Il rettore dell'Alma Mater Francesco Ubertini
Il rettore dell'Alma Mater Francesco Ubertini

Bologna, 13 giugno 2020 - Durante l’attuale crisi sanitaria, le università hanno avuto modo di dimostrare il loro valore. Le persone in tutto il mondo si affidano sempre più spesso alla competenza basata sulla ricerca. Tuttavia, le nostre attuali conoscenze non sono né complete né sufficienti. Sono in corso enormi sforzi per capire meglio come si comportano il virus Sars-Cov-2 e altri, come le pandemie evolvono in un mondo altamente connesso e come si può migliorare il trattamento medico delle infezioni. Saranno inoltre necessarie ricerche per valutare come la società e le persone si sono adattate alle attuali circostanze eccezionali. 

Come sono cambiate nel processo e come potrebbero diventare più resistenti per far fronte alle crisi future. Queste ultime potrebbero essere di diversa natura, senza menzionare in modo esplicito i cambiamenti climatici. La consulenza scientifica agli organi politici appare dunque di fondamentale importanza, non solo quando i sistemi sanitari sono sotto pressione. Le università hanno lavorato duramente e hanno saputo dimostrare il loro valore.

Ma abbiamo fatto abbastanza? In verità, abbiamo dovuto concentrarci quasi esclusivamente sul nostro territorio, a causa della forza con cui la pandemia ci ha colpiti e della velocità con cui dovevamo prendere decisioni importanti. La complessità delle sfide richiede un approccio "team science" internazionale e in collaborazione con grandi consorzi. L’iniziativa European Universities, alla quale le nostre università hanno aderito lo scorso anno, offre un quadro promettente all’interno del quale concentrare alcuni di questi sforzi e investimenti nell’istruzione e nella ricerca internazionali. Nel 2018 abbiamo lanciato congiuntamente Una Europa, un’alleanza delle nostre otto università. Come espresso dal nostro nome, una Europa, la nostra Alleanza si estende in tutte le parti d’Europa, parla nove lingue e lavora attraverso culture e sistemi diversi tra loro.

Nonostante la recente necessità di concentrarci ognuno sul proprio territorio, Una Europa ci ha aiutato a rimanere in contatto nell’affrontare problemi di simile o uguale natura. La nostra ricerca congiunta si concentra su alcune aree vitali per il miglioramento della resilienza e della sostenibilità all’interno della società. One Health, la più giovane aggiunta alle nostre Focus Areas, promuove il networked thinking sulla salute per migliorare il rilevamento, la prevenzione e il trattamento delle malattie.

Come dimostrato dalla pandemia di Covid-19, le sfide per la salute che derivano dalla complessa interazione tra uomo, animali, piante ed ecosistemi richiedono una revisione dei concetti e dei metodi esistenti. Una stretta collaborazione tra settori e discipline è al centro di OneHealth. Sul piano educativo, tutte le università devono ora prendere decisioni importanti per l’anno accademico a venire. Ulteriori programmi saranno offerti online e saranno introdotti nuovi formati di apprendimento, capaci di mescolare mondi virtuali e fisici. Rimaniamo impegnati a fornire un’istruzione di alta qualità. Mentre le ultime settimane hanno dimostrato che possiamo passare molto rapidamente al "solo digitale" ci siamo anche resi conto di quanto sia insostituibile il contatto diretto, sia tra gli studenti, tra gli studenti e i docenti o tra il personale. Mettendo sempre la sicurezza al primo posto, il nostro impegno si applica pienamente anche alle nostre comunità di studenti e personale internazionali.

L’attuale crisi ci impone di essere creativi e innovativi, come lo siamo stati per secoli, trasformando ad esempio la mobilità in connettività. I nostri studenti non sono stati in grado di viaggiare, ma ciò non ha impedito loro di collaborare attraverso i nostri otto paesi e con i partner locali in quello che abbiamo chiamato Una.Ten, Transform Emergency Now. Le università hanno fatto molto in questa crisi. Ma faremo di più a livello internazionale. Perché la collaborazione che guarda oltre i confini, le culture, le lingue e le discipline è l’unico modo per riprendersi dalla crisi e costruire la resilienza per un potenziale futuro. Questo ci dà nuovo slancio per offrire la nostra Università del Futuro, una sfida che siamo pronti a raccogliere.