Covid, i nuovi casi in Italia dal 1 settembre (Fondazione Gimbe)
Covid, i nuovi casi in Italia dal 1 settembre (Fondazione Gimbe)

Roma, 6 dicembre 2020 - Il Coronavirus in Italia è in frenata, a certificarlo sono i dati Covid di oggi dopo che il bollettino di ieri aveva evidenziato il calo della curva dei contagi. L'aggiornamento di ministero della Salute e Protezione Civile è arrivato puntuale dopo i ritardi di sabato: 18.887 i nuovi casi, 564 i morti nelle ultime 24 ore. Entrambi i valori sono in calo, anche se con i decessi di oggi il numero delle vittime da inizio epidemia sfonda quota 60mila. Ancora giù le terapie intensive, aumentano i ricoveri in regime ordinario. Risale il rapporto positivi tamponi: va tenuto conto che nel weekend si processa un numero inferiore di test. Dalle regioni: ulteriore frenata dei contagi in Lombardia (che registra un calo consistente), Emilia-Romagna (dove aumentano però i decessi) Veneto e Toscana. Per la prima volta da mesi si contano oggi più nuovi casi in Veneto rispetto alla Lombardia. 

Bollettino: dati Covid del 6 dicembre

Con i 18.887 contagi di oggi, i casi di Covid in Italia da inizio epidemia salgono a 1.728.878. Le 564 vittime registrate portano il totale dei decessi a 60.078. Gli attualmente positivi sono 1.137 più di ieri, mentre si contano altri 17.186 guariti. Calano i tamponi rispetto a ieri: 163.500 quelli processati nelle ultime 24 ore, motivo per cui il rapporto tra i positivi e i test risale all'11,54% (+0,8%). Prosegue il calo delle terapie intensive: i pazienti in condizioni critiche sono 3.454, 63 in meno rispetto a ieri. In risalita, invece, i ricoverati in ospedale con sintomi: sono 30.391 (+233). Ammontano attualmentea a 721.461 le persone in isolamento domiciliare. La regione con il maggior numero di nuovi casi è il Veneto (3.444) seguito da Lombardia (2.413), Puglia (1.789), Emilia-Romagna (1.788) e Lazio (1.632). 

Tabella Coronavirus in Pdf

News dalle Regioni / Lombardia

Nuovo significativo calo dei contagi Covid in Lombardia: sono 2.413 i nuovi positivi, a fronte di 26.026 tamponi effettuati. Purtroppo si registrano altri 140 decessi che portano il numero delle vittime complessive 23.024. Scende il numero dei ricoverati con sintomi: sono 182 in meno di ieri, in totale 6.372 (-182). Lieve rialzo delle terapie intensive: a oggi 807 (+2).

Emilia-Romagna

I contagi Covid rilevati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore sono 1.788 (ieri 1.964), su un totale di 11.171 tamponi eseguiti (ieri oltre 18mila). L'età media è di 42,3 anni. Il rapporto nuovi positivi su test effettuati è al 16%, in forte crescita rispetto a ieri. Sono 88 i decessi comunicati oggi (ieri 52).

Veneto

Lieve frenata dei contagi da Coronavirus in Veneto: sono 3.444 nelle ultime 24 ore (ieri +3.607). Cala significativamente il numero dei morti: 37 quelli comunicati oggi, contro i 108 di ieri. In aumento i ricoverati in ospedale: 23 in più nelle ultime 24 ore, a fronte però di un calo (-6 unità) delle terapie intensive. Salgono gli attualmente positivi, che toccano quota 76804 (+1846). 

Toscana

Contagi stabili (in lieve diminuzione) in Toscana: i nuovi casi sono 753, lo 0,7% in più rispetto al totale del giorno precedente a fronte di 12.142 tamponi processati (di cui il 6,2% positivo). Sono 3.808 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 19,8% è risultato positivo. Calano i ricoverati (sono 1.612, -22), di cui 252 in terapia intensiva (-9). Altri 28 i decessi (ieri 41): 15 uomini e 13 donne, con età media di 80,7 anni.

Piemonte

Sono 1.269 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari al 13,5% dei 9.386 tamponi eseguiti. Di questi, il 40% (1.508) sono asintomatici. Altre 55 le vittime di Coronavirus comunicate, di cui 4 si sarebbero verificate oggi. Il totale è ora 6.623 deceduti risultati positivi al virus. I ricoverati in terapia intensiva sono 359 (-7 rispetto a ieri), quelli non critici sono 4.239 (-37 rispetto a ieri).

