Roma, 15 novembre 2021 - Calano, rispetto a ieri, i contagi Covid nel bollettino del ministero della Salute (qui il bollettino aggiornato a oggi 16 novembre), ma la curva dei casi di Coronavirus in Italia su base settimanale continua a salire. Come ogni lunedì i dati sono influenzati dall'effetto weekend: con 200mila tamponi effettuati in meno, il tasso di positività schizza oltre il 2%. Aumentano i decessi e soprattutto cresce la pressione ospedaliera: sono in netto rialzo i ricoveri ordinari (+161) e sale il numero di pazienti in terapia intensiva

Bollettino Covid del 15 novembre: contagi in Italia

Ciccozzi: "Mascherine all'aperto per salvare Natale"

Sommario

"Il dato oggettivo è che siamo in ascesa nel numero dei casi, va detto però che questa circolazione del virus non è omogenea in tutto il Paese", ha detto Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, commentando la situazione attuale ai microfoni della trasmissione "L'Italia s'è desta", su Radio Cusano Campus. "A Trieste - ha spiegato - i numeri cominciano a preoccupare, poi ci sono Bolzano e Gorizia. Stanno aumentando anche gli ingressi giornalieri in terapia intensiva. Però la situazione ospedaliera è sostanzialmente molto tranquilla".

Epidemiologi: verso 5 regioni sopra 250 casi su 100mila

"Non possiamo fare pagare il prezzo di eventuali nuove chiusure ai vaccinati, che hanno difeso se stessi e gli altri, partecipando alla campagna vaccinale", ha detto oggi a Udine il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. "Siamo a un passo dalla zona gialla e questo è dato dal numero dei ricoveri anche in area medica, molto vicino al 15%. Il Friuli Venezia Giulia andrà in zona gialla, ma per fortuna questo prevede misure ancora molto contenute. Tuttavia, il passaggio alla zona arancione sarebbe drammatico per l'economia, è una cosa che non possiamo e non dobbiamo permettere".

Covid, l'esperto: "Possiamo reggere solo fino a Natale"

Vietato abbassare la guardia soprattutto in questo momento di risalita delle curve. Si accelera con la terza dose di vaccino, che dal primo dicembre potrà essere somministrata agli over 40 che hanno ricevuto il richiamo da almeno 6 mesi, e si discute sulla durata del green pass e sulla proroga dello stato d'emergenza. "Lo stato d'emergenza è uno strumento utile e sull'opportunità di prolungarlo si deciderà a ridosso della sua scadenza - ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, nella trasmissione '24 Mattino' su Radio 24 - è chiaro che io ritengo che lo stato d'emergenza sia uno strumento utile che ci permette di gestire la situazione in modo più agile".

Il bollettino Covid di oggi 15 novembre

Ancora in crescita la curva epidemica settimanale in Italia. I nuovi casi sono 5.144, contro i i 4.197 di sette giorni fa. Come sempre il lunedì sono stati effettuati pochi tamponi, 248.825, quasi 200mila meno di ieri, tanto che il tasso di positività schizza al 2,1%. I decessi sono 44 (ieri 36) per un totale di 132.819 vittime dall'inizio dell'epidemia. Sempre in aumento i ricoveri: le terapie intensive sono 17 in più (ieri +5) con 41 ingressi del giorno e salgono a 475, mentre i ricoveri ordinari aumentano di 161 unità (ieri +50) e sono 3.808 in tutto. La regione con più casi odierni è il Veneto (+712), seguita da Emilia Romagna (+651), Lazio (+595), Campania (+525) e Lombardia (+506). I contagi totali in Italia dall'inizio della pandemia sono 4.865.260. I guariti sono 3.510, ma sono ancora in rialzo il numero degli attualmente positivi, 1.645 in più, che salgono a 120.875. Di questi, sono in isolamento domiciliare 116.592 pazienti.

Regioni / Veneto

Resta sempre alto il numero di contagi Covid in Veneto. Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 712 nuovi positivi, il 2,24% dei 31,660 tamponi effettuati. Si registra anche un decesso che porta a 18.876 il totale delle vittime da inizio pandemia. Sale il numero dei soggetti attualmente positivi, 16.381, e cresce la pressione ospedaliera: i pazienti ricoverati sono 381 (+19), dei quali 317 (+18) nei reparti medici, e 64 (+1) nelle terapie intensive.

Emilia-Romagna

Ancora più di 600 casi in Emilia-Romagna e altri sei morti, mentre continuano a crescere i ricoveri. Il bollettino segnala oggi 651 positivi in più, rilevati con 17.048 tamponi nelle ultime 24 ore. Bologna è prima provincia con 119 casi più 39 dell'Imolese, segue Forlì-Cesena con 123 casi e poi Modena (81). I guariti sono 363 in più, i casi attivi 10.871 (+282), il 95,8% in isolamento a casa. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 42 (+2 rispetto a ieri), 418 quelli negli altri reparti Covid (+21). 

Lazio

Oggi nel Lazio su 8.650 tamponi molecolari e 13.417 tamponi antigenici per un totale di 22.067 tamponi si registrano 595 casi positivi (-272). I decessi sono 10 (con un recupero di notifiche arretrate), 579 i ricoverati (+21), 75 le terapie intensive (+5) e 713 i nuovi guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,6%. I casi a Roma città sono a quota 250. Lo ha reso noto, come di consueto, l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato.

Campania

Sono 525 i positivi del giorno in Campania, rilevati a fronte di 11.692 tamponi processati. Nel bollettino di oggi sono inseriti anche 9 decessi, di cui sette avvenuti nelle ultime 48 ore e due in precedenza, ma registrati ieri. I ricoverati in terapia intensiva sono 21, uno più di ieri, mentre i pazienti nei reparti di degenza sono 293.

