Roma, 24 settembre 2021 - C'è la bozza del monitoraggio settimanale sul Covid all'esame della cabina di regia. E' ancora in calo l'indice Rt in Italia, che nell'ultima settimana di monitoraggio scende a 0.82 contro lo 0.85 dei sette giorni precedenti. In netta discesa l'incidenza, che torna sotto la soglia di rischio dei 50 casi per centomila abitanti a 45 casi per centomila (la scorsa settimana era a 54, quella precedente a 64).

Bollettino Covid del 24 settembre: contagi nelle regioni

Covid, sì al vaccino anche in gravidanza

Vaccinati Covid in Italia: i dati regione per regione

Nell'ultima settimana di monitoraggio "il tasso di occupazione in terapia intensiva è in lieve diminuzione al 5,7% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute), con una lieve diminuzione del numero di persone ricoverate da 554 (14/09/2021) a 516 (21/09/2021)". Anche "il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale diminuisce leggermente al 6,8%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve diminuzione da 4.165 (14/09/2021) a 3.937 (21/09/2021)".

Anche questa settimana sono quattro le Regioni/Province autonome (PA) che risultano classificate a rischio moderato: Piemonte, Bolzano, Trento e Valle d'Aosta. Le restanti 17 Regioni risultano classificate a rischio basso. La scorsa settimana le regioni a rischio moderato erano invece Abruzzo, Molise (che escono dalla classificazione di rischio moderato), Bolzano e Trento.

La Sicilia rimane con valori da zona gialla, anche se starà alla Cabina di Regia e poi eventualmente al ministro Speranza decidere un'eventuale "promozione" in bianco, alla luce del trend di calo dei ricoveri. Al 21 settembre, secondo gli indicatori decisionali al vaglio, l'isola ha ancora il 10,7% di terapie intensive occupate (la soglia è 10%) e il 17,3% di ricoveri ordinari (la soglia è 15%). Supera invece la soglia delle intensive (11,3%) ma non quella dei ricoveri ordinari (3,8%) la Provincia di Bolzano. Al contrario, sono sopra soglia per i ricoveri ordinari Basilicata (15,4%) e Calabria (18,5%), che perè entrambe hanno le terapie intensive sotto il 10% (rispettivamente al 4,8% e al 7,7%). Italia che rimane tutta bianca, dunque, a eccezione della Sicilia su cui come detto pende la valutazione di oggi, ma alla luce dei dati sembra probabile la permanenza in giallo per un'altra settimana.

Grafico interattivo

Brusaferro (Iss)

"La curva sta lentamente decrescendo e anche nelle fasce di età piu giovani c'è una decrescita tranne che nella fascia 0-9. La proiezione per l'Rt è in calo a 0,82 e quindi il numero dei casi tenderà a decrescere", ha affermato il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro alla conferenza stampa sull'analisi dei dati del monitoraggio regionale della cabina di regia.

Vaccinati regione per regione

Il grafico sulle vaccinazioni