Marche

Torna a crescre il rapporto positivi tamponi nelle Marche:su 3.792 test processati sale al 18,2%. I nuovi casi sono 443, 10 i decessi.

Lazio

Altri 1.632 nuovi casi di Coronavirus in Lazio (ieri 1.783) a fronte di quasi 20mila tamponi (ieri circa 21mila). Sono 14 i decessi registrati nelle ultime 24 ore, meno della metà di ieri quando se ne erano registrati 32. 

Puglia

Altri 1.789 casi di Covid in Puglia con, purtroppo, 24 nuove vittime. Il governatore Emiliano ha chiesto ieri di lasciare in zona arancione parte della regione, in particolare "le province di Foggia e Bat e parte dell'area Murgiana della città metropolitana di Bari".

Campania

Sono 1.552 i casi di Covid in Campania nelle ultime 24 (1.393 asintomatici e 159 sintomatici) a fronte di 19.313 tamponi effettuati (165.293 il totale). Altre 32 le vittime (ieri 55), 1.990 in totale da inizio epidemia. I guariti sono stati 1.638 (totale a 62.060).  Sono 155 i pazienti in terapia intensiva (-10), 1.916 quelli ricoverati in altri reparti. 

Sicilia

Altri 1.022 contagi da Covid in Sicilia, a fronte di 8.132 tamponi effettuati. Purtroppo nelle ultime 24 ore si contano anche 36 decessi che portano il totale delle vittime, in regione, a 1.759. Diminuiscono le persone ricoverate con sintomi (1.367,-33),  e quelle in condizioni critiche (213, -2).

Alto Adige

Sono 278 i nuovi casi di Covid-19 in Alto Adige emersi nelle ultime 24 ore. Stabili i ricoveri, anche se le terapie intensive aumentano di un'unità. Sei le vittime nelle ultime 24 ore, per un totale di 578 dall'inizio della pandemia.

LE ALTRE - Sono 702 i nuovi contagi da Coronavirus in Friuli Venezia Giulia a fronte di 20 decessi da Covid-19, a cui si aggiungono ulteriori 7 morti pregressi inseriti oggi e relativi al periodo dall'1 al 4 dicembre. I nuovi positivi in Basilicata sono 86, sei le nuove vittime. 'Solo' 34 nuovi casi di Coronavirus in Valle d'Aosta dove vengono comunicati però 3 ulteriori morti. In Sardegna 293 i nuovi casi e 7 i decessi (531 in tutto). Calano i pazienti in terapia intensiva (sono 64, -3) e crescono i ricoveri in reparti non intensivi (+9 rispetto al dato di ieri). Altri 304 contagi in Liguria, dove vengono rilevate 20 nuove vittime. Sono 340 i nuovi casi di Coronavirus in Calabria

Le ultime notizie

Pubblicate nella notte le Faq del Governo sul Dpcm del 3 dicembre. Domande e risposte di Palazzo Chigi non sciolgono però i dubbi attorno al nuovo decreto, lasciando interrogativi aperti soprattutto sulla casistica di quelle "Situazioni di necessità" che consentono gli spostamenti tra comuni anche nei giorni a ridosso di Natale e Capodanno (cosa si può fare: domande e risposte). A fare chiarezza, semmai, è stata la circolare del Viminale sulle misure anti Covid (e i relativi controlli) che ha ribadito, intanto, come per muoversi nelle date soggette a ulteriori restrizioni sia necessario il modulo di autocertificazione. Anche per raggiungere, ad esempio, parenti o amici non autosufficienti per portare loro assistenza. "Il Governo ripensi alle misure che creano disparità", l'appello lanciato oggi dal governatore della Liguria, Giovanni Toti. "Giorno di Natale a rischio disastro sociale e umano", l'affondo del presidente della Lombardia, Attilio Fontana. Domani è in programma la cabina di regia sul Recovery Fund: sembra difficile, al momento, che l'esecutivo possa cogliere l'occasione per inserire eventuali, ulteriori, deroghe al Dpcm di Natale.  "Saranno feste di responsabilità, sacrificio e di speranza perché un pò di luce alla fine del tunnel si comincia a vedere", dichiara il commissario per l'emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri. Certezze riguardano invece gli spostamenti tra regioni prima del 21 dicembre: una possibilità, prevista tra zone gialle, che preannuncia già ora un esodo massicio, soprattutto tra Nord a Sud. Da mercoledì, secondo fonti di Governo, l'Italia dirà addio (si spera non arrivederci) alle zone rosse Covid: anche l'Abruzzo passerà in arancione.