Lombardia

Con 36.806 tamponi effettuati è di 506 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, per un tasso di positività in salita all'1,3% (ieri 1%). Stabile il numero di ricoverati in terapia intensiva (50) mentre salgono i pazienti nei reparti (+19, 460). Sono 3 i decessi, che portano il totale a 34.243 morti da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 167 i positivi segnalati a Milano (di cui 74 a Milano città), 27 a Bergamo, 75 a Brescia, 15 a Como, 6 a Cremona, 7 a Lecco, 3 a Lodi, 26 a Mantova, 40 a Monza, 17 a Pavia, 24 a Sondrio e 80 a Varese.

Sicilia

I nuovi casi di Covid scoperti in Sicilia sono 442 (ieri erano 501), a fronte di 13.272 tamponi processati, dato che porta il tasso di positività al 3,3%. Oggi si registrano 3 decessi (ieri erano 2). I guariti sono 84 e gli attualmente positivi sono 9.432 (+355 rispetto a ieri). Cresce la pressione ospedaliera (+8): sono 338 i pazienti nei reparti ordinari 338, mentre sono 46 (con 3 nuovi ingressi) i ricoverati in terapia intensiva. In isolamento domiciliare si trovano invece 9.048 persone.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.158 tamponi molecolari sono stati rilevati 355 nuovi contagi con una percentuale di positività dell'11,24%. Sono inoltre 6.466 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 24 casi (0,37%). I nuovi positivi sono quindi 379. Nella giornata odierna si registrano due decessi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 23, mentre i pazienti in altri reparti risultano essere 158.

Toscana

Sono 291 i nuovi casi di positività scoperti in Toscana dall'analisi di 5.909 tamponi molecolari e 6.779 tamponi antigenici rapidi. Nelle ultime 24 ore si registrano anche 4 decessi, tutti relativi a uomini, con età media di 72,5 anni. Gli attualmente positivi sono 7.427, -2% rispetto a ieri. Tra questi i ricoverati sono 297 (4 in più rispetto a ieri), di cui 33 in terapia intensiva (2 in meno).

Piemonte

Resta da giorni fermo a 24 il numero dei ricoverati Covid in terapia intensiva negli ospedali del Piemonte, mentre cresce in modo costante il dato dei pazienti negli altri reparti (oggi +15, 279 in totale). Il bollettino di oggi riporta 240 nuovi casi, lo 0,6% dei 43,441 tamponi diagnostici processati, di cui 40.507 antigenici. Tra i casi positivi gli asintomatici oggi sono pari al 70,8%. Due i decessi, relativi a giorni precedenti; il totale delle vittime da inizio pandemia sale così a 11.852. Le persone in isolamento domiciliare sono 5.786, i nuovi guariti 190.

Alto Adige

Altri 233 casi positivi sono stati accertati in Alto Adige nelle ultime 24 ore sulla base di 883 tamponi molecolari e 4.096 test antigenici. Non viene segnalato invece nessun nuovo decesso. Il 40% dei casi riguarda persone con meno di 29 anni. Aumentano i ricoverati che sono 83, dieci in più rispetto ad ieri: 9 pazienti (+1) si trovano in terapia intensiva e 74 (9 in più) nei normali reparti ospedalieri.

Liguria

Si registra un incremento di pazienti Covid negli ospedali della Liguria: sono 110, 12 in più rispetto al giorno precedente, di cui 8 in terapia intensiva. I nuovi positivi sono 149, il 2,67% di 5.565 tamponi eseguiti, tra molecolari e antigenici. Nelle ultime 24 ore non ci sono stati decessi, per cui il totale dei morti da inizio pandemia resta fermo a 4.441. I guariti sono 64, mentre in isolamento domiciliare ci sono 2.131 persone.

Puglia

Sono 132 i nuovi casi di Coronavirus rilevati in Puglia su 16.160 test effettuati, con una incidenza dello 0,8%. Si registra inoltre un decesso. I nuovi casi sono così distribuiti: 53 in provincia di Bari, 2 in provincia di Bat, uno in provincia di Brindisi, 39 in provincia di Foggia, 23 in provincia di Lecce e 6 in provincia di Taranto. Le persone attualmente positive sono 3.821: tra queste 162 sono ricoverate in area non critica, mentre 21 pazienti sono in in terapia intensiva.

Calabria

Tornano a crescere i ricoveri per Covid negli ospedali della Calabria. Nelle ultime 24 ore, nel saldo tra ingressi ed uscite, si registrano 5 ricoverati in più in area medica (117) e 3, tutti a Catanzaro, in terapia intensiva (12). Il bollettino odierno segnala inoltre un decesso, che porta a 1.467 il totale delle vittime da inizio pandemia, e 120 nuovi contagi. I casi attivi sono 3.718 (-19), gli isolati a domicilio 3.589 (-27) ed i nuovi guariti 138.

Marche

Nelle ultime 24 ore nelle Marche sono stati individuati 99 nuovi casi, il 9,3% rispetto ai 1.060 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi (ieri il rapporto era stato dell'11,2%, con 285 casi su 2.543 tamponi). Cresce la pressione ospedaliera: sono 93 i pazienti assistiti nei reparti ordinari (13 più di ieri), mentre nelle terapie intensive ci sono 23 ricoverati (+3).

Le altre regioni

Solo un nuovo positivo in Basilicata, 7 in Molise, 26 in Abruzzo dove si registra anche una vittima. Frenata dei contagi, 35 nelle ultime 24 ore, e ricoveri stabili in Sardegna. Nessun decesso e 19 casi in Umbria. Tre positivi in Valle D'Aosta, 35 in Trentino.