Roma, 10 maggio 2021 - Bollettino del ministero della Salute, sull'andamento del Coronavirus in Italia, anche se come ogni lunedì il numero dei contagi Covid è più basso perchè risente del minor numero di tamponi effettuati nel weekend. In questi giorni la curva epidemiologica ha segnato un calo e sempre più insistente si fa il pressing sul governo perché il coprifuoco sia abolito o spostato dopo le 23. Ma sotto esame adesso è finito anche l'indice Rt, risalito in molte regioni e che quindi rischia di rispedirle in zona arancione bloccando così il calendario delle riaperture. Intanto accelera la campagna vaccinale, che oggi ha aperto le prenotazione per la fascia d'età 50-59 anni (in Lombardia hanno superato 270mila in mattinata). E slitta il richiamo per i vaccini a mRna: il Lazio e l'Emilia-Romagna hanno spostato a 5 settimane quello di Pfizer, mentre la Toscana a 40 giorni sia il Pfizer che il Moderna. Questa settimana sono attese altre tre milioni di dosi.  

Mascherine all'aperto, Sileri: "Via obbligo con 30 milioni di vaccinati"

Matrimoni, le regole Covid 2021. Ipotesi cerimonie dal 15 giugno

Seconda dose Astrazeneca: cosa succede dopo stop Ue a rinnovo contratto

Sommario

Il bollettino Covid del 10 maggio

Scende ancora la curva dei contagi in Italia: oggi 5.080 nuovi positivi, contro gli 8.292 di ieri. E' un dato che risente anche del calo dei numeri dei tamponi effettuati: oggi 130.000, mentre ieri erano stati 226.006. Sale leggermente il tasso di positività, è al 3,9% (ieri 3,6). Il numero dei morti nelle ultime 24 ore è in crescita, 198 (ieri 139), per un totale di 123.031 vittime dall'inizio della pandemia. Il decremento il numero di nuovi ingressi nelle terapie intensive: sono 80, contro i 103 di ieri, per un totale di ricoverati pari a 2.158 (-34). I ricoveri ordinari sono saliti di 7 unità, arrivando agli attuali 15.427. In isolamento domiciliare sono in 356.085 (-10.157 su ieri); gli attualmente positivi sono 373.670 (ieri 383.854). Il numero totale di dimessi/guariti è pari a 3.619.586. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Le regioni / Campania

Sono 943 i positivi del giorno in Campania, di cui 352 sintomatici, su 9.690 tamponi molecolari processati. I decessi sono 54, di cui 30 nelle ultime 48 ore, e 24 avvenuti in precedenza, ma registrati ieri. Le persone guarite sono 1.896, per un totale di 314.033 da inizio emergenza. Calano le terapie intensive: sono 113 i ricoverati, sei meno di ieri, su 656 posti letto disponibili. Aumentano invece di 17 unità i pazienti in degenza che ora sono 1.365 su 3.160 posti letto complessivamente disponibili in regione. 

Lazio

"Oggi su oltre 11mila tamponi nel Lazio (-1.185) e oltre 4 mila antigenici per un totale di oltre 15 mila test, si registrano 680 casi positivi (-108), 17 i decessi (+7) e +1.463 i guariti. Diminuiscono i casi, mentre aumentano i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 6%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende al 4%. I casi a Roma città sono a quota 370". Lo fa sapere l'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato.

Sicilia

Nelle ultime 24 ore in Sicilia sono stati scoperti 589 casi di Coronavirus grazie a 19.530 tamponi antigenici e molecolari processati. L'incremento di casi più consistente si registra a Palermo e provincia, con 252 nuovi positivi. Il bollettino segnala per l'Isola anche sei morti e 498 guarigioni tra ieri e oggi. Per effetto di questi dati, il numero attuale dei contagiati nelle nove province dell'Isola sale a 22.230, con 85 positivi in più rispetto a ieri. I ricoverati in regime ordinario sono al momento 988, quelli in terapia intensiva o sub-intensiva 131.

Lombardia

Nelle ultime 24 ore in Lombardia sono stati registrati 583 casi di Covid-19, di cui 37 'debolmente positivi', e 23 morti. Dall'inizio dell'epidemia i decessi in regione salgono a quota 33.205. I tamponi processati sono 16.223 (di cui 12.836 molecolari e 3.387 antigenici), per un tasso di positivita' del 3,5%. I guariti/dimessi sono 4.583 (totale complessivo: 744.091, di cui 3.083 dimessi e 741.008 guariti). I pazienti Covid in terapia intensiva scendono a 479 (-13), mentre i ricoverati a 2.668 (-58). Ieri, a fronte di 16.223 tamponi, si erano registrati 1.326 contagi e 33 morti, con un'indice di positività dell'8,1%. Sono 212 a Milano e provincia i nuovi casi di positivi al coronavirus di cui 62 a Milano città.

