Roma, 6 marzo 2021 - Verso un ulteriore giro di vite per ridurre i contagi Covid? "Grande preoccupazione" per l'evoluzione della pandemia, che richiede l'"innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale" e la "riduzione delle interazioni fisiche e della mobilità": è quanto ha messo a verbale il Comitato tecnico scientifico nella riunione di ieri al termine della quale - sottolineano fonti del Cts - "non è stato suggerito al governo alcun lockdown".

Ma si chiede una linea ben precisa: "Alla luce dell'aumento sostenuto della circolazione di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità - si legge - si ribadisce di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e della mobilità. Analogamente a quanto avviene in altri paesi Europei, anche a causa delle varianti virali che potrebbero potenzialmente ridurre l'efficacia di alcuni vaccini, si rende necessario un rafforzamento/innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale al fine di ottenere rapidamente una mitigazione/contenimento del fenomeno epidemico, indipendentemente dai valori di incidenza".

Covid, rara variante a Varese: "Solo un altro caso al mondo"

Nel corso della riunione gli esperti hanno anche auspicato una "tempestiva conclusione" della revisione dei parametri del monitoraggio, in modo da rendere "più rapida l'azione di contenimento/mitigazione" da attuare sia a livello nazionale che locale. Nel Dpcm entrato in vigore oggi, spiegano ancora gli esperti, è stato inoltre previsto che le scuole di ogni ordine e grado devono passare in didattica a distanza nelle zone dove l'incidenza supera i 250 casi ogni 100mila abitanti. Questa stessa soglia il Cts l'aveva proposta lo scorso 8 gennaio per far scattare in automatico la zona rossa, ma era stata bocciata dai presidenti di Regione e poi accantonata dal governo che non l'aveva inserita nel Dpcm del 14 gennaio. Ora invece è stata recepita, ma solo per quanto riguarda le scuole e si è lasciato ai governatori la responsabilità di intervenire ulteriormente. Gli esperti hanno però ribadito al governo che alla limitazione dell'attività scolastica faccia seguito anche una limitazione degli altri servizi, compresa la chiusura dei centri commerciali.

Zona rossa e arancione: le Regioni che hanno cambiato colore

Il peggioramento dell'indice Rt

D'altronde, i dati aggiornati del monitoraggio settimanale ieri parlavano chiaro: la situazione epidemiologica segna un peggioramento, l'indice Rt è in salita e si fissa a 1.06. E si tratta di dati in 'ritardo' di 15 giorni. Forse troppo vecchi, secondo gli esperti che fanno appello appunto a una revisione del sistema.

Covid: il bollettino del 6 marzo 2021. Dati regioni e Italia

Covid: in Italia è mancata la barriera dei medici di famiglia

"Chiusa in 80 metri con cinque figli in Dad"

Vertice sui vaccini

Oggi si è tenuto il Comitato operativo della Protezione Civile, convocato dal capo Fabrizio Curcio, d'intesa con il Commissario per l'emergenza Francesco Paolo Figliuolo. Rafforzare in ogni Regione - è la necessità ribadita - i tavoli di coordinamento tra i referenti sanitari e quelli di protezione civile che, avvalendosi del personale della struttura del Commissario e del Dipartimento, dovranno fornire un quadro di sintesi delle singole realtà regionali sulla campagna vaccinale. Inoltre è stato deciso di intervenire per potenziare la capacità di risposta dei singoli territori, in particolare nella distribuzione e somministrazione dei vaccini, anche in vista del prossimo incremento di dosi disponibili.

Mattarella al centro vaccinale

Intanto, nel giorno in cui il ministro della Salute Roberto Speranza ringrazia i medici specializzandi, "che hanno unitariamente sottoscritto l'intesa con governo e regioni", spiega, per partecipare alla campagna vaccinale, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal governatore Nicola Zingaretti, visita il centro vaccinale allestito alla Nuvola di Fuksas all'Eur: "Teniamo duro, ce la faremo", dice ai presenti.

"Covid durerà 20 anni se non riapriamo". Articolo choc su Science, esperti divisi