Verso la riapertura di bar e ristoranti (Ansa)
Verso la riapertura di bar e ristoranti (Ansa)

Roma, 25 aprile 2020 -  Il giorno x della ripertura per bar e ristoranti nella fase 2 della pandemia da coronavirus è il 18 maggio. Comne si stannoi preparando i locali? Vediamolo.

Un metro di distanza tra i tavoli e mascherine al personale di sala e cucina, come da indicazioni delle autorità sanitarie. Accessi differenziati, dove possibile, per i clienti in entrata e quelli in uscita, pagamenti preferibilmente digitali direttamente al tavolo, monitoraggio quotidiano delle condizioni di salute dei dipendenti, pulizia e sanificazione dei locali, gel igienizzante a disposizione di tutti. Sono solo alcune delle misure che i ristoratori italiani sono pronti a predisporre immediatamente, per favorire una riapertura il più rapida possibile delle loro attività.

Proposte contenute all'interno di un protocollo stilato da un gruppo di lavoro organizzato dalla Fipe, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi, sotto la supervisione scientifica di un qualificato infettivologo. Trentacinque pagine in cui si rappresentano le procedure di sicurezza da applicare in bar, ristoranti e servizi di catering.

"Il mondo della ristorazione è pronto a ripartire, impegnandosi a garantire la sicurezza con uno specifico protocollo organizzativo delle attività, messo a disposizione della categoria, al fine di tutelare i rischi di contaminazione sia per i clienti che per i dipendenti - sottolinea il presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani -, ma è chiaro che non basterà per un ritorno immediato alla normalita'. Fino a quando saranno in vigore le misure di distanziamento sociale, con le diverse modalita' di fruizione dei servizi dei Pubblici Esercizi, e' evidente che non si potra' lavorare a pieno
regime. E' dunque indispensabile che le istituzioni supportino economicamente il settore in questa fase transitoria".

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19