Toscana

In Toscana sono 481 i nuovi casi di Covid (472 confermati con tampone molecolare e 9 da test rapido antigenico), che portano il numero totale a 233.730 dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Oggi sono stati eseguiti 8.690 tamponi molecolari e 1.818 tamponi antigenici rapidi, di questi il 4,6% è risultato positivo. Aumentano i ricoverati Covid nei reparti non critici che sono 1.311 (15 in più rispetto a ieri), mentre calano le terapie intensive (205, 7 in meno di ieri). I decessi sono stati 20 nelle ultime 24 ore. 

Emilia-Romagna

Torna sotto quota 500 il numero di nuovi positivi al Covid in Emilia-Romagna rilevati nelle ultime 24 ore. Sono infatti 471 (età media 37 anni) i contagi registrati in regione sulla base di 11.029 tamponi (fra molecolari e antigenici) refertati. Tra le province al primo posto c'è Modena con 94 nuovi casi, seguita da Bologna (78+18 dell'Imolese). Si contano 9 nuove vitttime che portano a 13.019 il totale di decessi in regione da inizio pandemia, mentre i guariti aumentano di 2.434 unità. Non cambia il numero di ricoverati in terapia intensiva, 187, mentre si segnalano 22 pazienti in più negli altri reparti (1.357). 

Piemonte 

In Piemonte, oggi sono 346 i casi positivi riportati nel bollettino dell'Unità di crisi della Regione, 17 i morti, + 690 i guariti. Si segnala un lieve aumento dei ricoverati in terapia intensiva, +2 rispetto a ieri, in totale sono 161, mentre  negli altri reparti il numero rimane invariato, 1680. Il tasso di positività è del 2,5% rispetto ai 13.744 tamponi diagnostici processati (8.797 antigenici). Le persone in isolamento domiciliare sono 11.285.

Veneto 

I positivi al Coronavirus in Veneto nelle ultime 24 ore sono 247 (una trentina per provincia veneta), incidenza del 2,50% su 9.866 tamponi eseguiti, da inizio pandemia sono 417.727. "È un numero molto basso", ha commentato il governatore Luca Zaia, ricordando tuttavia che i numeri di inizio settimana non hanno grande attendibilità, data la ridotta attività di tracciamento nel weekend. I decessi sono due, mentre quasi 21mila dimessi. Negli ospedali scende ancora il numero dei posti letto occupati da pazienti Covid: sono complessivamente 1.171 (-3), di cui 1.018 (-3) nei normali reparti medici. Invariato il dato delle terapie intensive, 153. I soggetti positivi e in isolamento domiciliare sono 19.036 (-10).

Puglia

Sono in diminuzione i nuovi casi positivi al Covid in Puglia come è in calo anche il numero dei test. Oggi in regione, sono stati effettuati 4.769 test per l'infezione da Covid e sono stati registrati 247 casi positivi, il 5,1% dei test. I decessi avvenuti nelle ultime 24 ore sono 25, lo stesso numero di ieri: 3 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia BAT, 5 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 11 in provincia di Taranto. Aumentano ancora a ritmo costante il numero dei guariti e pertanto flettono gli attuali positivi e i ricoverati. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.322.283 test, 193.345 sono i pazienti guariti e 43.461 sono i casi attualmente positivi.

Calabria 

Sono 168 in più, rispetto a ieri, le persone risultate positive al Coronavirus in Calabria su 1.979 tamponi eseguiti. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al Covid: dall'inizio dell'emergenza i decessi sono 1.084 (+9 rispetto a ieri) mentre  i guariti sono 48.505 (+456 rispetto a ieri). Aumentano di un'unità i ricoveri che attualmente sono 454, di cui 34 in terapia intensiva.  

Liguria

Sono altri 2 i decessi di persone positive al Coronavirus registrati in Liguria, secondo l'ultimo bollettino diffuso dalla Regione: sale a 4.245 il numero delle vittime da inizio emergenza. I pazienti Covid ricoverati nei nosocomi liguri sono 439, 3 in più di ieri. Di questi, 52 sono in terapia intensiva. Il report registra 66 nuovi positivi, a fronte di 2.081 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 1.312 tamponi antigenici rapidi. Sul fronte vaccini, dei 772.800 consegnati, ne sono stati somministrati 715.401, ovvero il 93%. 

Marche

Nell'ultima giornata sono 57 i nuovi positivi rilevati nelle Marche su 535 nuove diagnosi con un rapporto positivi/testati pari al 10,7%.  Nelle ultime 24 ore testati in tutto "1.140 tamponi: 535 nel percorso nuove diagnosi (di cui 180 nello screening con percorso Antigenico) e 605 nel percorso guariti". I positivi sintomatici sono 19. 

