Sanificazione su un aereo (Ansa)
Sanificazione su un aereo (Ansa)

Roma, 5 agosto 2020 - Il metro di distanziamento sociale resta una regola base nei luoghi chiusi, come misura di contrasto alla diffusione del Coronavirus. Lo ha ribadito anche oggi il ministro della Salute Roberto Speranza, rispondendo durante il question time alla Camera. E mentre l'ordinanza sui treni va verso la conferma, sugli aerei la distanza può non essere rispettata. Lo spiega lo stesso Speranza, che allarga le eccezioni a tutti i luoghi in cui il "sistema di ricambio d'aria consente un livello di sicurezza anche senza gli evidenti limiti di distanziamento". Come nel caso, appunto, delle compagnie aeree, dove il Comitato tecnico scientifico ha riconosciuto i protocolli di sicurezza.

Coronavirus, il bollettino di oggi 5 agosto in diretta. Dati Italia e tabella

"Siamo in questo momento tra i paesi europei", dice Speranza a Montecitorio, che "meglio sono riusciti a contenere il contagio. Nei giorni scorsi il Centro europeo per il controllo delle malattie Ecdc ha indicato l'incidenza del virus su 100mila abitanti: l'Italia ha 5,7, la Germania 8,4, la Francia 19, Spagna 53,6 e la Romania a 75,1. L'Italia è dunque qui il Paese meglio collocato".

Dunque, "non dobbiamo vanificare il lavoro impressionante fatto negli ultimi mesi e quindi le tre regole essenziali, ovvero mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani, vanno rispettate in tutti i luoghi al chiuso". Secondo il ministro bisogna "continuare ad insistere su queste regole e dobbiamo farlo - dice- insieme alle Regioni". Per Speranza "Siamo fuori dalla tempesta ma la battaglia non è ancora vinta ed un dialogo positivo e costante tra governo e regioni è indispensabile per vincere questa sfida". 

Treni

Disagi e polemiche ha sollevato l'ordinanza che ha ristabilito nei giorni scorsi il distanziamento sui treni. "I termini dell'ordinanza verranno confermati nel dpcm che approveremo", anticipa Speranza. "Da parte mia dico con chiarezza che ogni scelta restrittiva è evidente che comporta dei costi e dei disagi, ma dobbiamo rispettare i tre principi fondamentali: uso mascherine, distanziamento di almeno 1 metro e lavaggio delle mani, perche solo ciò ci può consentire di non vanificare il lavoro fatto", aggiunge.