Roma, 16 maggio 2020 - Cosa si potrà fare dal 18 maggio? E' la domanda che si fanno in tanti, cercando di districarsi tra nuove regole, paletti e mille dubbi. Di certo c'è che da lunedì inizia una nuova fase legata all'epidemia di Coronavirus, con nuove linee guida per la riapertura di ristoranti, bar, parrucchieri, e spiagge. Riapriranno il 25 maggio palestre e piscine, mentre il 15 giugno sarà la volta di teatri e cinema. Di chiuso resterà - fino al 3 giugno - il confine regionale, mentre da quella data l'Italia riaprirà anche le frontiere e dirà sì agli arrivi da tutta Europa. 

Intanto vediamo nel dettaglio come sarà la nostra vita da lunedì e le regole per le riaperture.

Le nuove regole della fase 2, il testo finale. Pdf

(L'articolo prosegue sotto)

Parrucchieri, barbieri, centri estetici

- Prenotazione obbligatoria

- Sarà servito un cliente per volta

- Grembiuli e asciugamani monouso

- No alle riviste da leggere

- Mascherine sì

- Guanti sì

 

Ristoranti, bar e pizzerie

- Prenotazione obbligatoria

- Almeno un metro di distanza fra ciascun avventore

- No servizio a buffet

- Mascherine sì (per staff e clienti se si alzano)

- Guanti sì (per staff)

 

Negozi di abbigliamento e calzature

- Flussi separati in entrata e uscita

- Dispenser di gel a disposizione dei clienti

- Igiene ambientale almeno due volte al giorno

- Mascherine sì

- Guanti sì (per provare un capo)

 

Spiagge

- Prenotazione obbligatoria per fasce orarie

- Per ogni ombrellone ci deve essere un'area libera di 10 metri quadrati

- 1,5 metri tra i lettini senza ombrellone

- Sorveglianti anche nelle spiagge libere

- Mascherine sì

 

Centri sportivi

- Solo per allenamento individuale

- Mascherine sì (quando si attraversano spazi comuni)

- Guanti no

- In palestra due metri di distanza durante l'attività fisica