Abruzzo

Sono 54 i contagi  registrati oggi in Abruzzo e risultati dai 1.386 test effettuati (888 tamponi molecolari e 498 test antigenici), con il totale dei contagi che, da inizio emergenza, raggiunge le 72.570 unità. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 3,9%. Il bilancio dei pazienti deceduti registra invece un nuovo caso e sale a 2.438. In aumento i ricoverati in ospedale: sono 278 i pazienti (+7 rispetto a ieri) in terapia non intensiva e 29 (+1 rispetto a ieri con 2 nuovi ricoveri) in terapia intensiva.  

Sardegna

Sono 31 i nuovi casi di positività  accertati in Sardegna nelle ultime 24 ore. Un dato così basso non lo si registrava da fine febbraio, poco prima che l'Isola entrasse, prima regione in Italia, in fascia bianca. In totale sono stati eseguiti 1.219.005 tamponi, per un incremento complessivo di 4.473 test rispetto al dato precedente con il  tasso di positività crolla allo 0,7%. Si registrano due nuovi decessi (1.418 in tutto). Sono invece 288 (-7) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, mentre sono 41 (+1) i pazienti in terapia intensiva.

Friuli Venezia Giulia 

In Friuli Venezia Giulia, oggi, su 1.435 tamponi molecolari sono stati rilevati 29 nuovi contagi con una percentuale di positività del 2,02%. Sono inoltre 374 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 9 casi (2,41%). Sono stati registrati 3 decessi. I ricoveri nelle terapie intensive sono 22, mentre si riducono quelli negli altri reparti che risultano essere 147.

Basilicata

In Basilicata si registrano altri 4 decessi per via del Covid nelle utime 24 ore. Lo fa sapere la task force regionale che segnala 25 nuovi contagi a fronte di 422 tamponi molecolari processati ieri. Nella stessa giornata risultano guarite 79 persone. Gli attualmente positivi sono 5.716, di cui 5.575 in isolamento domiciliare. Sono 18.180 le persone residenti in regione guarite dall'inizio dell'emergenza sanitaria. In ulteriore calo il numero delle persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane sceso a 141 di cui 10 in terapia intensiva.

Le altre regioni 

In Valle d'Aosta un decesso e 19 nuovi contagi. Sono 18 i casi in Umbria, dove non si registra nessuna vittima nelle ultime 24 ore. In Molise solo 2 contagi nella giornata di oggi, a fronte di una riduzione di tamponi (+ 137), come ogni weekend. Nessun decesso e 13 nuovi positivi in Alto-Adige.. Dodici nuovi casi in Trentino dove si registra un decesso e un leggero aumento dei ricoveri.

Terapie intensive: 3 regioni oltre la soglia del 30%

Buone notizie arrivano sul fronte ospedali. Continua infatti a calare, a livello nazionale, il numero delle terapie intensive occupate da pazienti Covid, attestandosi al 24%, ben 6 punti sotto la soglia critica del 30%. Tornano quindi al valore di metà febbraio, ovvero prima dell'effetto della terza ondata pandemica. Solo 3 regioni, inoltre, superano tale soglia oltre la quale diventa difficile la presa in carico di malati non Covid: Lombardia, Toscana e Puglia.  E' quanto rivelano i dati dell'Agenzia Nazionale per i Servizi sanitari regionali (Agenas), relativi alla giornata del 9 maggio. Due settimane fa le terapie intensive Covid erano al 30% e 7 le regioni oltre questo valore. Inoltre cala, attestandosi al 25%, anche la percentuale dei posti letto occupati da pazienti Covid-19 nei reparti ospedalieri ordinari, restando quindi ben al di sotto della soglia di allerta del 40% individuata dal Ministero della Salute. Tale valore era pari 32% lo scorso 27 aprile e al 28% lo scorso 25 maggio. 

Questo, nel dettaglio, il tasso di occupazione delle terapie intensive e dei reparti ordinari nelle varie Regioni e Province autonome: 
Abruzzo (15% intensive, 20% reparti ordinari); Basilicata (13%, 30%); Calabria (22%, 42%); Campania (19%, 31%); Emilia Romagna (25%, 20%); Friuli Venezia Giulia (12%, 12%); Lazio (28%, 29%); Liguria (28%, 24%); Lombardia (35%, 27%); Marche (28%, 27%); Molise (13%, 12%); PA di Bolzano (10%, 11%); PA di Trento (20%, 11%); Piemonte (25%, 29%); Puglia (33%, 39%); Sardegna (19%, 18%); Sicilia (16%, 25%); Toscana (35%, 22%); Umbria (18%, 20%); Valle d'Aosta (30%, 14%); Veneto (13%, 12%).

Coronavirus: i dati del 9 maggio