Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 feb 2022

Covid, gli scienziati ci credono: "La pandemia è finita"

Abrignani traccia la via. "Dal 31 marzo stop alle restrizioni e Cts sciolto". L’immunologo Silvestri: grazie ai vaccini l’incubo del passato non tornerà più

16 feb 2022
E' stata chiusa all'ospedale di Codogno l'area covid, che vide entrare il primo paziente in Italia ammalato di coronavirus. Proprio oggi, infatti, è stato dimesso, da questa sezione, l'ultimo paziente guarito dal virus. A darne notizia, insieme alla Asst di Lodi, Francesco Tursi, responsabile del servizio di Pneumologia e referente dell'"Area Gialla covid" del nosocomio della cittadina tra Lodi e Piacenza, impegnato per oltre 15 mesi nella lotta al terribile virus. "E' un giorno che vivo con profonda emozione", ha scritto Tursi, Codogno 4 giugno 2021.
ANSA/FLAVIA MAZZA
E' stata chiusa all'ospedale di Codogno l'area Covid (Ansa)
E' stata chiusa all'ospedale di Codogno l'area covid, che vide entrare il primo paziente in Italia ammalato di coronavirus. Proprio oggi, infatti, è stato dimesso, da questa sezione, l'ultimo paziente guarito dal virus. A darne notizia, insieme alla Asst di Lodi, Francesco Tursi, responsabile del servizio di Pneumologia e referente dell'"Area Gialla covid" del nosocomio della cittadina tra Lodi e Piacenza, impegnato per oltre 15 mesi nella lotta al terribile virus. "E' un giorno che vivo con profonda emozione", ha scritto Tursi, Codogno 4 giugno 2021.
ANSA/FLAVIA MAZZA
E' stata chiusa all'ospedale di Codogno l'area Covid (Ansa)

Roma, 16 febbraio 2022 - L’emergenza è finita, lo dicono numeri e scienziati. Guido Silvestri, patologo, immunologo e virologo, professor & chair presso Emory University di Atlanta, pensa che "la pandemia come emergenza sanitaria in grado di travolgere i servizi sanitari sia ormai finita nei Paesi occidentali e ovunque ci siano percentuali di vaccinati sufficientemente alte, oltre il 90% della popolazione adulta". "Lo scenario più probabile è che Covid diventi una malattia respiratoria endemica dal tipico andamento stagionale, con recrudescenza nel tardo autunno e soprattutto inverno – spiega – come vediamo con l’influenza e con i coronavirus che già da tempo sono adattati alla popolazione umana". Bollettino Covid: i dati del 16 febbraio  E su questa scia prosegue anche Sergio Abrignani, immunologo e membro del Comitato tecnico scientifico: "Non credo verrà prorogato lo stato di emergenza e, quindi, si scioglierà anche il Cts. Non credo che dovremmo più vivere la situazione emergenziale che abbiamo vissuto in passato, almeno se rimane Omicron. E non penso che possa arrivare a breve una variante più diffusiva di Omicron, è difficile ed è improbabile immaginarsela". I numeri della pandemia spiegano che la curva dei ricoveri comincia a scendere rapidamente: in una settimana, il dato dei pazienti Covid ricoverati è diminuito del 17% secondo la rilevazione Fiaso (Federazione italiana delle aziende sanitarie e ospedaliere) del 15 febbraio. Nei reparti ordinari la diminuzione dei pazienti, rispetto all’8 febbraio, si attesta al 16% mentre nelle intensive il calo arriva al 26%. Il grande lavoro sui vaccini ha rappresentato la differenza con l’anno scorso, quando non avevamo strumenti così efficaci contro il virus. Ora l’orizzonte più probabile è una (eventuale) immunizzazione annuale. Il direttore generale Nicola Magrini spiega: "Per la popolazione non fragile, con la prossima estate entreremo in uno scenario nuovo: un’immunità diffusa e una circolazione del virus ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?