelle ultime 24 ore sono stati 504,  l’incidenza è all’1,5%; i ricoverati 394 (15 più di ieri), di cui 48 in terapia intensiva. La provincia con l’aumento più consistente di casi è Messina (134), seguita da Palermo e Catania, entrambe con 110 nuovi contagiati. Gli 11 decessi segnalati sul report di oggi riguardano l’1, il 6 e il 7 novembre.

Campania

Sono 493 i casi positivi in Campania nelle ultime 24 ore, su 29.252 test esaminati. Cala l’indice di contagio, come di solito accade dopo il fine settimana quando diminuisce il numero dei test esaminati. Aumenta, invece, il numero dei decessi: 5 nelle ultime 48 ore; 8 deceduti in precedenza ma registrati ieri. Sale a 18 il numero dei posti letto occupati nelle terapie intensive (+1 rispetto a ieri 8 novembre) e a 281 i ricoveri in degenza (+6). In gravi condizioni in rianimazione un 12enne non vaccinato. 

Emilia-Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 436.293 casi di positività, 458 in più rispetto a ieri 8 novembre, su un totale di 32.191 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 40 (+3 rispetto a ieri), 338 quelli negli altri reparti Covid (-3)

Friuli

In Friuli Venezia Giulia su 5.385 tamponi molecolari sono stati rilevati 287 nuovi contagi.  Nella giornata odierna si registrano 3 decessi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 19, occupato l'11% dei posti. I  pazienti in altri reparti risultano essere 124.

Puglia

Oggi in Puglia si registrano 241 nuovi casi di Coronavirus (1,08% dei 22.230 test) e un decesso. I casi sono così distribuiti: 42 in provincia di Bari, 19 nella provincia Barletta-Andria-Trani, 23 in quella di Brindisi, 26 nel Foggiano, 39 nel Leccese e 89 in provincia di Taranto. Delle 3.531 persone attualmente positive, 152 sono ricoverate in area non critica e 19 in terapia intensiva.

Toscana

Sono 234 i nuovi casi scoperti in Toscana dall'analisi di 6.521 tamponi molecolari e 28.898 tamponi antigenici rapidi per un tasso di positività dello 0,7%. Oggi si registrano anche 3 decessi: un uomo e 2 donne con un'età media di 77,7 anni. Stabili a quota 305 i ricoveri, di cui 28 in terapia intensiva. Sono 6.338 invece le persone in isolamento a casa.

Calabria

In Calabria, ad oggi, le persone risultate positive al Coronavirus sono 88.865, 150 in più  rispetto a ieri, 8 novembre. Sono 2 le persone decedute. Nei reparti sono ricoverate 110 persone, mentre 7 sono quelle in rianimazione. 

Marche

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 138 nuovi casi di ‘Covid-19’, il 6,3% rispetto ai 2.182 tamponi processati all’interno del percorso per le nuove diagnosi (ieri il rapporto era stato del 9%, con 73 casi su 809 tamponi), mentre si sono registrati 3 decessi riconducibili al virus. I pazienti in terapia intensiva sono 23 (erano 24), quelli in semi intensiva restano 27.

Alto Adige

In Alto Adige sono 120 i nuovi casi di Covid individuati da 1.255 tamponi processati nella giornata di ieri. Il bollettino odierno riporta anche un decesso per un totale di 1.208 vittime dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Stabili i ricoveri in ospedale: sono 65 i pazienti nei reparti ordinari e 4 quelli in terapia intensiva.

Umbria

Sono stati  105 i nuovi casi Covid accertati in Umbria nell’ultimo giorno (erano 12) ma continua la discesa dei ricoverati in ospedale, ora 44, due in meno di lunedì, sei dei quali intensiva, dato invariato. Stabile il dato delle vittime del virus, sono stati certificati 31 guariti, con gli attualmente positivi ora 1.455, 74 in più. Sono stati analizzati 2.526 tamponi e 11.794 test antigenici, per un tasso di positività sul totale dello 0,7 per cento (0,31 il giorno precedente).

Le altre regioni

In Abruzzo i nuovi casi sono  114, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 83.882. Il bilancio dei pazienti deceduti non registra alcun nuovo caso e resta fermo a 2.566. Sono 24 i positivi al  Covid in Basilicata su 767 tamponi molecolari processati ieri 8 novembre.  Ammontano a 24 i ricoveri totali, nessuno dei quali in terapia intensiva. Al momento i positivi totali in Basilicata sono 895.  In Valle d'Aosta 11 nuovi positivi, il totale diventa quindi di 12.365 da inizio pandemia, secondo i dati del bollettino regionale. I positivi attuali sono 83. Tra questi nessuno in terapia intensiva e 6 ricoverati. Il totale dei decessi è stabile a 474.