25 feb 2022

"Costi spropositati e compensi inadeguati"

Matteo Bruno (foto), 44 anni, di Foggia, è tra i camionisti autoconvocati che protestano al porto di Ravenna contro il caro-gasolio.

Lei trasporta cereali e concimi. Con i viaggi che fa riesce a far fronte all’aumento dei costi?

"E chi ci riesce più. Il prezzo del gasolio è spropositato, quello delle gomme pure. Le tariffe con cui ci pagano non sono più adeguate".

Ha dipendenti?

"Uno. Gli verso 1.800 euro di stipendio, mille per i contributi, la tredicesima, le trasferte che siano in Italia o all’estero. Quindi con questo secondo camion non ci guadagno nulla. E con la vita che facciamo, poi…".

Ce ne parli.

"Sono sposato e ho 6 figli. La mia settimana si svolge così: parto da Foggia per Ravenna la domenica pomeriggio, in auto. Alle 4 del lunedì mattina prendo il camion e comincio a viaggiare per le consegne. Il venerdì tardo pomeriggio riprendo l’auto e torno a Foggia".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?